Precipitevolissimevolmente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Francesco Moneti

Precipitevolissimevolmente è una parola d'autore tra le più lunghe della lingua italiana con le sue 26 lettere e 11 sillabe.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

L'avverbio (che significa "in modo assai rapido, precipitevole")[1] fu coniato nel 1677 da Francesco Moneti per esigenze poetiche ne La Cortona convertita:[2]

« Come gonfio pallon, che spesso balza
quando è caduto, e vien gettato al piano,
o che talor verso le stelle incalza
di esperto giocator possente mano,
e da tal forza spinto assai s’inalza
verso del cielo, ed il fermarsi è vano,
perché alla terra alfin torna repente
precipitevolissimevolmente. »
(Francesco Moneti, La Cortona convertita, canto III, LXV[2])

Lo scopo del Moneti era di ottenere una parola che fosse di per sé un endecasillabo, stravolgendo le norme grammaticali della lingua italiana, infatti il superlativo corretto dell'avverbio "precipitevolmente" sarebbe "precipitevolissimamente", che ha tre lettere e una sillaba in meno.[1][3]

Un antecedente di avverbio endecasillabo, costruito nella stessa falsariga, è "sovramagnificentissimamente", citato da Dante Alighieri nel De vulgari eloquentia, di 27 lettere, il quale però non appare nel vocabolario della lingua italiana.[4]

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

La parola fu poi riutilizzata per la prima volta da Andrea Casotti nell'opera burlesca La Celidora, ovvero Il governo di Malmantile del 1734:[1]

« chi troppo in alto sal cade sovente
precipitevolissimevolmente »
(Andrea Casotti, La Celidora[5])

Anche Carlo Goldoni nella commedia Il teatro comico del 1750 (atto I, scena 11) la utilizza come espediente "buffo":[1]

« Petronio: Si può ben dire, che è fatta precipitevolissimevolmente. »

L'avverbio fu accettato, nei secoli XVIII-XIX, esclusivamente come uno «scherzo, il quale, benché giudiziosamente omesso dalla Crusca, in tutte le edizioni, tuttavia poté essere graziosamente ripetuto»,[6] come ricorda ancora nel 1831 il noto linguista Giacinto Carena.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Precipitevolissimevolmente, su Una parola al giorno, 10 novembre 2014. URL consultato il 9 novembre 2015.
  2. ^ a b Moneti.
  3. ^ Rossi (1991), p. 122.
  4. ^ Filippo Grillo, Scioglilingua, in Corriere della Sera, 24 novembre 2010. URL consultato il 9 novembre 2015.
  5. ^ Casotti p. 242
  6. ^ Carena, cap. VI, p. 34.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]