Presunti rapporti tra servizi segreti italiani e criminalità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I rapporti tra servizi segreti italiani e criminalità farebbero riferimento a rapporti (talora supposti, talora dimostrati in ambito processuale) che i servizi segreti italiani, nel corso della loro storia e attività, hanno intrattenuto con organizzazioni criminali, di matrice terroristica neofascista o mafiosa.

Il materiale è stato vagliato dalla Commissione Parlamentare di Inchiesta sulle Stragi, che ha scritto di "gravissima organicità tra servizi segreti e terroristi fascisti". In particolare nell'ultimo processo di Brescia sono emerse le informazioni che aveva il SID sugli attentati in preparazione nel 1974 (quindi Brescia e Italicus). Il rapporto di osmosi fra estremisti e servizi è ancor più evidente in alcuni personaggi implicati nella strage di Brescia, come Marcello Soffiati o Maurizio Tramonte, allo stesso tempo agenti e terroristi.

L'argomento è comunque particolarmente delicato, sia perché si presta ad ovvie speculazioni politiche, sia perché nelle operazioni sotto copertura può essere difficile distinguere tra lecito ed illecito nell'azione dell'infiltrato. A tal proposito si vedano anche i concetti di agente provocatore e operatività sotto falsa bandiera. Comunque non è il caso di Soffiati che ha partecipato materialmente alla strage di Piazza della Loggia.

Lo studio della materia, non a caso, è stato spesso ostacolato da depistaggi, inquinamenti di prove e apposizioni del segreto di Stato.

Il caso Mattei[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Enrico Mattei e Caso Mattei.

i servizi segreti italiani sono stati più volte sospettati di aver partecipato, o quantomeno di aver avuto un ruolo, nell'omicidio di Enrico Mattei.

Piazza Fontana[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Fontana (Milano) con le due lapidi dedicate a Giuseppe Pinelli
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Strage di piazza Fontana.

Il 17 dicembre il Sid realizza un rapporto con le confidenze che la fonte Serpieri aveva ottenuto in Questura da Mario Merlino. Le informazioni riguardavano gli attentati del 12 dicembre a Roma, riportando le responsabilità dello stesso merlino, di Delle Chiaie e —indirettamente— di Yves Guérin-Sérac.[1] L'informativa assommava elementi veri ad altri falsi, come suggerirebbe la circostanza che, fantasiosamente, il servizio etichettasse Merlino quale "filocinese", e Guérin-Sérac[2] come "anarchico", per lo meno nel primo rapporto SID (16 dicembre 1969). In un secondo rapporto, Merlino diventava "anarchico" (il che era parzialmente vero)[3] mentre sull'anarchismo di Guérin-Sérac si aggiungeva oscuramente «a Lisbona non è nota la sua ideologia».[4] In un terzo rapporto, indirizzato all'Ufficio «D» (mentre il secondo era stato preparato per gli organi di polizia giudiziaria) si dava anche prova di conoscere piuttosto dettagliatamente i precedenti politici di Guérin-Sérac, tra cui la militanza nelle SS della Repubblica di Vichy.[5] L'Ufficio «D» raccomandò di sottacere a carabinieri e polizia l'effettiva appartenenza anticomunista di Guérin-Sérac.[6] Questo depistaggio è sorprendente, ove si ricordi che inizialmente si era cercato di incolpare Valpreda e compagni; è stato ipotizzato che il SID presentisse che quel filone d'indagine si sarebbe presto smontato, e pertanto volesse fornire una traccia internazionale e non verificabile, poiché riferita a sospetti che erano riparati in Portogallo, paese il cui regime fascistoide impediva ogni possibilità di approfondimento investigativo.[7]

Quando, nel 1973, gli inquirenti si indirizzarono verso Giannettini,[8] il SID —contro ogni verosimiglianza[9]— negò di possedere informazioni su costui; successivamente ne agevolò la latitanza all'estero, assieme a quella dell'altro imputato Marco Pozzan,[10] ed al contempo propose vanamente a Ventura di farlo evadere dal carcere di Monza.[11] Per le operazioni di espatrio clandestino, il SID si avvaleva di una struttura, denominata Nucleo Operativo Diretto (NOD),[12] e di una sede di copertura vicina a Via Veneto, celata dall'insegna "Turris Film".[13]

Le bombe di Trento[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 1971 si erano verificati vari attentati dinamitardi a Trento, tra cui uno in concomitanza di una (programmata, poi rinviata) udienza di processo a carico di extraparlamentari di sinistra. La testata Lotta Continua, l'anno successivo, titolò clamorosamente denunciando che il delitto era stato commesso dalla polizia, e la relativa indagine condotta dal SID, pur avendo raggiunto siffatta sconcertante acquisizione, sarebbe stata ancora una volta insabbiata.[14] Il processo penale (per diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose)[15] si concluse tre anni più tardi con la piena assoluzione dei giornalisti.

La magistratura prese quindi (1976) ad indagare sui supposti colpevoli dell'attentato, arrestando il contrabbandiere Sergio Zani[16] —secondo i giornalisti autore materiale[17]— il colonnello Lucio Siragusa,[18] all'epoca dei fatti comandante dei "servizi speciali" tridentini della Guardia di Finanza,[19] ed il suo subordinato maresciallo Salvatore Saija.[20] La GdF rimpallò l'accusa[21] verso SID, polizia e carabinieri (questi ultimi avevano provocato l'incriminazione dei finanzieri) e ne scaturirono gli arresti per il vicequestore Saverio Molino,[22] il colonnello CC Michele Santoro,[23] (noto anche per la vicenda del cosiddetto memoriale Pisetta)[24] e del pari grado SID Angelo Pignatelli.[25] Malgrado una ridda di complicatissimi rapporti tra gli imputati ed alcuni pregiudicati forzosamente indotti a collaborare con vari apparati di sicurezza dello Stato,[26] nel 1977 il processo di primo grado prosciolse tutti, e tale esito divenne definitivo con la sentenza di appello dell'anno successivo.

Il deposito di Camerino[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1972, a Camerino, fu rinvenuto un arsenale di armi da guerra ed esplosivo,[27] di provenienza criminale,[28] costituito ad arte da personale dei Carabinieri e del SID per gettare discredito e pregiudizio anche penale in danno di extraparlamentari di sinistra.[29] Il materiale bellico era infatti accompagnato da materiale "ideologico-programmatico" (dieci fogli in codice): un elenco di vittime designate per la futura attività terroristica, un elenco degli apparenti componenti della cellula (tutti dell'ultrasinistra) ed infine una sorta di riepilogo logistico del predetto armamentario offensivo, con l'indicazione delle relative fonti di procacciamento. Prima ancora che la crittografia dei testi fosse stata violata dagli inquirenti, il giornalista Guido Paglia,[30] già leader di Avanguardia Nazionale, esponeva in un clamoroso articolo il senso dei documenti, traendone la necessaria conclusione circa la responsabilità delle frange comuniste chiamate in causa.

Ne nacque una serie di operazioni poliziesco-giudiziarie contro gli ambienti dell'ultrasinistra, caratterizzate anche dall'arresto di Paolo Fabbrini e Carlo Guazzaroni,[31] due estremisti che comparivano nella nota lista.[32] Fu protagonista delle indagini il comandante della compagnia carabinieri di Camerino, capitano Giancarlo D'Ovidio.[33] Proveniente dai paracadutisti e destinato ad entrare nell'Ufficio «D» del SID, piduista, avrebbe favorito della fuga all'estero del neofascista Luciano Bernardelli, anche se in ambito processuale venne assolto.[34] Gli arrestati scontarono diversi mesi di custodia cautelare, e si dovette attendere il 1976 perché il giudice Pietro Abbritti[35] ne sentenziasse il proscioglimento in istruttoria.[36] La Procura generale di Ancona appellò quella sentenza di assoluzione, e nel 1977 la Corte d'Assise di Macerata confermò l'assoluzione con formula piena. Nel 1981, il colonnello Antonio Viezzer,[37] nel contesto del processo Pecorelli, avrebbe espressamente ammesso la natura simulatoria delle azioni compiute a questo proposito da Labruna, Esposito[36][38] e D'Ovidio, sotto la supervisione di Vito Miceli.[39]

Nella sentenza ordinanza su piazza Fontana il giudice Salvini, ricostruendo i fatti attraverso differenti testimonianze (quindi sia da dentro l'universo neofascista, che da dentro il servizio segreto) riporta questo:

"L'intervento di tali apparati nella vicenda di Camerino non si limita più all'omissione di atti di indagine o alla copertura dei responsabili ma si concretizza nell'intervento diretto in un'azione eversiva: l'arsenale di armi ed esplosivi "sequestrati" nei pressi di Camerino il 10.11.1972 risulta con certezza essere stato allestito, come sempre si era sospettato, direttamente dai Carabinieri sotto la regia del S.I.D. ".

Bertoli, bomba alla Questura di Milano[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Strage della Questura di Milano.
Bonn, 1971. Rumor (a destra) a colloquio con il politico tedesco Kai Uwe von Hassel[40]

Nel 1973 Gianfranco Bertoli tentò di uccidere[41][42] con una bomba a mano il Ministro dell'interno Mariano Rumor, in visita presso la questura di Milano per l'inaugurazione di un monumento alla memoria del commissario Calabresi.[43] L'attentatore aveva una complessa relazione con gli apparati di sicurezza dello Stato.[44]

Sedicente "anarchico individualista", aveva collaborato con SIFAR e SID, mentre non è del tutto certa la sua appartenenza alla Organizzazione Gladio.[45] Nei due anni precedenti era stato ospite di un kibbutz, e proprio da Israele aveva fortunosamente portato con sé l'ordigno di cui parliamo; risulta anche essere stato in contatto con esponenti della Rosa dei venti.[46] Tra gli anni 1950 ed i '60, Bertoli, con il nome in codice "Negro",[47] si era accreditato come simpatizzante comunista presso due sedi veneziane del PCI (Campo San Polo e via XXII Marzo), ma poi ne era stato allontanato, verosimilmente perché le sue insincere intenzioni erano state scoperte.[48] Sempre da documentazione processuale risulta che il Centro CS di Padova, probabilmente per ordine superiore (congettura formulata da Viezzer),[49] aveva "distrutto con il fuoco" la corrispondenza con "Negro", e più in generale aveva cercato di non fornire alla magistratura informazioni su di lui.[50] Secondo Giuseppe Bottallo,[51] comandante del Centro CS di Padova dal 1974 al 1992, l'ordine di sopprimere tali documenti era riconducibile al direttore SISMI pro tempore, ammiraglio Fulvio Martini.[52]

L'affiliazione di Bertoli ai servizi (prima e dopo l'arresto) è confermata —per ricordo di ammissioni dell'interessato— anche da Giuseppe Albanese,[53] un condannato che era stato rinchiuso con il nostro attentatore nel carcere[54] di Volterra.[55]

All'indomani della bomba alla questura, il generale Gian Adelio Maletti inviò in Israele il capitano Vitaliano Di Carlo,[36] dal Centro CS di Verona, per assumere sommarie informazioni, e fu proprio Di Carlo a consigliare il SID di non collaborare con gli inquirenti su Bertoli (raccomandazione che fu poi corroborata dal suo superiore Viezzer). Le modalità del suo espatrio (1971) hanno fatto pensare che Bertoli godesse di una congiunta protezione da parte dei servizi israeliani ed italiani. Si era appoggiato ad una società che favoriva l'immigrazione giovanile israeliana nello Stato sionista. Sia all'andata, sia rientrando in patria, fece tappa a Marsiglia, frequentando neofascisti come un certo Jean Tramont,[36] e forse anche procurandosi la bomba necessaria al futuro attentato.[56] In realtà, risulterà poi che "Jean Tramont" era il nome di copertura di Marcel Bigeard, considerato ufficiale dei servizi segreti francesi,[57] domiciliato in un immobile che il governo francese definì "inesistente", ma in effetti si trattava di un'abitazione che una signora ebrea francese aveva lasciato in eredità ad Israele.[58]

Trent'anni di schermaglie forensi, in cui emersero nomi di imputati quali Carlo Maria Maggi,[59] Giorgio Boffelli,[60] Francesco Neami,[61] Carlo Digilio,[62] Gian Adelio Maletti e Sandro Romagnoli,[63][64] condussero ad una sentenza di Cassazione (2005), la quale —pur affermando con certezza la responsabilità collettiva di Ordine Nuovo— al tempo stesso sanciva l'impossibilità di condannare alcuno dei supposti mandanti e/o protettori dell'"anarchico" Bertoli, già deceduto da cinque anni, che pertanto portò definitivamente nella tomba i risvolti mai rivelati della vicenda.[65]

Strage di Brescia[modifica | modifica wikitesto]

Agli atti del processo di Brescia sono allegate le veline, ritrovate negli archivi dell'ex Sid, redatte dal maresciallo del centro CS di Padova Fulvio Felli, sulla base delle dichiarazioni della fonte Tritone, ossia Maurizio Tramonte, militante nell'estrema destra neofascista. Le informazioni risalgono al periodo 1973-1974 e contengono notizie di rilievo sulle stragi di Brescia e dell'Italicus, attinte direttamente dalla fonte all'interno di Ordine Nuovo in Veneto. Uno dei passaggi più rilevanti è nella nota dell'8 luglio 1974:

Nel commentare i fatti di Brescia, MAGGI ha affermato che quell'attentato non deve rimanere un fatto isolato perché:

– il sistema va abbattuto mediante attacchi continui che ne accentuino la crisi;

– l'obiettivo è di aprire un conflitto interno risolvibile solo con lo scontro armato[66].

Come ben scrive il giornalista Roberto Scardova nel suo libro "Italicus" di queste informazioni "il servizio non ne fece mai uso, né per contrastare l'organizzazione eversiva né per impedire gli attentati, né per farne oggetto di denuncia alla magistratura nemmeno quando fossero venute meno eventuali esigenze legate all'attualità degli avvenimenti".

Le informative di Tritone sono state ritenute pienamente attendibili. Il 22 luglio 2015 Maurizio Tramonte e Carlo Maria Maggi sono stati condannati in appello per la strage di Brescia. La sentenza attribuisce responsabilità anche ad altri tre ordinovisti, nel frattempo defunti, Ermanno Buzzi, il pentito Carlo Digilio e Marcello Soffiati. Questi ultimi due erano entrambi agenti della Cia, facenti parte di una rete di informatori attiva nel Veneto all'epoca. Soffiati era anche fonte del Servizio Segreto italiano e aveva accesso alla caserma Nato di Vicenza con tanto di tesserino.

Riguardo alla collusione fra servizi segreti ed estrema destra, oltre al materiale informativo prodotto dalla fonte "Tritone", così è stato riportato dalla commissione Parlamentare di inchiesta sulle Stragi:

"Ma sulle collusioni tra servizi segreti e gruppo ordinovista del Triveneto esistono altre acquisizioni documentali e testimoniali che dimostrano una gravissima organicità tra servizi segreti e terroristi fascisti, tanto più gravi se si considera che la cellula veneta – come emerge processualmente – è responsabile della strage di piazza Fontana, di quella dell'attentato alla questura di Milano e, stando ai documenti finora resi pubblici, probabilmente anche di quella di piazza della Loggia[67]".

L'attentato al treno Italicus[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Strage dell'Italicus.

Anche in occasione di quella strage (1974), emersero preoccupanti ombre nell'operato dei servizi. Un'impiegata del SID (che figurava essere traduttrice-interprete, essendo figlia di un colonnello dei carabinieri che aveva sposato una greca, collaboratrice del controspionaggio; in realtà Claudia Ajello[68] si fingeva militante comunista e si era infiltrata negli ambienti degli esuli politici greci in Italia)[69] parlò da un telefono pubblico dell'imminente attentato, apparentemente rassicurandone gli esecutori sull'impunità che verrà loro garantita.[70]

Il SID mantenne un atteggiamento di reticenza, e diversi anni dopo la Ajello fu condannata per falsa testimonianza.[71]

Un altro elemento di interesse è la fuga del neofascista Augusto Cauchi che a gennaio 1975, dopo l'attentato di Terontola, riuscì a fuggire dall'Italia. Il terrorista si mise in contatto, prima di espatriare, con il centro CS di Firenze, nello specifico con Federigo Mannucci Benincasa, per il quale collaborava.

Scrive il giudice Leonardo Grassi:

"il Mannucci Benincasa aveva ricevuto dallo stesso Cauchi -latitante- l'indicazione di un'utenza telefonica della stazione ferroviaria di Milano presso la quale sarebbe stato (e fu effettivamente) reperibile e, nonostante l'evidente facilità di pervenire alla cattura del latitante, non fece assolutamente nulla per conseguire tale risultato. Non fece che riferire l'indomani al P.M. Marsili che il Cauchi desiderava un contatto “per dimostrare la sua estraneità”.

(...) Ponti d'oro, dunque, per la fuga del Cauchi. Tanto più che questi, protetto al punto di venire preavvertito dell' emissione nei suoi confronti di ordine di cattura, finanziato dal Gelli nei propri traffici di armi ed esplosivi, intimo di militari di grado elevato quali il Gen. Mario Giordano, sodale di altri affiliati di Ordine Nero, a loro volta forniti di robuste protezioni all'interno delle forze di polizia (...) se catturato, avrebbe potuto determinare situazioni compromettenti per molti[72]".

Strage di Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Quando le indagini sulla strage alla stazione di Bologna si indirizzano verso i neofascisti (e gli ambienti ad essi limitrofi come quelli del piduista prof. Aldo Semerari) gli ufficiali del Servizio Segreto Militare (Sismi) si adoperano per portare la magistratura su una fantomatica pista internazionale. A gennaio 1981 una non precisata “fonte” del Sismi segnala che avrebbe dovuto esserci una consegna di armi sul treno 514 in transito per Ancona. I controlli effettuati portano al rinvenimento, il 13 gennaio, di una valigia con esplosivo identico a quello della strage, armi (fra cui un mitra Mab proveniente dal deposito della banda della Magliana), guanti, passamontagna, biglietti dell'Alitalia (intestati a Raphael Legrand e Martin Dimitrief) e alcuni giornali. La fantomatica “fonte” non esiste, i magistrati scoprono che la valigia è stata messa dallo stesso Sismi, in una manovra di depistaggio tutta interna alla P2. Per il depistaggio verranno condannati in maniera definitiva Licio Gelli, Francesco Pazienza, il generale Pietro Musumeci e il colonnello Giuseppe Belmonte.

Altro depistaggio, anche questo mal confezionato dai servizi, avvenne sulla strage di Bologna e di Ustica, con protagonisti sempre Soffiati e Mannucci Benincasa. Così riporta l'ex estremista Marco Affatigato, che doveva essere incolpato tramite una falsa segnalazione:

"Il tenente colonnello Mannucci Benincasa venne incaricato dal suo superiore generale Santovito, piduista, di comunicare il mio nominativo allorché a Bologna avvenisse un fatto grave che avrebbe procurato molti morti, un attentato. E siamo a giugno 1980. Quando, nei cieli di Ustica, scoppiò l'aereo Dc 9 Itavia che era partito da Bologna il tenente colonnello Mannucci Benincasa pensò che fosse quello il fatto grave ed ebbe a telefonare al Corriere della Sera per indirizzare le indagini, subitamente, sulla destra estrema attraverso il mio nominativo. I particolari che egli fornì nel corso della telefonata – orologio Baume&Mercier e altri che sarebbero dovuti servire per l'identificazione del cadavere – gli furono comunicati dai canali del Sismi. Questi canali, in conseguenza alle indagini fatte, venne appurato che furono il tenente colonnello Amos Spiazzi e il militante di estrema destra Marcello Soffiati. Come detto prima, però, si trattò di un errore di Mannucci Benincasa comunicare il mio nominativo in quella occasione perché la stessa cosa riavvenne con la strage di Bologna dove il Sismi comunicò, e questo attraverso Santovito, al procuratore capo di Bologna Guido Viola, il mio nominativo"[73].

Il fatto, ormai reputato storicamente accertato, dimostra che il servizio non solo avesse legami con l'estrema destra, ma avesse conoscenza di una strage in preparazione a Bologna.

Riguardo ai rapporti fra ambienti militari, servizi segreti e criminalità sulle stragi, da Piazza Fontana a quella di Bologna (su fatti in larga parte passati in giudicato), così è riportato nella sentenza Italicus bis:[74]

“… Gli uomini che certamente hanno portato avanti per anni da protagonisti questo disegno antidemocratico sono, secondo quanto risulta in atti, il Dr. Federico Umberto D'Amato, il Gen. Giovambattista Palumbo, il Gen. Gianadelio Maletti, il Cap. Antonio Labruna, il Col. Giancarlo D'Ovidio, il Col. Federigo Mannucci Benincasa e poi il Gen. Giuseppe Santovito, il Gen. Pietro Musumeci, il Col. Giuseppe Belmonte ed il capo della P2 Licio Gelli, la loggia cioè alla quale appartengono o sembrano appartenere tutti gli altri.

Tutti costoro hanno organizzato, orientato, tollerato bande paramilitari neofasciste pur avendo l'obbligo giuridico di neutralizzarle; hanno ispirato tentativi di golpe, attentati e stragi consumate o solo programmate, ovvero non le hanno impedite, assicurando la impunità agli autori di questi fatti, favorendone persino la fuga; hanno svolto attività di provocazione, di deviazione delle indagini, persino di calunnia, di disinformazione e condizionamento politico attraverso detenzioni illegali di armi e di esplosivi, ed altri episodi criminosi da essi stessi orchestrati per attribuirli alle sinistre o a terzi; arruolamenti illegali, protezioni di latitanti per fatti eversivi e per stragi".

Il "golpe Sogno"[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Edgardo Sogno e Golpe bianco.

Anche le indagini svolte nel 1975 sul sospetto colpo di Stato caldeggiato da Edgardo Sogno misero in luce un'attitudine dei servizi ad occultare, piuttosto che a svelare, le attività criminose. Il SID oppose immediatamente il segreto di Stato all'acquisizione dei documenti in suo possesso che riguardavano Sogno.[75] Su sollecitazione della magistratura (Violante), il presidente del Consiglio dell'epoca, Aldo Moro, stabilì che il segreto politico-militare[76] sussistesse "sotto il profilo soggettivo" (nomi di persone, di organizzazioni ecc.) ma non sotto quello "oggettivo" (ossia: la narrazione di specifici eventi, sia pure resa anonima, per così dire), talché ne autorizzò la trasmissione agli atti processuali, previa una serie di "obliterazioni", nel senso appena precisato. Questi "tagli" censorii rendevano impossibile ricostruire eventuali responsabilità di Sogno per contegni penalmente rilevanti, quindi nel 1976 l'inquirente si rivolse al capo del SID per avere notizie sulle ipotizzate relazioni tra l'indagato e quel servizio, ma l'istanza venne respinta, sempre invocando il segreto politico-militare. Violante avanzò analoga domanda riferita a Luigi Cavallo, ma anche riguardo a costui poté ottenere soltanto due fogli, e sempre per lo stesso motivo. Lo stesso avvenne quando interrogò Miceli, per sapere se avesse mai beneficiato di fondi statunitensi.

Sulla legittimità di quest'ultima opposizione del segreto, Violante chiese per due volte conferma a Moro, non ottenendo riscontro.[75] Per tale motivo, nell'ordinare l'arresto di Sogno e Cavallo, Violante sollevò contestualmente un conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato, nonché di legittimità costituzionale in relazione a due articoli del codice di procedura penale. Tuttavia, ancora una volta, la Cassazione decideva il trasferimento anche di questo giudizio (da Torino) a Roma, ed in tale sede il processo non ebbe più sviluppi significativi. Le successive pronunce della Corte Costituzionale, per la cronaca entrambe favorevoli alle tesi sostenute da Violante,[77] pur stabilendo principi fondamentali per la imminente "riforma dei servizi del 1977",[78] nel caso specifico non produssero alcun risultato pratico.

Nel suo libro di memorie "Testamento di un anticomunista", Sogno ha rivendicato la concretezza del suo tentativo golpista del 1974, spiegando che Violante avesse fallito nella sua indagine e che non fosse riuscito ad individuare i militari che avevano dato adesione al progetto.

Il mistero Chichiarelli[modifica | modifica wikitesto]

La celebre foto di Aldo Moro sequestrato dalle BR
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Antonio Chichiarelli e Caso Moro.

Nel 1978 si propose un altro fenomeno che tuttora non ha avuto una valida spiegazione, ossia il curioso intreccio tra le istituzioni ed il falsario Antonio Chichiarelli. Specializzato nella riproduzione di De Chirico e Guttuso, Chichiarelli viveva agiatamente all'EUR, nella capitale. Il motivo per cui passò alla storia sta nel suo falso comunicato brigatista che realizzò il falso messaggio del lago della Duchessa. La questione dell'autenticità dei messaggi BR durante il rapimento Moro è peraltro piuttosto complessa: i periti grafici incaricati dagli inquirenti dubitarono della genuinità di tre comunicati, e questo portò a sospettare che Chichiarelli fosse autore (quanto meno materiale) del "comunicato n. 1"[79] —quello che veniva considerato la pietra di paragone per distinguere gli eventuali apocrifi— e di conseguenza egli intrattenesse una relazione con i brigatisti fin dalle prime fasi dell'"affare Moro".[80]

Nel 1984 Chichiarelli fece ritrovare un plico contenente anche una "polaroid"[81] del famoso drappo brigatista che appariva in tante immagini del sequestro Moro. Un suo amico, tale Luciano Dal Bello,[82] si diceva certo del ruolo di Chichiarelli nella faccenda della Duchessa; ne aveva parlato con il maresciallo CC Antonio Solinas;[83] egli —invece di riferirne ai superiori o all'autorità giudiziaria— ne aveva reso partecipe il SISDE, nelle persone dei capitani Massimo Erasmo e Giuseppe Scipioni,[84] i quali apparentemente non diedero rilievo a tale notizia.[85]

Poco dopo l'omicidio Pecorelli, Chichiarelli inviò altri sibillini messaggi allo Stato attraverso la famosa faccenda del borsello "ritrovato". Chi doveva indagare, malgrado le imbeccate di Dal Bello (destinato a divenire informatore SISDE in pianta stabile),[86] non comprese, o almeno finse di non farlo.

Il senso d'impunità ragionevolmente percepito da Chichiarelli lo indusse ad azzardare il formidabile colpo della Brink's Securmark;[87] un peccato di ybris che (secondo alcuni) sarà la causa della tragica e misteriosa morte del nostro falsario.[88]

Secondo Sergio Flamigni, c'è almeno un altro enigma di Chichiarelli che merita di essere ricordato: "Alcune volte Tony […] si recava all'aeroporto di Fiumicino ove in tutta riservatezza si incontrava con qualcuno.“[89] Secondo testimonianze processuali di persone vicine a Chichiarelli, a Fiumicino andava per ricevere ordini.[90] Fonti giornalistiche riferiscono di una "Operazione Olmo" condotta —durante il caso Moro— dal SISMI all'aeroporto romano in questione;[91] se fossero confermate, il quadro sarebbe sconcertante, dato che sicuramente in quelle strutture aeroportuali il nostro servizio segreto militare proprio in quegli anni manteneva un importante centro di controspionaggio, diretto dal capitano Antonio Fattorini, soprannominato "mezzo ebreo" per i suoi ottimi rapporti con il Mossad.[92][93]

Il fallito attentato a Giovanni Falcone[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Attentato dell'Addaura.

La vicenda di Bruno Contrada[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Bruno Contrada.

La vigilia di Natale del 1993, alle prime ore del giorno, Bruno Contrada —uno dei massimi dirigenti SISDE dell'epoca— venne tratto in arresto nella sua abitazione palermitana perché sospettato di concorso esterno in associazione di tipo mafioso, reato per il quale verrà poi condannato in via definitiva dopo una serie di alterne vicende processuali.

Ad incolpare Contrada erano soprattutto le dichiarazioni di quattro pentiti di mafia:[94] Tommaso Buscetta, Giuseppe Marchese,[95] Gaspare Mutolo e Rosario Spatola.[96] Nondimeno, l'allora Capo della Polizia Vincenzo Parisi[97] si prodigò in una difesa plateale dell'indagato.[98] Antonino Caponnetto giudicò incauta la posizione assunta da Parisi.[99] Violante, nel frattempo divenuto presidente della Commissione parlamentare Antimafia, parlò in proposito di "caratteristica strutturale" circa il rapporto di Cosa nostra con il potere.[100]

In particolare, la tesi sostenuta da Mutolo era inquietante. La mafia a suo avviso era un'organizzazione dalla spiccata natura anticomunista, che aveva servito la causa atlantica sia portando voti alla Democrazia Cristiana, sia contrastando con ogni mezzo le iniziative delle formazioni progressiste (l'esempio più triste è naturalmente la strage di Portella della Ginestra). Questa attitudine aveva come contropartita una sorta di tacita pax mafiosa: per anni, lo Stato aveva evitato di combattere efficacemente contro quell'organizzazione criminale.
Ma a metà degli anni 1970 qualcosa era cambiato. La politica sembrava aver accantonato i progetti di colpo di Stato che —come abbiamo visto— spesso vedevano protagonisti gli apparati di spionaggio. Nel mutato scenario, si osava attaccare i vertici mafiosi avvalendosi dello strumento giuridico dell'associazione per delinquere. L'incriminazione per tale reato, in buona sostanza, esponeva i boss al rischio di essere coinvolti nella responsabilità per ogni misfatto importante che accadesse nei rispettivi "mandamenti".[101]

L'analisi mafiosa della situazione aveva naturalmente individuato dei soggetti responsabili: oltre al medesimo Contrada, Boris Giuliano e Tonino De Luca.[102] Nei confronti di questi uomini dello Stato, la mafia avrebbe adottato una strategia del bastone e della carota: prima il tentativo di minaccia/corruzione, e —se non funzionavano le maniere buone— la parola sarebbe passata ai sicari.[103]

Ma torniamo a Contrada. Mutolo sostiene di aver appreso da Rosario Riccobono che Contrada "era ormai passato a disposizione della mafia".[104] Dalla medesima fonte, Mutolo sapeva che il primo mafioso di rango a stabilire un rapporto di amicizia con Contrada sarebbe stato Stefano Bontate, avvalendosi dei buoni uffici prestati dal conte Arturo Cassina,[105] una sorta di vicino di casa per il mafioso, nonché confratello del funzionario SISDE presso l'Ordine del Santo Sepolcro.[106] Questa duplicità di relazioni risulta dalle carte processuali. L'Ordine del Santo Sepolcro confermò l'appartenenza dei due soggetti che abbiamo richiamato (d'altronde le liste di quella confraternita sono di pubblico dominio), ma smentì che avessero un rapporto personale. Al contrario, i magistrati ritennero non solo l'esistenza di questo contatto, ma anche una sorta di collaborazione piuttosto spinta tra Contrada ed il nominato Riccobono, al punto che più volte il secondo sarebbe stato informato dal primo dei vari tentativi di catturarlo ad opera della polizia,[106] il tutto attraverso l'avvocato Cristoforo Fileccia.[107]

La trattativa stato-mafia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Bombe del 1992-1993 e Trattativa tra Stato italiano e Cosa nostra.

Nel 2010 il pentito di mafia Gaspare Spatuzza avrebbe dichiarato di riconoscere nell'attuale funzionario AISI Lorenzo Narracci[108] "il soggetto estraneo a cosa nostra visto nel garage mentre veniva imbottita di tritolo la Fiat 126 usata nell'attentato al giudice Paolo Borsellino".[109][110] Più in generale, le rivelazioni di Spatuzza, insieme con quelle di Massimo Ciancimino[111], sono alcuni degli elementi su cui si basa l'ipotesi di una trattativa tra stato e cosa nostra, avvenuta tra il '92 e il '93, sulla quale indaga la Dda di Palermo[112].

Diverse inchieste hanno inoltre messo in luce rapporti tra la 'ndrangheta e settori dei servizi segreti italiani[113].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ OPERAZIONE CHAOS
  2. ^ Yves Guérin-Sérac era un attivista cattolico francese anticomunista, già ufficiale dell'esercito francese e veterano della guerra d'Indocina, della guerra di Corea, e della guerra d'Algeria. Inoltre faceva parte del reparto d'elite 11ème Demi-Brigade Parachutiste du Choc, un'unità che cooperava con il Service de Documentation Extérieure et de Contre-Espionnage (agenzia francese di controspionaggio), ed era tra i fondatori dell'Organisation armée secrète (OAS) gruppo terroristico di destra impegnato nella lotta per un'"Algeria francese". (Si veda: Daniele Ganser (2005), Operation Gladio and Terrorism in Western Europe, London, Franck Cass, 2005, p.116)
  3. ^ Dopo il 1965 frequentò effettivamente l'ambiente anarchico, inizialmente il circolo "Bakunin", nel novembre 1969 il Circolo anarchico 22 marzo di Roma.
  4. ^ Atti dell'istruttoria del processo Valpreda, vol. I, parte I. foglio 183 bis.
  5. ^ De Lutiis, I servizi, op. cit., pag. 240
  6. ^ Carla Mosca, Catanzaro, processo al SID, Editori Riuniti, Roma, 1978, pag. 108
  7. ^ Ibio Paolucci, Il processo infame, Feltrinelli, Milano, 1977
  8. ^ Piazza Fontana dalla A alla Z - Il Cassetto
  9. ^ Giannettini collaborava con il SID già da diversi anni (De Lutiis, I servizi, op. cit., pag. 242).
  10. ^ Marco Pozzan | RadioRadicale.it
  11. ^ De Lutiis, I servizi, op. cit., pag. 241
  12. ^ Maletti1
  13. ^ PIAZZA FONTANA: UNA STRAGE SENZA COLPEVOLI
  14. ^ Lotta Continua, 7/11/1972
  15. ^ NOTIZIE FALSE E TENDENZIOSE - Notv
  16. ^ ATTENTATO 6_10_09
  17. ^ Avrebbe ricevuto la bomba dai finanzieri di Siragusa; episodio peraltro speculare a quello, già richiamato in altra nota, di Biondaro, confidente dei "carabinieri di Santoro" (v. infra nel testo principale).
  18. ^ 1970-1980
  19. ^ Ugo Maria Tassinari: Agenda nera 20 - 28 gennaio 1977
  20. ^ 1971 - Senti le rane che cantano...
  21. ^ Corriere della Sera, 29/1/1977
  22. ^ 1977
  23. ^ Precedente - anarchicipistoiesi
  24. ^ Pisetta, “traditore” dei terroristi rossi, ma era uomo dei servizi
  25. ^ Mario Tuti - Altervista
  26. ^ De Lutiis, I servizi, op. cit., pagg. 250-252
  27. ^ 34. Episodi di depistaggio (Gnosis - Rivista Italiana di Intelligence, Sisde.it)
  28. ^ Panorama, 04/05/1976
  29. ^ De Lutiis, I servizi, op. cit., pag. 253 e segg.
  30. ^ Guido Paglia, una medaglia d'oro fascista | Lettere dall'Aldilà
  31. ^ Personaggio singolare Guazzaroni: prima di confluire in Lotta Continua, aveva mantenuto controverse relazioni con l'estrema destra; nel 1977 fu trovato in possesso di armi e dotazioni varie riconducibili alle Brigate Rosse (De Lutiis, I servizi, op. cit., nota a pag. 554).
  32. ^ Documento XXXIV n. 1 - RELAZIONE DEL COMITATO PARLAMENTARE PER I SERVIZI DI INFORMAZIONE E SICUREZZA E PER IL SEGRETO DI STATO (Camera.it)
  33. ^ Giancarlo D'ovidio | RadioRadicale.it
  34. ^ TRIBUNALE DI BRESCIA CORTE D'ASSISE Dr. Enrico FISCHETTI
  35. ^ Eventi a cui ha partecipato Pietro Abbritti (RadioRadicale.it)
  36. ^ a b c d 1973 - Senti le rane che cantano
  37. ^ P2: la controstoria (7) LA P2 NEL 1970 1974: STATO, POLITICI
  38. ^ » Piazza Fontana, la strage è di Stato 4/4
  39. ^ Gianni Flamini, Il partito del golpe, Bovolenta, Ferrara, 1983, Vol. III, tomo I, pag. 143
  40. ^ A Short Biography (Bundesministerium der Verteidigung)
  41. ^ Questa almeno è la versione più diffusa dei fatti. È stato però giudicato con sospetto il ritardo con cui Bertoli scagliò la bomba, in un momento in cui non poteva più cogliere il ministro, ma solo uccidere o ferire un buon numero di malcapitati passanti. (De Lutiis, I servizi, op. cit., pagg. 256-257)
  42. ^ È pure vero che gli ordinovisti nutrivano un desiderio di vendetta nei confronti di Rumor, considerato nemico mortale del loro movimento; obiettivamente, Vincenzo Vinciguerra testimoniò che nel 1971-'72 Carlo Maria Maggi e Delfo Zorzi lo avevano istigato ad uccidere l'esponente politico, promettendo peraltro la connivenza del personale di scorta (Sentenza-ordinanza del giudice Lombardi cit. infra, pag. 98).
  43. ^ In effetti, era plausibile che un anarchico volesse manifestare violentemente contro Calabresi, cui una parte dell'opinione pubblica aveva fatto risalire il biasimo per la morte di Giuseppe Pinelli, proveniente dalle fila dell'anarchia.
  44. ^ Gran parte delle informazioni che riportiamo sono desumibili dalla Sentenza-ordinanza del consigliere istruttore di Milano Antonio Lombardi nel procedimento penale n. 2322/73 a carico di Carlo Maria Maggi ed altri del 18/07/1998.
  45. ^ Ex dirigente Sid accusato: depistò le indagini sulla bomba alla questura di Milano (Corriere della Sera 09/04/1995)
  46. ^ Mario Guarino, Fedora Raugei, Gli anni del disonore: dal 1965 il potere occulto di Licio Gelli e della Loggia P2 tra affari, scandali e stragi, EDIZIONI DEDALO, 2006, ISBN 88-220-5360-5, 9788822053602 pag. 78
  47. ^ Gianfranco Bertoli - Anarcopedia
  48. ^ Sentenza-ordinanza del giudice Lombardi cit., pag. 79
  49. ^ Sentenza-ordinanza del giudice Lombardi cit., pag. 82
  50. ^ Sentenza-ordinanza del giudice Lombardi cit., pag. 81
  51. ^ Anna Cento Bull, Italian neofascism: the strategy of tension and the politics of nonreconciliation, Berghahn Books, 2007, ISBN 1-84545-335-2, 9781845453350
  52. ^ Sentenza-ordinanza del giudice Lombardi cit., pag. 84
  53. ^ OSSERVAZIONI CONCLUSIVE: L'AGINTER PRESS NELLA STRATEGIA DELLA TENSIONE E NELL' "OPERAZIONE" DEL 12 DICEMBRE 1969 E I DIVERSI SEGMENTI DI INTERVENTO PRESENTI IN TALI AVVENIMENTI (Sentenza - ordinanza del Giudice Istruttore presso il Tribunale Civile e Penale di Milano, dr. Guido Salvini, nel procedimento penale nei confronti di ROGNONI Giancarlo ed altri)
  54. ^ Carcere di Volterra su Informacarcere
  55. ^ Sentenza-ordinanza del giudice Lombardi cit., pag. 83-84
  56. ^ Vi è invece chi sostiene che la bomba provenisse dalla NATO di Verona (De Lutiis, I servizi, op. cit. nota a pag. 555)
  57. ^ Bigeard, veterano di varie guerre tra cui quella d'Algeria, è anche noto per essere autore di Le manuel de l'officier de renseignement, una guida pratica alle tecniche di intelligence in cui tra l'altro di sostiene l'opportunità del ricorso alla tortura.
  58. ^ Sentenza-ordinanza del giudice Lombardi cit., pag. 93
  59. ^ Carlo Maria Maggi − archivio900.it
  60. ^ Almanacco dei Misteri d'Italia: l'attentato alla Questura di Milano
  61. ^ capitolo 18
  62. ^ Piazza Fontana - La storia di Carlo Digilio, morto il 12 dicembre
  63. ^ 6. Destabilizzare per stabilizzare
  64. ^ L'ultima inchiesta sulla strage di Piazza Fontana
  65. ^ De Lutiis, I servizi, op. cit., pag. 263
  66. ^ luca, La nota del CS di Padova n. 4873 dell’8 luglio 1974, 4agosto1974.wordpress.com. URL consultato il 29 marzo 2016.
  67. ^ 08. I rapporti tra Ordine nuovo e i Servizi italiani e statunitensi − archivio900.it, su www.archivio900.it. URL consultato il 29 marzo 2016.
  68. ^ San Benedetto Val di Sambro. Treno Italicus, è strage
  69. ^ De Lutiis, I servizi, op. cit., pag. 264 e segg.
  70. ^ Interrogatorio di Rosa Carosi dinanzi al giudice Vella del 07/11/1974
  71. ^ Sentenza del pretore Lenzi del 27 gennaio 1983
  72. ^ luca, La fuga di Cauchi – Italicus bis, 4agosto1974.wordpress.com. URL consultato il 29 marzo 2016.
  73. ^ Marco Affatigato, io l'infame » La Gazzetta di Lucca, su www.lagazzettadilucca.it. URL consultato il 29 marzo 2016.
  74. ^ luca, P2 e Servizi segreti – richiesta pm Sentenza Italicus bis, 4agosto1974.wordpress.com. URL consultato il 29 marzo 2016.
  75. ^ a b Ricorso alla Corte costituzionale della Repubblica Italiana redatto da Luciano Violante, riportato in Giurisprudenza Costituzionale, 1976, II, pag. 530
  76. ^ Sulla nozione di segreto politico-militare, v. Sentenza n. 86 del 1977 della Corte costituzionale.
  77. ^ Sentenza n. 86 del 1977 cit., nella quale, tra l'altro, veniva dichiarata la parziale illegittimità costituzionale degli articoli 342 e 352 c.p.p., nella parte in cui non prevedevano che il Presidente del Consiglio fosse tenuto a pronunciarsi entro un "termine ragionevole" sull'istanza di accesso ad atti "segretati".
  78. ^ Legge 24 ottobre 1977, n. 801- Istituzione e ordinamento dei servizi per le informazioni e la sicurezza e disciplina del segreto di Stato
  79. ^ Terrorisme >> Documents > Brigades Rouges > Moro - Comunicato n. 1
  80. ^ De Lutiis, Il golpe, op. cit., pag. 114
  81. ^ A causa del particolare procedimento che caratterizzava questo tipo di immagini (non veniva utilizzato alcun "negativo fotografico"), ogni singola stampa andava considerata di fatto un esemplare unico, pressoché irriproducibile.
  82. ^ I ricatti della banda della Magliana
  83. ^ Aldo Moro. I 55 giorni del sequestro. D come Duchessa - Italiani
  84. ^ Vincenzo Vinciguerra - Ergastolo per la Liberta' - Politica in rete
  85. ^ Deposizione di Antonio Solinas 22-11-1984, citata in Compendio analitico su Tony Chichiarelli e sulle vicende connesse, Istituto di studi e ricerche Leonida Casali, Bologna, inedito, pag. 15
  86. ^ De Lutiis, Il golpe, op. cit., pag. 117
  87. ^ RAPINA ALLA SECURMARK UN ARRESTO A ROMA - Repubblica.it »
  88. ^ 1984 - Senti le rane che cantano
  89. ^ Deposizione di Luciano Dal Bello 24/05/1985, citata in Sergio Flamigni, La tela del ragno, Kaos Edizioni, ISBN 88-7953-120-4, pag. 227
  90. ^ De Lutiis, Il golpe, op. cit., pag. 120
  91. ^ Panorama, 10/02/1985
  92. ^ L'Archivio "foto attori"
  93. ^ De Lutiis, Il golpe, op. cit., pag. 123
  94. ^ BRUNO CONTRADA - il caso - L'arresto
  95. ^ Giuseppe Marchese | RadioRadicale.it
  96. ^ la Repubblica/fatti: Arrestato a New York il boss amico di Sindona
  97. ^ Vincenzo Parisi (Poliziadistato.it)
  98. ^ la Repubblica 27 dicembre 1992
  99. ^ La Stampa 28 dicembre 1992
  100. ^ Il Messaggero 2 gennaio 1993
  101. ^ De Lutiis, I servizi, op. cit., pag. 382
  102. ^ Polizia e Democrazia
  103. ^ Vi sono diversi atti processuali da cui trapela che Contrada avrebbe tra l'altro ottenuto dal mafioso Angelo Graziano la disponibilità di un appartamento in cui consumava appuntamenti galanti. La vicenda sarebbe strettamente collegata al suicidio del magistrato Domenico Signorino. Si confronti De Lutiis, I servizi, op. cit., nota a pag. 582.
  104. ^ Corte d'assise di Palermo, Sentenza contro Bruno Contrada, pag. 183
  105. ^ Luogotenenza Italia Sicilia - Santo Sepolcro: Nel 1964 il conte Arturo Cassina ha voluto dare all'Ordine una signorile sede, dove riunirsi e svolgere attività culturale. ...
  106. ^ a b Antimafia Duemila - Contrada, l'«infiltrato» che sussurrava alla mafia
  107. ^ Cristoforo Fileccia | RadioRadicale.it
  108. ^ Narracci, il secondo 007 indagato | Docmafie
  109. ^ «Via D'Amelio, l'inchiesta nella fasi finali - I pm: "Cerchiamo di chiudere in 2-3 mesi"» (Corriere.it)
  110. ^ "È lui il signor Franco" lo 007 delle bombe - Repubblica.it
  111. ^ Chi è Massimo Ciancimino|Agoravox
  112. ^ La Dda di Palermo in trasferta a Roma|RaiNews24
  113. ^ si veda ad esempio: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/04/28/medico-della-ndrangheta-rapporti-uomini-servizi-segreti/211883/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Boatti, Enciclopedia delle spie, Rizzoli, 1989, ISBN 88-17-85246-5, 9788817852463
  • Carlo Bonzano, Il segreto di Stato nel processo penale, Editore Wolters Kluwer Italia, ISBN 88-13-29939-7, 9788813299392
  • Giuseppe De Lutiis, I servizi segreti in Italia. Dal fascismo all'intelligence del XXI secolo, Sperling & Kupfer, 2010, ISBN 978-88-200-4727-6
  • Giuseppe De Lutiis, Il lato oscuro del potere: associazioni politiche e strutture paramilitari segrete dal 1946 a oggi, Editori riuniti, 1996, ISBN 88-359-4004-4, 9788835940043
  • Giuseppe De Lutiis, Il golpe di via Fani, Sperling & Kupfer, 2007, ISBN 88-200-4364-5, 9788820043643
  • Rita Di Giovacchino, Il libro nero della prima Repubblica, Fazi Editore, 2005, ISBN 88-8112-633-8, 9788881126330
  • Gianni Flamini, Il partito del golpe: le strategie della tensione e del terrore dal primo centrosinistra organico al sequestro Moro, I. Bovolenta, 1981
  • Gianni Flamini, Il libro che i servizi segreti italiani non ti farebbero mai leggere, Newton Compton, 2010, ISBN 88-541-1624-6, 9788854116245
  • Stefania Limiti, L'Anello della Repubblica, Chiarelettere, 2009, ISBN 88-6190-068-2, 9788861900684
  • Gian Paolo Pelizzaro, Gladio rossa: dossier sulla più potente banda armata esistita in Italia, Settimo sigillo, 1997
  • Umberto Rapetto, Roberto Di Nunzio, L'atlante delle spie: dall'antichità al Grande gioco a oggi, Biblioteca universale Rizzoli, 2002, ISBN 88-17-12940-2, 9788817129404

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]