Prima guerra del nord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Prima guerra del nord o guerra di Livonia
X1-109 1.jpg
L'assedio di Pskov (1581/1582) in una raffigurazione del XIX secolo
Data15581583
LuogoLivonia
EsitoVittoria svedese
Modifiche territorialiEstonia e territori sul golfo di Finlandia alla Svezia
Schieramenti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La prima guerra del nord o guerra di Livonia (15581583) vide le truppe russe invadere la Livonia. Fu una guerra combattuta dal Regno russo contro la Confederazione polacco-lituana, alleata a Regno di Danimarca e Impero svedese, il cui scopo era l'ottenimento della supremazia nel Mar Baltico. Le coste della Livonia (in gran parte l'attuale Lettonia) avevano per i russi un valore strategico per i commerci con l'est europeo a causa delle isole del Baltico.

L'esercito polacco-lituano era in grado di schierare sul campo più di 30.000 soldati. Nel 1581 contava 9.000 cavalieri (principalmente ussari) e 12.000 fanti, oltre a 10.000 Lituani.

La guerra terminò senza successo per la Russia nonostante le sue vittorie iniziali contro l'Ordine dei Cavalieri Teutonici, a seguito delle difficoltà economiche e di politica interna provocate dalla rivolta dei boiardi dal 1565 e dall'invasione dei tartari di Crimea, che il 24 maggio 1571 incendiarono Mosca. Nell'armistizio del 15 gennaio 1582 di Jam Zapolski con i polacco-lituani, lo zar Ivan IV (detto Il Terribile) rinunciò alla Livonia, ma riottenne fra il 1579 ed il 1581 dal re Stefano Báthory alcuni territori occupati dal nemico, dopo che questi aveva rinunciato all'assedio, durato senza successo più mesi, della città di Pskov.
Con la pace di Pljussa del 10 agosto 1583 fra Russia e Svezia, a quest'ultima furono riconosciuti alcuni territori che si affacciano sul Golfo di Finlandia, ovvero le province di Estonia, Ingria e Livonia svedesi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]