Premio letterario dell'Unione europea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Premio letterario dell'Unione Europea
Assegnato daEUPL Consortium, composto da: European and International Booksellers Federation (EIBF), European Writers' Council (EWC), Federation of European Publishers (FEP)
StatoEuropa Europa
Anno inizio2009
Sito webwww.euprizeliterature.eu

Il premio letterario dell'Unione europea, assegnato per la prima volta nel 2009, è un premio letterario dell'Unione europea. Il premio è stato fondato e finanziato dal Culture Programme of the European Union ed è coordinato da un consortium, selezionato da una commissione.[1] Il consortium è composto dalla European Booksellers Federation, l'European Writers' Council e la Federation of European Publishers.[1]

Ogni vincitore riceve 5.000 € oltre che supporto per la traduzione e promozione dei suoi libri.[1] [2]

Vincitori[modifica | modifica wikitesto]

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

2011[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

2013[modifica | modifica wikitesto]

2014[modifica | modifica wikitesto]

2015[modifica | modifica wikitesto]

2016[modifica | modifica wikitesto]

2017[modifica | modifica wikitesto]

2018[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2017, per celebrare la decima edizione del Premio, fu annunciato il lancio di un concorso speciale, riservato ai vincitori delle precedenti edizioni, invitati a proporre un racconto breve (2-4 pagine) a tema A European Story.[3] 36 autori hanno partecipato al contest con i loro racconti, raccolti nell'antologia European Stories, liberamente scaricabile qui.

Il 7 novembre 2018, a Vienna, l'autrice serba Jelena Lengold (fra i premiati dell'edizione 2011) ha ricevuto il Premio del pubblico per il racconto Jasmin i smrt (Jasmin e la morte); l'autrice romena Ioana Pârvulescu (vincitrice nel 2013) ha ricevuto il Premio della giuria per O voce (La voce), mentre il racconto Koga zaminav od "Karl Liebknecht" (Quando lasciai "Karl Liebknecht") dell'autrice macedone Lidija Dimkovska (già vincitrice nel 2013) ha ricevuto una menzione speciale.[4]

2019[modifica | modifica wikitesto]

2020[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione Europea promuove la circolazione transnazionale della letteratura e della sua diversità, in Europa e oltre l'Europa[5] [6]. Di seguito una lista delle traduzioni disponibili in lingua italiana:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c European Union Prize for Literature, official website
  2. ^ I tredici vincitori del premio dell’Unione europea per la letteratura, su linkiesta.it, 20 maggio 2020. URL consultato il 23 febbraio 2021.
  3. ^ (EN) Porter Anderson, European Union Prize for Literature Launches Short Fiction Writing Contest, su publishingperspectives.com, 15 dicembre 2017. URL consultato il 18 agosto 2019.
  4. ^ (EN) EUPL Writing Contest winners announced in Vienna!, su ec.europa.eu, 12 novembre 2018. URL consultato il 18 agosto 2019.
  5. ^ www.euprizeliterature.eu/creative-europe
  6. ^ Premio dell’Unione Europea per la Letteratura: chi sono i vincitori, su euractiv.it, 20 maggio 2020. URL consultato il 23 febbraio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]