Pontificio Collegio Urbano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Pontificio Collegio Urbano "De Propaganda Fide" è stato costituito a Roma allo scopo di formare dei missionari e, in second'ordine, studiare usi e costumi dei popoli di cui si veniva a conoscenza con le nuove scoperte geografiche, specialmente in Oriente.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Istituito il 1º agosto 1627 da papa Urbano VIII con la bolla Immortalis Dei[1] unitamente all'omonima congregazione di Propaganda Fide. Il collegio dipende direttamente dalla Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli. Fin dagli inizi, gli studenti che chiedono di entrare nel collegio si impegnano negli studi per l'ordinazione sacerdotale a seguito della quale ritornano come missionari nella loro terra di origine.

Alunni del Pontificio Collegio Urbano De Propaganda Fide nell'Anno Accademico 1931-1932

Struttura attuale[modifica | modifica wikitesto]

Le strutture del collegio sono geograficamente entro i confini dello Città del Vaticano.

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

  • Fidél González Fernández (2003-2005)
  • Fernando Domingues (2005-2013)
  • Vincenzo Viva[2] (2013-2021)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (LA) Bolla Immortalis Dei, in Bullarum Diplomatum et Privilegiorum Sanctorum Romanorum Pontificum Taurinensis Editio, t. XIII, p. 574
  2. ^ Nomina: Don Vincenzo Viva Rettore Collegio Urbano in Roma, su news.diocesinardogallipoli.it. URL consultato il 15 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]