Prima guerra anglo-birmana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prima guerra anglo-birmana
Attacco a Rangoon della flotta britannica nel 1824
Attacco a Rangoon della flotta britannica nel 1824
Data 1824 - 1826
Luogo Birmania centro-meridionale
Esito Vittoria britannica
Modifiche territoriali Annessione britannica di Assam, Arakan, Manipur e Tenasserim
Schieramenti
Comandanti
Maha Bandula, Maha Ne Myo e Minkyaw Zeya Thura Archibald Campbell e Joseph Wanton Morrison
Effettivi
40.000 50.000
Perdite
Ignoto 15.000
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La prima guerra anglo-birmana ebbe luogo dal 1824 al 1826. Nel Regno Unito tale conflitto è chiamato prima guerra birmana. Fu la prima di tre guerre combattute fra Birmania e Impero Britannico durante il XIX secolo che finirono con la graduale scomparsa della sovranità e dell'indipendenza birmana.

Nel gennaio 1824, a causa delle mire espansionistiche di entrambi gli Stati che entrarono in conflitto nell'attuale zona del Manipur, i birmani guidati dal re Bagyidaw ingaggiarono i primi scontri con i britannici nell'Assam, a quel tempo controllato dai birmani e confinante con la colonia britannica dell'India. Il conflitto ebbe ufficialmente inizio nel marzo 1824, dopo che gli scontri di frontiera si erano estesi nell'Arakan.

La guerra coinvolse anche i siamesi, da tempo in conflitto con la Birmania che aveva occupato il Tenasserim. La guerra durò due anni e fu la più lunga delle tre anglo birmane. Alla fine i birmani, sconfitti ripetutamente, si arresero e cedettero ai britannici Arakan, Assam, Manipur e lo stesso Tenasserim.

Il conflitto ebbe termine con il trattato di Yandaboo del febbraio 1826.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]