Principe di Belmonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il titolo di Principe di Belmonte fu creato da Filippo III di Spagna il 5 marzo 1619, in favore dell'allora Conte Orazio Giovan Battista Ravaschieri Fieschi, dei Conti di Lavagna, Barone di Belmonte e di Badolato. Il titolo, passato alle famiglie Pinelli, Duchi d'Acerenza, e poi Pignatelli, venne soppresso con la legge di Eversione della feudalità nel regno di Napoli promulgata il 2 agosto 1806; il titolo si tramandò de iure ai membri della famiglia Ravaschieri Fieschi Pinelli Pignatelli Granito, divenendo parte del cognome.

Nome Anno di investitura Anno di decadenza
Orazio Giovan Battista Ravaschieri Fieschi 5 marzo 1619 12 ottobre 1645
Daniele Domenico Ravaschieri Fieschi 12 ottobre 1645 5 dicembre 1685
Anna Maria Ravaschieri Fieschi Pinelli 5 dicembre 1685 1692
Gaetano Ravaschieri Fieschi Pinelli 1692 1711
Oronzo Ravaschieri Fieschi Pinelli 1711 1722
Antonio Pignatelli[1] 1722 1767
Antonio Ravaschieri Fieschi Pinelli Pignatelli 1767 1794
Antonio Maria Ravaschieri Fieschi Pinelli Pignatelli 1794 1798
Giuseppe Ravaschieri Fieschi Pinelli Pignatelli 1798 2 agosto 1806

Presero de iure il titolo di principi di Belmonte:

  • Giuseppe Ravaschieri Fieschi Pinelli Pignatelli,
  • Francesco Ravaschieri Fieschi Pinelli Pignatelli,
  • Gennaro Ravaschieri Fieschi Pinelli Pignatelli,
  • Francesca di Paola Giuseppina Ravaschieri Fieschi Pinelli Pignatelli,
  • Gioacchino Ravaschieri Fieschi Pinelli Granito Pignatelli,
  • Angelo Ravaschieri Fieschi Pinelli Granito Pignatelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marito dal 2 giugno 1720 di Anna Francesca Ravaschieri Fieschi Pinelli figlia di Oronzo Ravaschieri Fieschi Pinelli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

    • Adels, Genealogisches Handbuch des, Fürstliche Häuser
    • Ammirato, Scipione (1580, 1651), Delle famiglie nobili Napoletane, Firenze (2 volumes)
    • Bernabo, B. (1994/1998), I Conti di Lavagna e l’alta Val di Vara, in Atti del Convegno I Fieschi tra Papato e Impero, ed. Calcagno, D., Lavagna and Chiavari Casa Ravaschiera
    • Firpo, M. (1994/1998), La ricchezza e il potere: le origini patrimoniali dell’ascesa della famiglia Fieschi nella Liguria Orientale tra XII e XIII secolo, in Atti del Convegno I Fieschi tra Papato e Impero, ed. Calcagno, D., Lavagna and Chiavari
    • Frank, Karl Friedrich von (1967–1975), Standeserhöhungen und Gnadenakte für das Reich und die österreichischen Erblande bis 1823, volumes I-V, Senfteneg
    • Frank, Karl Friedrich von (1928), Alt-Österreichisches Adels-Lexikon, Vienna
    • Ganducci, O. Famiglie nobili di Genova, secolo XVIII, ms. 94. Santa Margherita Ligure, Biblioteca Comunale
    • Granito, Giacchino (1912), Memorie, notizie e docc. della Gente Granita, Napoli
    • Ilari, Annibale (2001- Tipografica L. Palazzotti), I Gran Priori di Roma del Sovrano Militare Ordine di Malta
    • Magri, Andrea (1640), Memorie della Nobilissima Famiglia Ravaschiera, Discendente da Gli'Antichissimi Conti di Lavagna
    • Mediolani (1611), Antiquae Familie Scortiae, et Aliarum Comitum Lavaniae Antiquissima Monumenta
    • Montefusco, Luigiantonio, Nobilta nel Salento Vol. III, Istituto Araldico Salentino, Lecce
    • Musso, G.A. Stemmario p. 95
    • Rietstap (1887), Armorial Général, 2eme Edition
    • Rolland, V. H. (1926), Supplément à Rietstap
    • Ruvigny, Marquis de (1914), The Titled Nobility of Europe
    • Turchi, Gabriele, Storia di Belmonte (2004), in Appendice: Alberi Genealogici, Cosenza, Edizioni Periferia, ISBN 88-87080-96-8