Portia de Rossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la madre di Torquato Tasso, vedi Porzia de' Rossi.
Portia de Rossi nel febbraio 2007

Portia Lee James DeGeneres, conosciuta anche come Portia de Rossi, nata Amanda Lee Rogers (Melbourne, 31 gennaio 1973), è un'ex modella, attrice e scrittrice australiana naturalizzata statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata come Amanda Lee Rogers a Melbourne, è cresciuta a Grovedale, un sobborgo di Geelong. Ha frequentato la Melbourne Girls Grammar School ed ha studiato legge all' Università di Melbourne[1].

Nel 1988, all'età di 15 anni, adotta lo pseudonimo Portia de Rossi. Nel 2005 ha spiegato che mutuò il nome dall'omonimo personaggio del romanzo Il mercante di Venezia, aggiungendovi un cognome italiano.[1]

Il suo primo ruolo significativo è stato quello di una giovane modella impressionabile nel film del 1994 Sirene. Subito si trasferì a Los Angeles e, dopo diversi ruoli da ospite in show televisivi, ottiene un ruolo in Scream 2.

Ha guadagnato l'attenzione internazionale quando, nel 1998, entrò nel cast della serie televisiva Ally McBeal nella parte dell'avvocato Nelle Porter. È rimasta nella serie fino alla sua conclusione, nel 2002. Nel 2001 ha lavorato nel film Chi è Cletis Tout? con Christian Slater. Dal 2003 al 2006, la de Rossi ha ricoperto il ruolo di Lindsay Bluth Fünke nella serie tv Arrested Development - Ti presento i miei.

Dal 2009 al 2010 ha interpretato il ruolo di Veronica Palmer nella serie tv Better Off Ted - Scientificamente pazzi. È stata personaggio ricorrente, nella quinta stagione della serie televisiva americana Nip/Tuck. Nel 2010 ha anche pubblicato il suo primo libro autobiografico, intitolato Unbearable Lightness, incentrato sui momenti negativi della sua vita, come la lotta contro l'anoressia.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Durante la lavorazione della serie Ally McBeal, Portia de Rossi e le co-star Calista Flockhart e Courtney Thorne-Smith hanno sofferto di anoressia nervosa. De Rossi sostenne che a farla soffrire della malattia era stata l'enorme pressione e in parte la sua sessualità. Portia, che è stata sposata per due anni con il regista di documentari Mel Metcalfe, è dichiaratamente lesbica.[senza fonte]

Dal 2000 al 2004 Portia ha frequentato la cantante Francesca Gregorini. Durante questo periodo, ha evitato le domande dei media sul suo orientamento sessuale o sulla sua relazione; solo raramente si è fatta fotografare in pubblico con Gregorini. Qualche anno più tardi, in un'intervista con il quindicinale gay The Advocate, De Rossi affermò che la maggior parte della sua famiglia e i compagni di lavoro del cast di Ally McBeal avevano saputo, nel 2001, della sua omosessualità attraverso le foto dei giornali tabloid che la ritraevano con Gregorini[2].

Nel 2005 De Rossi ha infine fatto il suo coming out ufficiale, e si è dichiarata lesbica in alcune interviste con i periodici Details e The Advocate. Alcune voci affermano che De Rossi e Gregorini avessero progettato di ufficializzare la propria relazione con una cerimonia di fidanzamento o di matrimonio e che avessero parlato di adottare un bambino. Il progetto è stato vanificato, alla fine del 2004, dalla rottura intervenuta fra le due.[senza fonte]

Nel 2008 ha sposato l'attrice Ellen DeGeneres e nel 2010 ha cambiato legalmente il proprio nome in Portia Lee James DeGeneres[3]. È diventata cittadina americana nel settembre 2011[4].

Portia de Rossi con la moglie Ellen DeGeneres nel 2012.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Michele Kort, Portia heart & soul, advocate.com, 29 agosto 2005. URL consultato il 10 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2015).
  2. ^ (EN) Donna Freydkin, Portia de Rossi nips at new TV challenges - USATODAY.com, su www.usatoday.com, 12 novembre 2007. URL consultato il 10 novembre 2017.
  3. ^ (EN) Portia de Rossi takes wife Ellen Degeneres' name - USATODAY.com, su usatoday30.usatoday.com, 23 settembre 2010. URL consultato il 10 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Charley Been, Portia De Rossi Becomes American Citizen - StarzLife, in StarzLife, 16 settembre 2011. URL consultato il 10 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN163822159 · ISNI: (EN0000 0001 1483 2690 · LCCN: (ENno2005117079 · GND: (DE160244811 · BNF: (FRcb14169911f (data)