Prednisolone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Prednisolone
Prednisolone.svg
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC21H28O5
Massa molecolare (u)360,444
Numero CAS50-24-8
Numero EINECS200-021-7
Codice ATCA07EA01
PubChem5755
DrugBankDB00860
SMILES
CC12CC(C3C(C1CCC2(C(=O)CO)O)CCC4=CC(=O)C=CC34C)O
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
orale, oculare
Dati farmacocinetici
Biodisponibilitàmolto alta
Legame proteico>90%
Metabolismoepatico (CYP3A4)
Emivita2-3 ore
Escrezioneurine come metaboliti glicoconiugati
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H302
Consigli P---[1]

Il prednisolone [2] è un glucocorticoide appartenente alla famiglia degli ormoni steroidei che per la sua ampia e potente attività antinfiammatoria, trova indicazione in tutti gli ambiti della medicina. Le indicazioni sono molteplici soprattutto per quanto riguarda il controllo in acuto e in cronico dei disturbi infiammatori in genere.

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

Il prednisolone è indicato: nell'insufficienza primaria e secondaria dell'insufficienza surrenalica, nelle tiroiditi e nell'iperplasia surrenalica congenita.

In ambito reumatologico è usato nelle artriti psoriasiche e reumatoidi, nella spondilite anchilosante, nella gotta (attacchi acuti), nella borsite ed epicondilite; viene anche usato nel LES, nel pemfigo e nella malattia reumatica.

In ambito oncologico è usato comunemente: nelle leucemie, nei linfomi, nella porpora trombocitopenica e nelle malattie emolitiche autoimmuni. Questo per indicare solo alcune delle gravi patologie di impiego elettivo del farmaco.

Trova impiego, anche, nelle malattie gastrointestinali come la colite ulcerosa e nella Malattia di Crohn insieme a molte altre forme patologiche più o meno gravi. Trova anche utile impiego in ambito neurologico, pneumologico e in molti altri ambiti della terapia medica; si può dire che non c'è patologia, con componente infiammatoria, che non trovi beneficio dall'impiego del farmaco.

In label[modifica | modifica wikitesto]

Gli impieghi previsti dall'RCP[2] sono:

Affezioni di interesse reumatologico come terapia aggiuntiva per la somministrazione a breve termine (per far superare al paziente un episodio acuto o una riacutizzazione) in: artrite reumatoide (casi particolari possono richiedere una terapia di mantenimento a basse dosi), malattia di Still, spondiliti anchilosanti, artrite gottosa acuta.

Malattie del collagene: durante una riacutizzazione o come terapia di mantenimento in casi particolari di lupus eritematosus sistemico, dermatomiosite, periartrite, cardite reumatica acuta.

Per controllare condizioni allergiche gravi o debilitanti non trattabili in maniera convenzionale: asma bronchiale, dermatiti da contatto, dermatite atopica.

Sarcoidosi.

Affezioni ematologiche: anemia emolitica acquisita (autoimmune), per il trattamento palliativo di leucemie e linfomi degli adulti, leucemia acuta dell'infanzia.

Come coadiuvante nel trattamento della colite ulcerosa.

Off-label[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Off-label.

Tossicologia[modifica | modifica wikitesto]

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti collaterali sono spesso importanti e gravi, e sono in funzione dei dosaggi e dei tempi di impiego del farmaco. Gli effetti collaterali sono a carico di quasi tutti i distretti dell'organismo. I più importanti e frequenti sono:

Disturbi elettrolitici:

  • Ritenzione sodica
  • Ritenzione di fluidi
  • Scompenso cardiaco (in soggetti predisposti)
  • Ipokaliemia
  • Alcalosi ipokaliemica
  • Ipertensione

Muscoloscheletrici

  • Miopatia steroidea
  • Perdita di massa muscolare
  • Debolezza muscolare
  • Osteoporosi
  • Compressione e fratture vertebrali (collassi)
  • Necrosi asettica della testa del femore
  • Fratture ossee

Gastrointestinali

  • Ulcera pepticacon, emorragie e perforazione
  • Pancreatiti
  • Distensione addominale
  • Esofagiti ulcerate

Dermatologiche

  • Ritardo della cicatrizzazione
  • Assottigliamento cutaneo
  • Petecchie ed echimosi
  • Eritema facciale
  • Ridotta risposta ai test allergologici

Neurologiche

  • Convulsioni
  • Aumento della pressione intracranica (pseudo-tumor cerebri)
  • Vertigini
  • Emicrania

Endocrine

  • Stato Cushingoide
  • Irregolarità mestruali
  • Soppressione dello sviluppo (pediatria)
  • Intolleranza ai carboidrati (diabete iatrogeno)
  • Insufficienza surrenalica anche grave in risposta allo stress

Oftalmiche

  • Cataratta posteriore subcapsulare
  • Glaucoma iatrogeno
  • Esoftalmo

Metaboliche

  • Negativizzazione del bilancio dell'azoto per aumentato catabolismo proteico

Dosi terapeutiche[modifica | modifica wikitesto]

La dose minima, che equivale all'unità antinfiammatoria steroidea, è di 5 mg.

Le dosi terapeutiche sono estremamente variabili in funzione della:

  • patologia
  • gravità di espressione della stessa
  • protocollo previsto per il trattamento dello stessa
  • durata temporale della terapia prevista

Avvertenze[modifica | modifica wikitesto]

Il prednisolone come tutti gli ormoni steroidei dà positività al test antidoping[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. dell'11.10.2012
  2. ^ a b Sandro Magnanelli, Deltacortene, Torrinomedica S.r.l.. URL consultato il 24 gennaio 2016 (archiviato il 25 novembre 2007).
  3. ^ The 2008 Prohibited List (PDF), su wadaama.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • British national formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.
  • Sean C. Sweetman, Martindale: The Complete Drug Reference, 35th Edition: Book and CD-ROM Package, Pharmaceutical Press, ISBN 0-85369-704-3.
  • Dan L. Fauci, Harrison's Principles of Internal Medicine, McGraw-Hill, 2005, ISBN 0-07-140235-7.
  • Brunton, Lazo, Parker, Goodman & Gilman - Le basi farmacologiche della terapia, 11ª ed., McGraw Hill, 2006, ISBN 0-07-142280-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]