Priming (psicologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il priming è un effetto psicologico per il quale l'esposizione a uno stimolo influenza la risposta a stimoli successivi. L'influenza dello stimolo può esercitarsi a livello percettivo, semantico o concettuale. Ad esempio, la ripetizione di una certa parola aumenterà la probabilità che una parola simile sia fornita come risposta ad una domanda, benché non sia la risposta corretta. Oppure il breve piacere di un venticello fresco in una giornata torrida ci induce a considerare con maggiore ottimismo qualunque cosa stiamo valutando in quel momento[1].

Test[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 Hajo Adam e Adam Galinsky hanno condotto un test di priming che consisteva nel far eseguire degli esercizi mentali per valutare l'attenzione di soggetti, ad alcuni dei quali veniva fatto indossare un camice bianco da medico, col risultato evidente che l'indossare il camice produceva risultati migliori . Quest'area di ricerca è stata definita coscienza dell'abito o cognizione indossata [2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kolb & Whishaw, Fundamentals of Human Neuropsychology, 2003, pp. 453-454, 457.
  2. ^ http://www.repubblica.it/economia/2014/10/23/news/abito_lavoratore_non_fa_il_monaco-98760150/
Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di psicologia