Prodotto (economia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Prodotto (commercio))
Argomenti di marketing
Concetti chiave

Prodotto / Prezzo
Promozione / Distribuzione
Ricerche di mercato / Strategie di marketing
Marca / Brand management

Promozione

Pubblicità / Sales promotion
Personal sales / Mailing
Pubbliche relazioni / Direct marketing

Promozione: media
Giornali / Riviste

Televisione / Radio

Argomenti correlati

Comunicazione / Economia aziendale
Customer relationship management

Un prodotto, in economia, è un insieme di attributi tangibili e intangibili di un bene o un servizio volti a procurare un beneficio a un utilizzatore, ottenuto tipicamente attraverso un processo di produzione o creazione a partire da risorse iniziali e con valore aggiunto finale.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel marketing, il prodotto è anche una delle 4P del marketing mix. Viene definito come tutto ciò che può essere offerto a un mercato per attenzione, acquisizione, uso o consumo, per soddisfare un desiderio o un bisogno. Un prodotto non è quindi solamente l'oggetto fisico in sé (bene), ma include anche servizi, persone, luoghi, organizzazione e idee.

Durante le fasi di progettazione e produzione si fa riferimento ai vari componenti di ciascun prodotto attraverso la distinta base.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Un prodotto si può classificare per:

  • famiglia di bisogno: bisogno che origina la famiglia di prodotto (es. bisogno di locomozione)
  • famiglia di prodotto: classi di prodotto che soddisfano un bisogno (es. automobili)
  • classe di prodotto: gruppo di prodotti con funzioni simili
  • linea di prodotto: gruppo di prodotti con un elemento comune
  • gruppo di prodotto: articoli di una linea con una caratteristica comune
  • marca: prodotti con un preciso nome
  • referenza: varianti di un prodotto
  • articolo: sinonimo di referenza

Sino ai significati di prodotto come la famiglia, classe, gruppo, gamma e simili, si parla di tipologie di un prodotto (prodotti con alcune caratteristiche in comune); invece, con articolo (referenza) si è individuato uno specifico prodotto ovvero il massimo grado di analiticità dal punto di vista delle caratteristiche e proprietà (proposte al mercato da parte di un produttore).

Si usa anche il concetto di gamma di prodotto per significare, a seconda dei casi, o la "linea" o il "gruppo" di prodotto. La serie, invece, è la successione temporale di una marca di prodotto (come le serie di un modello di automobile). La marca è il nome distintivo di un prodotto entrato nell'uso comune da parte del mercato ma è un concetto più di marketing del consumatore che di vendita/produzione in quanto un fornitore ovviamente assegna un nome (cioè una descrizione fosse anche una sigla) a qualsiasi prodotto venduto nel senso di articolo.

Nel linguaggio economico e del marketing per prodotto s'intende soprattutto "famiglia" o al più "classe" di prodotto; in quello industriale e delle vendite, invece, s'intende "gruppo" di prodotto e "articolo". Nel gergo del magazzino si usa molto spesso il termine codice come sinonimo di articolo, sebbene il codice sia solo una delle proprietà anagrafiche di una referenza e comunque anche gli altri livelli possono essere codificati. Da notare che la classificazione di prodotto non si applica solo al prodotto finito, ma anche ai semilavorati e alle materie prime o, ovviamente, a macchine, attrezzature, opere e servizi.

La matricola o seriale (serial number) è un codice che identifica univocamente un esemplare di un certo articolo di prodotto. Il lotto invece è un insieme omogeneo (di prodotto) realizzato con medesime condizioni produttive. Il concetto di lotto è relativo in quanto ogni settore gli assegna un significato operativo specifico (per l'alimentare o il farmaceutico è una cosa, per l'automobilistico o il siderurgico è un'altra). Matricola e lotto sono mezzi di identificazione temporale di prodotto e sono utili, ad esempio, per la rintracciabilità.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Un prodotto parte da una forma base (core), per poi poter essere ampliato in funzione delle esigenze del mercato e dell'impresa.

  • Prodotto essenziale (core product): è il prodotto o servizio che il consumatore acquista per soddisfare una necessità.
(es. un'automobile)
  • Prodotto atteso (expected product): comprende altre parti di un prodotto, non essenziali, ma che si combinano per fornire dei benefici: qualità, profilo estetico, caratteristiche tecniche, marca.
(es. un'automobile con determinate caratteristiche di velocità, sicurezza...)
  • Prodotto ampliato (augmented product): include un bundle of benefits, cioè un fascio di servizi e benefici aggiuntivi offerti al cliente: garanzia, consegna gratuita, installazione...
(es. garanzia di 5 anni sull'automobile acquistata)
  • Prodotto potenziale (potential product): è teoricamente tutto ciò che si può arrivare ad offrire al consumatore, anche per soddisfare bisogni di cui egli non ha ancora la consapevolezza.

Ciclo di vita[modifica | modifica wikitesto]

Ogni prodotto posto in commercio segue un proprio ciclo di vita, rappresentato dalle seguenti fasi:

  • Introduzione o lancio - il prodotto è introdotto nel sistema produttivo
  • Sviluppo - la domanda si espande e le vendite pure, vengono aggiunte nuove caratteristiche al prodotto
  • Maturità - l'impresa che aveva originariamente lanciato il prodotto deve difendere la quota di mercato raggiunta, in pratica deve fare in modo che i compratori non passino alla concorrenza
  • Saturazione - le vendite rallentano e toccano il massimo livello
  • Declino - le vendite cominciano gradualmente a diminuire
  • Ritiro o Rivitalizzazione - quando il prodotto non raggiunge più un livello di vendite soddisfacente per il venditore, questi può procedere al ritiro del prodotto dal mercato o al suo restyling (l'apporto di modifiche sostanziali), iniziando così una nuova fase di espansione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia