Prigione di Butyrka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prigione di Butyrka
Бутырская тюрьма
Butyrka prison ed.jpg
Veduta della prigione, 2010
Ubicazione
StatoRussian-coat-arm-1667.svg Regno russo
Lesser Coat of Arms of Russian Empire.svg Impero russo
Russia Repubblica Russa
Flag of the Russian Soviet Federative Socialist Republic (1918-1920).svg RSSF Russa
URSS Unione Sovietica
Stato attualeRussia Russia
CittàFlag of Moscow.svg Mosca
Coordinate55°47′N 37°35′E / 55.783333°N 37.583333°E55.783333; 37.583333Coordinate: 55°47′N 37°35′E / 55.783333°N 37.583333°E55.783333; 37.583333
Informazioni generali
TipoCarcere
Inizio costruzione1771 (calendario gregoriano)
CostruttoreMatvej Fëdorovič Kazakov
Primo proprietarioCaterina II di Russia
Proprietario attualeStato russo
Visitabilesi
Sito webpagina ufficiale
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La prigione di Butyrka (in russo: Бутырская тюрьма? o, colloquialmente, Бутырка), è un carcere situato nel quartiere Tverskoj, a nord del centro di Mosca in Russia. Era la prigione di transito durante il regime zarista; i prigionieri vi sostavano prima dell'esilio. Nel periodo dell'Unione Sovietica, il carcere accolse un gran numero di prigionieri politici, dissidenti del regime, e criminali comuni.

Attualmente, la "Butyrka" è ancora una delle prigioni più grandi di Mosca. Il sovraffollamento continua ad essere un problema costante.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prigione Butyrka alla fine del XIX secolo

Il primo riferimento alla prigione di Butyrka risale al XVII secolo. La struttura venne eretta nel 1771 durante il regno di Caterina II di Russia come caserma per una guarnigione di cosacchi. L'edificio attuale venne eretto nel 1879 sul sito dove sorgeva il carcere-fortezza costruito dall'architetto Matvej Fëdorovič Kazakov ai primi dell'Ottocento. Le torri della vecchia fortezza ospitarono il rivoluzionario Emel'jan Ivanovič Pugačëv, leader cosacco della grande insurrezione contadina del 1773-74, che qui venne giustiziato.

Altri famosi internati furono il poeta Vladimir Majakovskij, il rivoluzionario russo Nikolaj Bauman, il fondatore della Čeka Feliks Dzeržinskij (che fu uno dei pochi individui a riuscire ad evadere dalla prigione), lo scrittore Aleksandr Solženicyn, ed Evgenija Ginzburg.

La Butyrka è famigerata per il suo regime carcerario rigido e brutale. L'amministrazione della prigione ricorreva spesso alla violenza per reprimere qualsiasi tentativo di ribellione o protesta.

Durante la rivoluzione di febbraio del 1917, i proletari di Mosca liberarono tutti i prigionieri politici dal carcere.

Dopo i fatti della rivoluzione di ottobre, la Butyrka rimase un carcere per detenuti politici o criminali controrivoluzionari, sorta di luogo di transito per i condannati ai gulag. Durante il periodo delle "Grandi Purghe", la prigione arrivò a contenere circa ventimila detenuti. Migliaia di prigionieri politici furono fucilati all'interno delle mura della Butyrka al termine delle indagini da parte della NKVD.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Data la fama di prigione dalla quale era impossibile evadere, nel 1908 il grande illusionista Harry Houdini si recò qui per dare prova delle sue abilità. Nudo, ammanettato e in catene, venne rinchiuso all'interno di una scatola metallica utilizzata per il trasporto dei detenuti in Siberia. Ventotto minuti dopo, Houdini riuscì a liberarsi e comparve fuori dalla scatola.[1]
  • Nel 2009, preparandosi per il ruolo di Whiplash in Iron Man 2, l'attore statunitense Mickey Rourke visitò il carcere di Butyrka. Il suo personaggio nel film era un criminale russo, e così Rourke volle vedere le prigioni russe dall'interno. Visitò le celle, assaggiò il rancio ed il pane cotto dai detenuti, e sostò al museo della prigione.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]