Porsche Mission E

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Porsche Mission E
Porsche Mission E - IAA 2015 - 8 cropped.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  Porsche
Tipo principale Concept car
Produzione nel 2015
Esemplari prodotti 1
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4850 mm
Larghezza 1990 mm
Altezza 1300 mm
Massa 2000 kg
Altro
Assemblaggio Stoccarda
Progetto Ivo Van Hulten
Auto simili Tesla Model S
Porsche Mission E - IAA 2015 - 12 cropped.jpg

La Porsche Mission E è una concept car sviluppata dalla Porsche e presentata per la prima volta al salone dell'automobile di Francoforte il 14 settembre 2015.[1]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio dell'apertura "ad armadio" delle portiere

È una coupé a 4 porte con configurazione 4+4 ed è la prima auto completamente elettrica costruita dalla casa automobilistica tedesca[2], dotata di trazione integrale e della sterzata sulle quattro ruote.

Il corpo vettura è costituito da una miscela di alluminio, acciaio e plastica rinforzata con fibra di carbonio. I cerchioni, in carbonio, hanno un diametro di 21 pollici all'anteriore e di 22 pollici al posteriore. Le batterie al litio sono collocate sotto al pavimento del veicolo, tra la parte anteriore e posteriore, per avere un baricentro il più basso possibile.

Il posto guida ha un'impostazione futuristica ed integra nuove tecnologie; gli strumenti di bordo utilizzano la tecnologia OLED e la navigazione nel menu avviene tramite un sistema di eye tracking, ovvero grazie ad una telecamera che segue gli occhi del conducente che individuano il punto in cui si guarda per attivare le varie funzioni e gli strumenti della vettura. Il conducente poi convalida il comando ovvero l'input dato con la semplice pressione di un pulsanter sul volante. Non vi sono specchietti retovisori, che sono sostituiti da telecamere.

È alimentata da due motori elettrici: uno per l'asse anteriore e uno per quella posteriore, con una potenza complessiva di 600 CV.

Second quanto dichiarato dalla casa, la vettura può coprire lo 0 a 100 km/h in soli 3,5 secondi, mentre lo 0 a 200 km/h in 12 secondi e raggiungere i 250 km/h di velocità massima. Ha una autonomia di 500 km, con batterie ricaricabili all'80% in 15 minuti grazie al sistema di ricarica Porsche Turbo che sfrutta una tecnologia da 800 volt, il doppio di quella delle auto elettriche contemporanee. Le batterie possono anche essere caricate tramite induzione attraverso un dispositivo che sarà installato sotto il pavimento del garage.

È stato annunciato che entro il 2020 la Mission E verrà prodotta dai 15.000 ai 20.000 esemplari annui.

Durante il Festival Internazionale dell'Automobile di Parigi, la giuria le ha assegnato il premio di "più bella Concept Car dell'anno".[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Porsche Concept Study: Mission E - È questa l'anti Tesla da 600 CV, quattroruote.it, 14 settembre 2015. URL consultato il 18 settembre 2017.
  2. ^ Porsche Mission E: continuano i test per la prima elettrica, automoto.it, 2 febbraio 2017. URL consultato il 18 settembre 2017.
  3. ^ Porsche Mission E è la più bella concept car, electricmotornews.com, 31 gennaio 2016. URL consultato il 18 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]