Pozsony

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comitato di Pozsony
ex comitato
(HU) Pozsony vármegye
Comitato di Pozsony – Stemma
Localizzazione
Stato Ungheria Ungheria
Amministrazione
Capoluogo Pozsony
Data di soppressione 1920 (Trattato del Trianon)
Territorio
Coordinate
del capoluogo
48°07′N 17°06′E / 48.116667°N 17.1°E48.116667; 17.1 (Comitato di Pozsony)Coordinate: 48°07′N 17°06′E / 48.116667°N 17.1°E48.116667; 17.1 (Comitato di Pozsony)
Superficie 4 370 km²
Abitanti 389 700 (1910)
Densità 89,18 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Comitato di Pozsony – Localizzazione
Comitato di Pozsony – Mappa

Il comitato di Pozsony (in ungherese Pozsony vármegye, in slovacco Prešporská župa, in tedesco Komitat Pressburg, in latino Comitatus Posoniensis) è stato un antico comitato del Regno d'Ungheria, oggi situato nella Slovacchia occidentale. Capoluogo del comitato era la città di Pozsony (in italiano Presburgo), oggi nota con il nome slovacco di Bratislava[1].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comitato di Pozsony era situato al margine tra Carpazi occidentali e la Pianura Pannonica e confinava con il territorio austriaco dell'Austria Inferiore, nonché con gli altri comitati di Nyitra, Komárom, Győr e Moson. Il comitato era nettamente delimitato dal fiume Morava ad ovest, dal fiume Váh ad est e dal Danubio al sud e comprendeva anche gran parte dello Žitný ostrov, la più grande isola fluviale d'Europa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della storia il comitato di Pozsony è sempre stato uno dei territori più prosperi del Regno d'Ungheria, soprattutto grazie alla sua vicinanza con Vienna e alla sua caratteristica di punto di incontro tra le culture tedesca, magiara e slava. Nel XVIII e XIX secolo la popolazione era composta prevalentemente da ungheresi, slovacchi (al nord),tedeschi (a Presburgo/Bratislava e nelle maggiori città) e croati (soprattutto vicino al capoluogo).

In seguito al Trattato del Trianon (1920) l'intero comitato venne assegnato alla neonata Cecoslovacchia (dove rimase immutato nei suoi limiti territoriali fino al 1927), salvo una piccolissima parte a sud del Danubio che rimase in Ungheria e fu attribuita al nuovo comitato di Győr-Moson-Pozsony.

Ulteriori modifiche territoriali si ebbero temporaneamente nel 1938, quando la parte meridionale del vecchio comitato fu restituita all'Ungheria in seguito al Primo arbitrato di Vienna. In quell'occasione vennero ridisegnati i confini, fondendo alcune parti riconquistate con il comitato di Komárom e riunendole altre sotto il nuovo comitato di Nyitra-Pozsony, con capitale Érsekújvár.

Dall'indipendenza della Slovacchia (1993) il territorio dell'antico comitato è diviso tra la regione di Bratislava e quella di Nitra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fino al 1919, il nome slovacco di Bratislava era Prešporok.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN233863103
Ungheria Portale Ungheria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ungheria