Porta Orientale (medievale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Porta Orientale
mura medievali di Milano
Milano, Porta Orientale 01.jpg
Porta Orientale medievale di Milano
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàMilano
Coordinate45°28′06.6″N 9°11′56.51″E / 45.4685°N 9.19903°E45.4685; 9.19903Coordinate: 45°28′06.6″N 9°11′56.51″E / 45.4685°N 9.19903°E45.4685; 9.19903
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Porta Orientale (medievale)
Informazioni generali
Stilemedievale
Inizio costruzioneXII secolo
Demolizione1818
VisitabileNon più esistente
Informazioni militari
UtilizzatoreCoat of arms of the House of Visconti (1277).svg Signoria di Milano
Coat of arms of the House of Sforza.svg Ducato di Milano
Funzione strategicadifesa della città di Milano
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Porta Orientale era una delle porte maggiori poste sul tracciato medievale delle mura di Milano.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le cronache seicentesche, un certo Pietro Antonio Lovato, dopo aver abbandonato l'esercito dei Lanzichenecchi, entrò a Milano per questa porta con vestiti ed averi infetti per la peste: da questi si sarebbe diffusa la terribile epidemia del 1630 nella città ambrosiana.

Da questa porta inoltre Renzo Tramaglino compie il suo ingresso a Milano e la sua fuga verso Bergamo nei Promessi sposi[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bonvesin de la Riva, De magnalibus Mediolani (1288), Pontiggia ed. Bompiani, 1974 - Capitolo II, capo VI
  2. ^ Alessandro Manzoni, I promessi sposi, capp. XI-XII.
Porta Orientale vista da largo San Babila.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]