Progetto:Coordinamento/Scuole/Vivarium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vivarium
Regione Regione-Basilicata-Stemma.svg Basilicata
Provincia Provincia di Potenza-Stemma.png Potenza
Città Potenza
Partecipazione
Istituti 1
Svolgimento
Docenti/Tutor Luigi Catalani
Periodo 2016
Template per pagina di discussione delle voci create
{{Voce Scuole|Vivarium}}
Vivarium
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Città Pagani
Partecipazione
Istituti 1
Svolgimento
Docenti/Tutor Luigi Catalani
Periodo 2016
Template per pagina di discussione delle voci create
{{Voce Scuole|Vivarium}}

Vivarium è un progetto ideato e realizzato da Luigi Catalani e da Armando Bisogno, docenti presso l'Università degli studi di Salerno, finalizzato a supportare le scuole e i docenti nell'utilizzo della tecnologia wiki nell'organizzazione della didattica.

Il Centro interdipartimentale per gli studi di Filosofia tardoantica, medievale e umanistica (FiTMU), attivo presso il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università degli Studi di Salerno, ha inserito il progetto Vivarium tra le proprie attività e ha stipulato un protocollo d’intesa con le due scuole coinvolte.

Il Progetto Vivarium prende le mosse da due premesse fondative:

1. Ogni docente è portatore di un vasto patrimonio di conoscenze, competenze e metodologie che incrementa e perfeziona giorno per giorno lungo tutto l'arco della sua carriera. Tale patrimonio rimane però in tantissime occasioni ridotto al solo trasferimento in occasione della didattica frontale, senza lasciare tracce condivisibili dalla comunità e, soprattutto, nella maggior parte dei casi, va perduto a conclusione del percorso professionale dei docenti, proprio nella stagione in cui più ricco è diventato il loro bagaglio.

2. Il sapere è per sua natura – e oggi sempre di più – un dominio ‘aperto’, comunitario e in perenne espansione. Il ritmo con il quale le conoscenze si aggiornano e si espandono, infatti, e l'amplissima diffusione delle notizie provenienti dai maggiori centri di ricerca o agenti informativi impediscono oggi più che in passato una relazione didattica che si fondi solo sul classico concetto di 'libro di testo', che rischia di diventare, nell'arco anche solo di un quinquennio, uno strumento di lavoro e di studio non aggiornato. È invece necessaria oggi una modalità didattica più dinamica e soggetta a progressivi arricchimenti e miglioramenti che aiuti i docenti ad espandere e innovare continuamente il proprio testo di riferimento, aggiungendo notizie e dati provenienti da fonti aggiornate e facendole interagire con la loro esperienza didattica.

Le nuove tecnologie permettono di conciliare questi due aspetti, vale a dire per un verso la preservazione e la valorizzazione del bagaglio di competenze e conoscenze accumulato dai docenti durante il loro magistero e, per un altro, la necessità di rendere la didattica sempre aperta ai cambiamenti dell'universo culturale e di saperi circostante. Il progetto Vivarium ha dunque come finalità supportare i docenti nella creazione, attraverso usi diversificati dello strumento software wiki, di materiali didattici sempre aperti, sempre modificabili e ampliabili, condivisibili con i colleghi e gli studenti. Il progetto vuole dunque produrre veri e propri manuali di testo open access gratuiti, ma anche una concreta esperienza della modalità con la quale progredisce il sapere contemporaneo, vale a dire la condivisione orizzontale e collaborativa di conoscenze.

Il progetto Vivarium ha previsto, per l’anno scolastico 2015/2016, due sperimentazioni, una presso il Liceo delle scienze umane "E. Gianturco" di Potenza, l’altra presso il Liceo scientifico "B. Mangino" di Pagani, in provincia di Salerno.

L'obiettivo della sperimentazione didattica condotta a nel Liceo potentino è stato duplice:

  • sperimentare la creazione condivisa (da docenti a studenti) di contenuti didattici (unità didattiche, moduli, progetti, capitoli autosufficienti di un manuale) sempre implementabili (aggiornamento e arricchimento dei contenuti) e sempre disponibili sul web (conservazione del materiale)
  • familiarizzare con le più diffuse e conosciute piattaforme wiki (Wikibooks in primis, ma anche Commons, Wikipedia e Wikisource) in modo da rendere docenti e studenti non solo utenti consapevoli di queste piattaforme, ma anche utilizzatori attivi, capaci di inserire contenuti (conoscenza della sintassi wiki, conoscenza delle licenze Creative Commons, manuale di stile ecc.).

Docenti e studenti hanno collaborato dunque nella redazione collettiva di una serie di materiali didattici, dotati di una propria autonomia contenutistica e di una propria coerenza formale, da caricare direttamente sulla piattaforma Wikibooks. In particolare, la classe 1a B del Liceo Gianturco ha deciso di lavorare, sotto la guida di Luigi Catalani e della Prof.ssa Grazia Curci, animatrice digitale dell'istituto scolastico, alla realizzazione di un ebook sul tema del cyberbullismo, trattato da molteplici punti di vista: linguistico, normativo, psico-sociale, tecnologico. Luigi Catalani ha svolto 3 incontri in presenza, il 19 dicembre 2015, il 13 febbraio 2016 e il 21 maggio 2016.

Nel Liceo di Pagani, tra la fine del 2015 e l'inizio del 2016 si è svolto un ciclo di incontri pomeridiani, in cui 20 studenti (degli anni terzo e quarto) e i docenti interessati verranno formati da un responsabile del progetto (Armando Bisogno) all'uso del linguaggio di scrittura wiki. Si è creata così una redazione stabile. Nel corso dei mesi sono stati realizzati:

  • un wiki scolastico, vale a dire un giornale-enciclopedia dell'Istituto, una memoria 'in fieri' alla quale tutti potranno contribuire, inserendo voci, link, foto, immagini.
  • un wiki per ogni docente, dedicato e personale, che questi potrà costruire e accrescere, dando vita al suo libro di testo, sempre aperto, sempre modificabile.

In entrambi i casi, dunque, la sperimentazione ha inteso mettere alla prova dei modelli progettuali per la creazione condivisa di contenuti didattici su piattaforme wiki (nel primo caso Wikibooks, nel secondo caso Mediawiki).

Al termine del progetto, è stata organizzata una duplice manifestazione finale.

Lunedì 6 giugno: una rappresentanza di docenti e studenti del Liceo scientifico di Pagani (SA) è stata ospite del Liceo delle Scienze umane di Potenza. Le due scuole hanno presentato i risultati del progetto Vivarium.

Martedì 7 giugno la classe 2.0 del Liceo delle Scienze Umane di Potenza ha ricambiato la visita al Liceo Scientifico di Pagani. Nel primo pomeriggio, le due scuole hanno presentato presso l'Università degli Studi di Salerno i risultati del progetto Vivarium.

Elenco dei docenti partecipanti (Liceo delle Scienze umane di Potenza)[modifica wikitesto]

Elenco degli studenti partecipanti (Liceo delle Scienze umane di Potenza)[modifica wikitesto]

Pagine utili[modifica wikitesto]

Per i contributi a Wikipedia