Porto dei santi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Porto dei santi
Titolo originale Port of Saints
Autore William Seward Burroughs
1ª ed. originale 1973
1ª ed. italiana 1978
Genere romanzo
Lingua originale inglese

Porto dei santi è un romanzo dello scrittore statunitense William Burroughs pubblicato nel 1973 dalla Blue Wind Press, in italia viene tradotto e pubblicato da SugarCo nel 1978. Una nuova edizione rivista dall'autore è stata pubblicata nel 1980 (e in italiano nel 1994).

È innanzitutto una biografia, che unita alla tecnica del cut-up e all'inconfondibile stile narrativo dell'autore diventa una biografia "sperimentale". Esempio di narrazione anacronistica, caratterizzato da un altalenarsi di scene porno gay da vicolo di periferia e visioni apocalittiche alla William Blake, vede l'intrecciarsi, il costruirsi e il distruggersi di una trama che non c'è, personaggi che compaiono e non ritornano, abbozzi di discorsi, frammentazione psichedeliche apparentemente sconnesse che rendono la lettura discontinua. Come dice la studiosa Jenny Skerl, il libro combina fantasie erotiche e spunti narrativi fino a mescolare storie di giovani selvatici in un groviglio di desideri, tra i quali quello di viaggiare nel tempo e riscrivere la storia.[1]

Il romanzo, per la sua frammentarietà e per il ritorno di immagini e personaggi già apparsi altrove o che altrove verranno sviluppati, assume senso compiuto se il lettore lo inserisce nella continuità dell'opera complessiva dell'autore.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Porto dei santi, trad. di Giulio Saponaro, SugarCo ("Tasco" n. 44), Milano 1978
  • Porto dei santi, trad. di Giulio Saponaro, SugarCo ("Tasco. Letteratura" n. 30), Milano 1994 ISBN 88-7198-323-8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo in tedesco.
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura