Pozzo sacro di Gârlo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pozzo sacro di Gârlo
Entrance Temple Garlo Village.jpg
Epoca II millennio a.C.
Localizzazione
Stato Bulgaria Bulgaria
Comune Breznik

Il pozzo sacro di Gârlo è un sito archeologico risalente al II millennio a.C. situato nel villaggio di Gârlo, frazione del comune di Breznik in Bulgaria a circa 30 km dalla capitale Sofia.

Ingresso
Sezione e pianta del pozzo

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

E' stato scavato nel 1972 dalla Prof. Dr. Dimitrina Mitova-Dzhonova e il suo team. Il pozzo sacro è stato costruito in una piccola valle fiancheggiata in epoca preistorica da molte sorgenti.

L'ingresso alla camera sotterranea si trova sul lato est del complesso. 24 gradini di 1,1 m di larghezza, i prime nove a cielo aperto e i restanti 15 sottoterra, conducono in una stanza rotonda a cupola di 4,2 m. di diametro, sulla sommità della volta vi è un foro circolare. Al centro della camera si trova il pozzo profondo 5 metri.

Questo pozzo, secondo la professoressa bulgara Dimitrina Mitova-Dzonova era dedicato al culto delle acque o più precisamente delle risorse idriche del sottoterra[1]. Sempre secondo la Mitova-Dzonova questa struttura presenta forti somiglianze con due pozzi sacri rinvenuti in Sardegna e ascrivibili al periodo nuragico: il pozzo di Cuccuru Nuraxi di Settimo San Pietro e il Pozzo sacro di Funtana Coberta a Ballao. Il sito bulgaro secondo le datazioni proposte dalla studiosa venne edificato fra il XIV e il X secolo a.C. e precederebbe quindi i pozzi sardi; tale datazione è stata contestata dal prof. Giovanni Ugas dell'Università di Cagliari che afferma:

« La Mitova Zorova che ha studiato il pozzo di Giarlo si inserisce nella tradizione orientalista: secondo lei gli Shardana sarebbero arrivati in Sardegna dai Balcani, portando nell'isola i templi a pozzo. In realtà si dovrebbe fare il discorso inverso perché in Bulgaria quello di Giarlo è l'unico tempio a pozzo trovato, mentre in Sardegna i templi a pozzo non sono un'eccezione ma un sistema e sono pienamente inseriti nel quadro della civiltà megalitica nuragica. C'è da dire che loro datano il tempio al XIV sec. ma io non sono assolutamente d'accordo con questa cronologia, non abbiamo materiale che ci conforti su questa cronologia alta. Non abbiamo assolutamente elementi »
([2])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mitova - Dzhonova, Dimitrina, Origins and Nature of Proto Sardinian Sacred Pits, III-I Millennium, BC; 2007; p.10, IVRAI Publishing Sofia Bulgaria
  2. ^ Sardiniapoint- Intervista a Giovanni Ugas

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dimitrina Mitova-Dzonova , Origine e natura dei pozzi sacri protosardi (titolo originale:ПРОИЗХОД И СЪЩНОСТ на протосардинските сакрални кладенци)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Archeologia