Porta Camollia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°19′39.58″N 11°19′31.39″E / 43.32766°N 11.325385°E43.32766; 11.325385

Porta Camollia, esterno
Porta Camollia, interno
(LA)

« Cor magis tibi Sena pandit »

(IT)

« Siena ti apre un cuore più grande
[della porta che stai attraversando] »

(Iscrizione su Porta Camollia, Siena)

Porta Camollìa è una delle antiche porte nelle mura di Siena. È situata alla fine di via di Camollia, nel territorio della Contrada Sovrana dell'Istrice.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della porta si lega alla leggenda della fondazione di Siena, secondo la quale nell VII secolo a.C. Romolo avrebbe inviato Camulio per catturare i nipoti Senio e Ascanio. Il condottiero Camulio si stabilì con il proprio accampamento nella zona dove sorge l'attuale Porta.

Nel corso dei secoli Porta Camollia fu la porta più difesa della città di Siena, essendo la porta cittadina d'ingresso per chi proveniva da Firenze. L'attuale costruzione risale al 1604: l'originale Porta costruita nel XIII secolo venne infatti distrutta durante l'assedio di Siena del 1555. Fu progettata da Alessandro Casolari, e decorata dallo scultore Domenico Cafaggi.

A sostegno della sua funzione difensiva, nel 1270 le venne costruito poco distante l'Antiporto di Camollia, un'ulteriore protezione all'ingresso settentrionale della città.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Toscana. Guida d'Italia (Guida rossa), Touring Club Italiano, Milano 2003. ISBN 88-365-2767-1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]