Primitivo (vitigno)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Primitivo (vitigno)
Zinfandel vineyard - Madrone Vineyards Estate - Stierch.jpg
Vitigni Zinfandel in Sonoma Valley in Sonoma, California
Dettagli
Sinoniminessuno
Paese di origineItalia Italia
Colorenero
Italia Italia
Regioni di coltivazionePuglia
Campania
Basilicata
DOCGPrimitivo di Manduria Dolce Naturale
DOCAleatico di Puglia
Colline Joniche Tarantine
Gioia del Colle
Gravina
Primitivo di Manduria
Terra d'Otranto
Cilento
Falerno del Massico Primitivo
[senza fonte]

Primitivo è un vitigno rosso italiano, molto diffuso nella provincia di Taranto, in particolar modo nel suo capoluogo Manduria (da cui il nome "Primitivo di Manduria") e a Maruggio, Sava, Avetrana Lizzano, Torricella, Fragagnano, San Marzano, Laterza nel basso brindisino e nel leccese. L'origine del nome è probabilmente legata al ciclo biologico (fioritura, maturazione, ...) precoce, e viene generalmente vendemmiato nella prima decade di settembre.

Geneticamente identico al californiano Zinfandel, dove fu portato, pare, da Gioia del Colle[senza fonte], il primitivo sembra essere originario della Croazia, dove è coltivato dall'Istria alla penisola di Sabbioncello. Qui questa specie è nota come Tribidrag, Pribidrag o Crljenak Kaštelanski, a seconda delle zone di produzione. È identificato anche con il nome di "Bavanda da Sa Poursidi" nella zona di Rovigno, in Istria, mentre l'appellativo Kaštelanski si riferisce ad un piccolo centro di Kaštel Novi (Castel nuovo) vicino Spalato. Plavac mali ("Piccolo blu" in italiano) è un'altra denominazione utilizzata per un vitigno molto simile, che però a seguito di indagini genetiche più accurate si è rivelato non esattamente coincidente con lo Zinfandel. L'origine croata di questo vitigno è stata scoperta grazie al lavoro della genetista Carole Meredith, presso la University of California, Davis[1].

Il Primitivo è tuttora conosciuto con il nome di Primitivo di Manduria divenuto ormai celebre in tutto il mondo grazie al caratteristico terroir di quest'area. Questo vitigno è principalmente coltivato in questa zona e lo si può trovare nelle zone periferiche della città, nelle vicinanze della macchia mediterranea, e in prossimità del mare. Di grande importanza è la forma di allevamento ad alberello che un tempo veniva maggiormente sfruttata, si parla infatti di piante franche al piede (ossia piante non innestate), sono stati recuperati vigneti che avevano fino agli 80 anni di vita. Un vecchio vigneto di alberello di Primitivo produce in media dai 20 ai 25 quintali per ettaro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]