Pressa Catozzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La Pressa Catozzo è un tipo di giuntatrice specifica del montaggio dei film, utilizzata dai montatori cinematografici.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Fu inventata negli anni '50[1] da Leo Catozzo, montatore di professione. Fino ad allora la tecnica usata comprendeva l'utilizzo dell'acetone (un ottimo solvente per celluloide), a cui Catozzo era allergico: con un paio di forbici si tagliava la pellicola che si intendeva modificare, e, dopo averla ammorbidita con acqua, veniva raschiato lo strato di gelatina da un lembo del film; dopodiché la sostanza collante veniva applicata al lembo strappato ed erano sovrapposti i due lembi di pellicola da attaccare. Con questo sistema era inevitabile perdere almeno un fotogramma ad ogni giunta. Il problema sarà risolto grazie all'innovativa invenzione di Catozzo: una giuntatrice a nastro adesivo, commercializzata come "Pressa Catozzo" dalla società CIR, che viene utilizzata tutt'oggi dai montatori di professione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La città del cinema, i primi cento anni di cinema Skira editore Milano 1995

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito proiezionisti italiani

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema