Pregno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pregno
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Brescia-Stemma.png Brescia
ComuneVilla Carcina-Stemma.png Villa Carcina
Territorio
Coordinate45°38′N 10°12′E / 45.633333°N 10.2°E45.633333; 10.2 (Pregno)Coordinate: 45°38′N 10°12′E / 45.633333°N 10.2°E45.633333; 10.2 (Pregno)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale25069
Prefisso030
Fuso orarioUTC+1
Patronosanti Antonio da Pd, Faustino e Giovita
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pregno
Pregno

Pregno, frazione di Villa Carcina si trova sulla sponda sinistra del fiume Mella nella bassa val Trompia e conta 143 abitanti.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcune ricostruzioni il suo nome significherebbe "casa diroccata". A Pregno si hanno le prime documentazioni di un insediamento romano in val Trompia, in località Zignone, precedenti sia alla villa ritrovata nella frazione Cogozzo che all'acquedotto che passava appunto da Pregno, e che tuttora è visibile sia qui che in frazione Costorio a Concesio (a fianco della strada statale triumplina). Quest'opera portava l'acqua potabile da Gazzolo di Lumezzane alla città di Brescia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione vuole che fosse chiamato "Condotto del Diavolo" ed in un antico documento del 1300 veniva denominato "Cuniculum Priegni". Secondo episodi leggendari, raccolti nella"PASSIO", composta nel VIII secolo da un certo prete Giovanni di Milano su richiesta del duca longobardo di Brescia, forse lo stesso Re Desiderio, i SANTI FAUSTINO e GIOVITA , nacquero in Zignone , località di Pregno.Ciò avvalorato anche dalla leggenda di Santa Cecilia.

L'economia è ancora prevalentemente industriale.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Fra il 1882 e il 1954 Pregno ospitò un'importante stazione della tranvia della Val Trompia[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claudio Mafrici, I binari promiscui - Nascita e sviluppo del sistema tramviario extraurbano in provincia di Brescia (1875-1930), in Quaderni di sintesi, vol. 51, novembre 1997.