Procuste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Procuste
Teseo e Procuste
Nome orig.Προκρούστης
Caratteristiche immaginarie
EpitetoLo stiratore
SessoMaschio
ProfessioneBrigante

Procuste o Procrustes (in greco antico: Προκρούστης?, Prokroustes), o Damaste (Δαμαστής, Damastếs) o anche Polifemone (Πολυπήμων, Polipémon), è un personaggio della mitologia greca e fu un gigante e torturatore dell'Attica.

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Poseidone,[1] fu padre di Sini, avuto da Sylea.[2]

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Procuste era il soprannome di un brigante di nome Damaste che, appostato sul monte Coridallo, nell'Attica e lungo la via sacra tra Eleusi e Atene, aggrediva i viandanti e li straziava battendoli con un martello su un'incudine a forma di letto.[3] I malcapitati venivano così torturati e stirati a forza se troppo corti, o amputati qualora i loro arti sporgessero dal letto.[4] Fu ucciso da Teseo che gli fece patire la stessa sorte.[1]

Ulteriori interpretazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ulteriori interpretazioni del mito (che divennero predominanti) affermavano invece che Damaste possedesse due letti, uno molto corto e uno molto lungo e che usava a seconda della statura della vittima, stirando quelli di bassa statura sul letto lungo e amputando le membra di quelli di alta statura avanzanti dal letto corto.

Con la locuzione letto di Procuste o "letto di Damaste", derivata da questo mito, si indica il tentativo di ridurre le persone a un solo modello, un solo modo di pensare e di agire, o più genericamente una situazione difficile e intollerabile o una condizione di spirito tormentosa.


Il mito è un'efficace descrizione dell'ideologia che non rispetta la realtà ma, quando questa contrasta con la sua teoria, la forza ad ogni costo sul poroprio modello.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (LA) Igino, Favole, XXXVIII (Thesei labores), The Latin Library. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  2. ^ (EN) Apollodoro, Biblioteca, III, 16.2, Theoi.com. URL consultato il 20 aprile 2019.
  3. ^ (LA) Diodoro Siculo, Libreria storica, IV, 59.5, Theoi.com. URL consultato il 20 aprile 2019.
  4. ^ (EN) Plutarco, Vita di Teseo, in Vite parallele, XI, University of Chicago. URL consultato il 20 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN154145601906501321472 · GND (DE1083040162 · BNF (FRcb15082663j (data)
  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca