Premio Dedalo Minosse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il premio internazionale Dedalo Minosse alla committenza di architettura è stato fondato nel 1997 e si svolge con cadenza biennale. È promosso da ALA Assoarchitetti - Associazione Liberi Architetti e dalla Regione del Veneto.

Il premio[modifica | modifica wikitesto]

La particolarità del premio è di essere l'unico riconoscimento internazionale che viene assegnato al committente dell'architettura e non all'architetto o all'opera. Il Premio vuole promuovere la qualità delle trasformazioni del territorio, attraverso la valorizzazione della figura del committente, nella convinzione che senza un "buon committente" non può essere realizzata una "buona architettura".

I riconoscimenti sono quindi assegnati dalla giuria internazionale ai committenti pubblici e privati, che abbiano contribuito, in sintonia con il proprio architetto, a determinare la realizzazione di opere di particolare valore architettonico, urbanistico, ambientale, paesaggistico.

Il regolamento prevede l'assegnazione di quattro premi istituzionali:

  • il Premio Internazionale Dedalo Minosse: al miglior committente di qualsiasi Paese e il premio internazionale
  • il Premio Internazionale Dedalo Minosse OCCAM - Under 40: al miglior committente di qualsiasi Paese, che abbia incaricato un architetto under 40
  • il premio ALA Assoarchitetti, assegnato al miglior committente di qualsiasi Paese che abbia incaricato un architetto italiano
  • il Premio ALA - Assoarchitetti - Under 40: al committente di qualsiasi Paese che abbia incaricato un architetto italiano under 40.

La cerimonia di premiazione si svolge a Vicenza, città del Palladio, nel Teatro Olimpico. I premi consistono in due targhe d'argento consegnate a committente e architetto; una terza targa è applicata all'opera che è stata occasione del premio.

Le opere oggetto di premiazione sono allestite alternativamente nella Basilica Palladiana, nel Palazzo Valmarana Braga, nel Palazzo Barbaran da Porto di Vicenza e successivamente sono esposte in una serie di mostre allestite in diverse città, tra le quali: Aosta, Avellino, Barcellona, Bari, Bologna, Bolzano, Boston, Bruxelles, Buenos Aires, Caserta, Courmayeur, Ferrara, Foggia, Hanoi, Kiev, Londra, Los Angeles, Manila, Milano, Montecarlo, Mosca, Napoli, New Orleans, Oristano, Perugia, Reggio di Calabria, Riga, Roma, Salerno, San Francisco, Tirana, Torino, Treviso, Trieste, Urbino, Vienna, Washington DC. Il premio è stato presentato alle biennali di architettura di Città del Guatemala, Pechino, Venezia e al Congresso mondiale degli architetti di Torino.

Giuria[modifica | modifica wikitesto]

Edizione 1997/1998[1]
Edizione 1999[2]
Edzizione 2000/2001[3]
Edizione 2002[4]
Edizione 2003/2004[5]
Edizione 2005/2006[6]
Edizione 2007/2008[7]
Edizione 2010/2011[8]
Edizione 2013/2014[9]

Premio Dedalo Minosse Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 è stato istituito il Premio Dedalo Minosse Cinema volto a premiare la professione dell'architetto nella produzione cinematografica italiana.

Prima edizione[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione è rivolta alle pellicole del biennio 2014-2016[10], quali (in grassetto sono riportati i film finalisti)[11]:

Giuria[modifica | modifica wikitesto]

La giuria è composta da[12]:

Presidente di giuria
Giurati

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edizione 1997/1998, dedalominosse.org.
  2. ^ Edizione 1999, dedalominosse.org.
  3. ^ Edizione 2000/2001, dedalominosse.org.
  4. ^ Edizione 2002, dedalominosse.org.
  5. ^ Edizone 2003/2004, dedalominosse.org.
  6. ^ Edizione 2005/2006, dedalominosse.org.
  7. ^ Edizione 2007/2008, dedalominosse.org.
  8. ^ Edizione 2010/2011, dedalominosse.org.
  9. ^ Edizione 2013/2014, dedalominosse.org.
  10. ^ Premio Dedalo Minosse Cinema, dedalominosse.org.
  11. ^ Film selezionali, dedalominosse.org.
  12. ^ Giuria del Premio Dedalo Minosse Cinema 2016, dedalominosse.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura