Principi e principesse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principi e principesse
Titolo originale Princes et Princesses
Lingua originale francese
Paese di produzione Francia
Anno 2000
Durata 65 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 4:3
Genere animazione, fantastico, fiabesco
Regia Michel Ocelot
Soggetto Michel Ocelot
Sceneggiatura Michel Ocelot
Produttore Didier Brunner, Jean-Françoise Laguionie
Casa di produzione Canal+/CNC/Les Armateurs/La Fabrique/Studio 0/Salud Productions
Distribuzione (Italia) Alfadedis
Storyboard Michel Ocelot
Art director Michel Ocelot
Character design Michel Ocelot
Animatori Michel Ocelot, Bénédicte Galup, Lionel Kerjean, Inni Karine Melbye, Richard Mithouard
Montaggio Dominique Lefever, Michèle Peju, Anita Vilfrid
Musiche Christian Maire
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Episodi
  • La principessa dei diamanti
  • Il ragazzo dei fichi
  • La strega
  • Il mantello della vecchia signora
  • La regina crudele e l'ammaestratore del flautomauto
  • Principe e principessa
Premi

Principi e principesse (Princes et Princesses) è un film d'animazione francese del 2000 diretto da Michel Ocelot.

Si tratta di una raccolta di sei episodi, tutti della durata di circa 10 minuti o poco meno, originariamente realizzati per il programma televisivo Ciné Si nel 1989 e poi scelti e raccolti dal loro creatore e regista, Ocelot, per realizzarne un lungometraggio.

Questi racconti sono stati creati soltanto utilizzando un paio di forbici, una macchina da presa, una lastra di vetro e delle marionette piatte di carta nera con articolazioni in fil di ferro, per poter essere mosse a mano.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un cinema abbandonato, due ragazzi decidono di inventare storie e di metterle in scena con l'aiuto di un tecnico esperto.[2]

  • Nella prima storia un principe trova a terra un diamante che appena viene raccolto fa comparire una principessa che, a causa di un sortilegio non può muoversi. Il principe riuscirà a raccogliere tutti i 111 diamanti sciogliendo così l'incantesimo che gravava sulla principessa.
  • La seconda storia è ambientata nell'antico Egitto. Un contadino decide di portare un fico alla regina Hatshepsut, che apprezza a tal punto il gesto che lo ricompensa in modo esagerato. La ricompensa creerà l'invidia di un funzionario di palazzo.
  • Nella terza storia un gruppo di persone deve entrare in un castello e sconfiggere la strega che vi abita, ottenendo come premi la mano della figlia del re. Alla fine un principe, semplicemente bussando alla porta del castello, riesce ad espugnare il castello e preferisce rimanere con la strega.
  • La quarta storia è ambientata in Giappone. Un uomo forte vuole rubare il mantello della vecchia signora Olko ma viene scoperto. La vecchia signora lo costringe a servirla fino all'alba. Alla fine Olko decide di regalare il mantello all'uomo.
  • La quinta storia è ambientata in un futuro lontano, precisamente nell'anno 3000. A una regina crudele un artista regala il "flauto-mauto" a cui lui ha insegnato a cantare, e riferisce di voler tentare la prova che la regina ha indetto: la regina per scegliere il suo contendente decide che se un uomo fosse riuscito a nascondersi dal suo raggio distruttore sarebbe stato suo marito. Alla fine il flauto-mauto si rivela essere l'addestratore stesso, ed, essendo scampato al raggio, sposerà la regina.
  • Nella sesta ed ultima storia il principe e la principessa si baciano e per loro comincia una serie di trasformazioni in animali.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco dei vincitori del festival 2001.
  2. ^ Principi e principesse.
  3. ^ PRINCIPI E PRINCIPESSE Princes et princesses.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]