Premio Abel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il premio Abel, in norvegese Abelprisen, è un riconoscimento assegnato ogni anno dal re di Norvegia ad un eminente matematico straniero.

Il premio[modifica | modifica wikitesto]

N.H. Abel

Il matematico Sophus Lie fu il primo a sostenere con forza l'istituzione del premio Abel, ma alla sua morte il suo lavoro venne accantonato. Nel 1902, anno in cui cadeva il centenario dalla nascita di Abel, re Oscar II di Svezia si interessò al progetto riguardante l'istituzione di un premio in onore di Abel. Lo scioglimento dall'unione tra Svezia e Norvegia avvenuta nel 1905 fermò però il progetto.

Nel 2001 il governo norvegese annunciò l'istituzione di questo nuovo premio per i matematici, denominato Abel, nel bicentenario della nascita del matematico norvegese Niels Henrik Abel (1802), stanziando un fondo iniziale di 200 000 000 corone norvegesi (circa 23 000 000 di dollari).

L'Accademia Norvegese delle Scienze e Lettere attribuisce il premio dopo una selezione effettuata da un comitato di cinque matematici internazionali. L'ammontare del riconoscimento in denaro è di circa un milione di dollari, una cifra simile a quella del premio Nobel, assegnato in Svezia e Norvegia, che però esclude i matematici. Il premio Abel ha lo scopo di promuovere la matematica, rendendo più prestigiosa questa scienza, specialmente agli occhi delle nuove generazioni. Ha un valore equivalente monetario di sei milioni di corone norvegesi (circa 1 milione di dollari).[1] Nell'aprile del 2003 è stato annunciato il primo candidato vincitore, Jean-Pierre Serre, che ha ricevuto il premio nel giugno seguente.

Vincitori[modifica | modifica wikitesto]

Anno Vincitori Istituzioni affiliate Motivazione
2003 Francia Jean-Pierre Serre Collège de France "Per avere svolto un ruolo fondamentale nel dare una forma moderna a numerose branche della matematica, fra cui la topologia, la geometria algebrica e la teoria dei numeri".[2]
2004 Regno Unito Michael F. Atiyah Università di Edimburgo "Per aver scoperto e dimostrato il teorema dell'indice coniugando topologia, geometria e analisi, e per il ruolo straordinario che hanno avuto nel creare nuovi ponti tra matematica e fisica teorica".[3]
Stati Uniti Isadore M. Singer Massachusetts Institute of Technology e Università del Michigan
2005 Ungheria Stati Uniti Peter D. Lax Courant Institute of Mathematical Sciences e Università di New York "Per i suoi straordinari contributi alla teoria e all'applicazione delle equazioni differenziali alle derivate parziali e al calcolo delle loro soluzioni".[4]
2006 Svezia Lennart Carleson Istituto Reale di Tecnologia "Per il suo vasto e innovativo contributo all'analisi armonica e ai sistemi dinamici lisci".[5]
2007 India Stati Uniti S. R. Srinivasa Varadhan Courant Institute of Mathematical Sciences e Università di New York "Per il suo contributo determinante alla teoria della probabilità ed in particolare alla creazione di una teoria unificata delle grandi deviazioni".[6]
2008 Stati Uniti John Griggs Thompson Università di Cambridge "Per i loro straordinari risultati in campo algebrico e in particolare per il loro contributo alla moderna teoria dei gruppi".[7]
Belgio Francia Jacques Tits Collège de France
2009 Russia Francia Michail Leonidovič Gromov Università di New York "Per i suoi contributi rivoluzionari alla geometria".[8]
2010 Stati Uniti John Tate Università del Texas ad Austin "Per il suo vasto e duraturo contributo alla teoria dei numeri".[9]
2011 Stati Uniti John Willard Milnor Stony Brook University "Per le sue scoperte innovative in topologia, geometria e algebra".[10]
2012 Ungheria Stati Uniti Endre Szemerédi Alfréd Rényi Institute of Mathematics e Rutgers University "Per il suo contributo fondamentale alla matematica discreta e all'informatica teorica, e per l’impatto profondo e duraturo che la sua opera ha avuto sulla teoria addittiva dei numeri e sulla teoria ergodica".[11]
2013 Belgio Pierre Deligne Institute for Advanced Study "Per i suoi contributi fondamentali alla geometria algebrica e per il loro impatto trasformativo sulla teoria dei numeri, sulla teoria delle rappresentazioni e su campi correlati".[12]
2014 Russia Stati Uniti Yakov G. Sinai Istituto Landau di Fisica Teorica e Università di Princeton Per il suo contributo fondamentale ai sistemi dinamici, alla teoria ergodica e alla fisica matematica".[13]
2015 Stati Uniti John Forbes Nash Jr Università di Princeton "Per i loro contributi fondamentali e straordinari alla teoria delle equazioni differenziali alle derivate parziali non lineari e alle sue applicazioni all'analisi geometrica".[14]
Canada Stati Uniti Louis Nirenberg Courant Institute of Mathematical Sciences
2016 Regno Unito Andrew J. Wiles Università di Oxford "Per la sua stupefacente dimostrazione dell'ultimo teorema di Fermat mediante la congettura di modularità per le curve ellittiche semistabili,

con cui ha inaugurato una nuova era della teoria dei numeri".[15]

2017 Francia Yves Meyer École normale supérieure "Per il suo ruolo chiave nello sviluppo della teoria matematica delle ondine".[16]
2018 Canada Stati Uniti Robert Langlands Università di Princeton "Per il suo programma visionario che collega la teoria delle rappresentazioni alla teoria dei numeri".[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NO) Om Abelprisen, su abelprisen.no. URL consultato il 24 marzo 2011.
  2. ^ The Abel Prize Laureate 2003, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  3. ^ The Abel Prize Laureate 2004, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  4. ^ The Abel Prize Laureate 2005, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  5. ^ The Abel Prize Laureate 2006, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  6. ^ The Abel Prize Laureate 2007, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  7. ^ The Abel Prize Laureate 2008, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  8. ^ The Abel Prize Laureate 2009, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  9. ^ The Abel Prize Laureate 2010, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  10. ^ The Abel Prize Laureate 2011, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  11. ^ The Abel Prize Laureate 2012, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  12. ^ The Abel Prize Laureate 2013, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  13. ^ The Abel Prize Laureate 2014, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  14. ^ The Abel Prize Laureate 2015, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  15. ^ The Abel Prize Laureate 2016, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  16. ^ The Abel Prize Laureate 2017, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.
  17. ^ The Abel Prize Laureate 2018, su abelprize.no. URL consultato il 4 agosto 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica