Prima osservazione di onde gravitazionali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Simulazione video che mostra la contrazione dello spaziotempo e le onde gravitazionali prodotte durante gli ultimi secondi di vita del sistema binario di buchi neri.[1]
Misura delle onde gravitazionali ottenute da LIGO.

La prima osservazione di onde gravitazionali è avvenuta il 14 settembre 2015 e è stata annunciata dai progetti LIGO e Virgo il giorno 11 febbraio 2016.[2][3][4] Precedentemente le onde gravitazionali erano state dedotte solo indirettamente attraverso i loro effetti sulla frequenza delle pulsar nei sistemi binari di stelle. La forma d'onda, rilevata da entrambi gli osservatori LIGO,[5] rispecchia esattamente le predizioni della relatività generale per un'onda gravitazionale prodotta da una traiettoria a spirale e dalla fusione di due buchi neri di massa pari a 36 e 29 masse solari, e al conseguente "ringdown" del singolo buco nero risultante. Il segnale ricevuto è stato chiamato GW150914 (da "Gravitational Wave" e dalla data di osservazione).[2][6]

È stata anche la prima osservazione della fusione di un sistema binario di buchi neri, dimostrando così l'esistenza di sistemi di buchi neri di massa stellare e che tali fusioni possono verificarsi entro l'attuale età dell'universo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ GW150914: LIGO Detects Gravitational Waves, su Black-holes.org. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  2. ^ a b B. P. Abbott et al.
  3. ^ Castelvecchi, Davide; Witze, Alexandra (11 febbraio 2016).
  4. ^ The Editorial Board, The Chirp Heard Across the Universe, in New York Times, 16 febbraio 2016. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  5. ^ "Einstein's gravitational waves 'seen' from black holes".
  6. ^ Robert Naeye, Gravitational Wave Detection Heralds New Era of Science, in Sky and Telescope, 11 febbraio 2016. URL consultato l'11 febbraio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Benjamin P. Abbott et al., Observation of Gravitational Waves from a Binary Black Hole Merger (abstract), in Phys. Rev. Lett., vol. 116, 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]