Postioma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Postioma
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
ComunePaese (Italia)-Stemma.png Paese
Territorio
Coordinate45°43′13″N 12°09′13″E / 45.720278°N 12.153611°E45.720278; 12.153611 (Postioma)Coordinate: 45°43′13″N 12°09′13″E / 45.720278°N 12.153611°E45.720278; 12.153611 (Postioma)
Altitudine55 m s.l.m.
Abitanti3 078[1] (31-3-2009)
Altre informazioni
Cod. postale31038
Prefisso0422
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantipostiomesi
Patronosan Giorgio (compatrona sant'Elena)
Giorno festivo23 aprile (18 agosto)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Postioma
Postioma

Postioma è una frazione del comune di Paese in provincia di Treviso di 3 078[1] abitanti. Il toponimo riflette la posizione dell'abitato, situato all'incrocio tra la strada consolare Postumia e quella paleoveneta corrispondente all'attuale Feltrina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine dell'abitato è strettamente collegata alla costruzione della via Postumia, voluta dal console Spurio Postumio Albino Magno nel 148 a.C. Postioma nacque verosimilmente come statio trovandosi a 10 miglia romane (circa 14 km) dal guado di Ronchi di Maserada, ovvero la distanza media che l'esercito romano riusciva a percorrere in mezza giornata in assetto di guerra[2]. Il primo documento ufficiale in cui viene nominata esplicitamente la pieve di Postioma, risulta tuttavia la bolla del Papa Eugenio III datata 3 maggio 1152.

Chiesa del '700[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Postioma è un elegante edificio settecentesco di elevata pregevolezza artistica. La costruzione fu promossa dall'arciprete Domenico Maggion nel 1778, e avvenne sullo stesso sito dove si trovava una precedente chiesa, probabilmente di stile romanico, che i documenti dell'Archivio Storico della Curia Vescovile di Treviso definiscono “antichissima”.

I lavori vennero completati nel 1795, anno in cui venne ultimata la facciata, progettata dai fratelli Piotto, capomastri della famiglia Emo. Per inciso questa nobile famiglia risiedeva in una armoniosa villa di fine Cinquecento, vicina alla chiesa: Villa Labia, da poco restaurata.

Già tre decenni prima (1765) era stato portato a termine il campanile, che tuttora si può ammirare a destra della chiesa; la copertura a cipolla della cella campanaria indiscutibilmente svela le simpatie filoaustriache dell'arciprete Maggion. In quegli anni, mentre la Repubblica di Venezia stava languendo, la scelta ideologico-politica era schierarsi o con i figli della rivoluzione francese (Napoleone) o con i più rassicuranti imperiali austriaci.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dati desunti dal periodico comunale Vita Amministrativa - n. 2 aprile 2009, p. 4 [1]
  2. ^ La storia di Postioma chiesa700postioma.it
Controllo di autoritàVIAF (EN311728068 · WorldCat Identities (EN311728068