Ponte romano di Cordova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ponte romano di Cordova
Córdoba-Puente Romano-Vista del Molino de la Calahorra-20110916.jpg
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
CittàCordova
AttraversaGuadalquivir
Coordinate37°52′36″N 4°46′41″W / 37.876667°N 4.778056°W37.876667; -4.778056Coordinate: 37°52′36″N 4°46′41″W / 37.876667°N 4.778056°W37.876667; -4.778056
Dati tecnici
TipoPonte ad arco
Materialepietra
Lunghezza247 m
Larghezza9 m
Realizzazione
CostruzioneI secolo a.C.-...
Mappa di localizzazione

Il ponte romano di Cordova è un ponte che si trova presso la città spagnola di Cordova, sul fiume Guadalquivir.

Il ponte è stato costruito dai romani nei primi anni del I secolo a.C., forse in sostituzione di uno precedente in legno, e per due millenni è stato l'unico ponte cittadino. Restaurato e rinnovato più volte, oggi ha 16 arcate, è lungo 247 metri e largo circa 9 metri. È esclusivamente pedonale dal 2004. Fa parte del centro storico di Cordova, che è stato dichiarato patrimonio dell'umanità dall'Unesco nel 1984.[1] Appena oltre il ponte, nel fiume Guadalquivir comincia la piccola riserva naturale chiamata Sotos de la Albolafia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruito all'inizio del I secolo a.C., durante la dominazione romana di Cordova, era originariamente costituito da 17 archi, in seguito ridotti a 16. Era l'unico punto dove si potesse attraversare il fiume senza alcun tipo di imbarcazione e probabilmente vi passava la Via Augusta tra Roma e Cadice.

All'epoca della dominazione musulmana risalgono la Torre di Calahorra e la Puerta del puente, due edificazioni difensive poste rispettivamente all'estremità meridionale e settentrionale del ponte. L'attuale Puerta del puente è però un rifacimento realizzato dall'architetto Hernán Ruiz II nel 1572. Al centro del ponte è stata posta nel 1651 una statua di San Raffaele, opera dello scultore Bernabé Gómez del Río.

In tempi più recenti, il ponte romano è stato un importante punto di passaggio per coloro che viaggiavano tra il centro della Spagna e il sud, fino alla costruzione del Ponte di San Rafael a metà del XX secolo.

Restauri[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua storia il ponte ha subito numerosi restauri e ricostruzioni, soprattutto in quattro occasioni: all'epoca del Califfato di Cordova, dopo la Reconquista, agli inizi del XX secolo e nel 2006-2008. Tali interventi, anche se più di carattere estetico che strutturale, sono stati così importanti che oggi solo gli archi 14 e 15 (contando dalla Puerta del Puente) sono originali.

Tra il 2006 e il 2008 il ponte è stato chiuso per realizzare opere conservative interne ed esterne. Il restauro, diretto dall'architetto municipale cordovese Juan Cuenca Montilla e concluso nel gennaio 2008, ha dato adito ad alcune polemiche per il suo carattere radicale, che ha assai modificato l'aspetto che il ponte aveva avuto nei secoli. Sono stati ripuliti i tagliacque, riportati alla luce i conci originali, si è sostituito il pavé con un pavimento liscio di pietre di granito rosa e i lampioni ottocenteschi con luci moderne. Infine, il livello dell'estremità settentrionale del ponte è stato riportato alla stessa altezza della Puerta del Puente.

Cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 il ponte è stato scenario nel film spagnolo Carmen.[2][3] Nel 2014 è stato utilizzato in alcune scene della quinta stagione della serie Il trono di spade.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Historic Centre of Cordoba, UNESCO Culture Sector. URL consultato il 19 giugno 2016.
  2. ^ (ES) Antonio Chaves, Estreno de la película 'Carmen' en Córdoba, El País, 13 settembre 2003. URL consultato il 15 ottobre 2014.
  3. ^ (ES) Instalan las farolas de ´quita y pon´ del Puente Romano, Diario Córdoba, 1º novembre 2002. URL consultato il 15 ottobre 2014.
  4. ^ (ES) Alejandro Ávila, Juego de Tronos: El Puente Romano de Córdoba se convertirá en el Puente Largo de Volantis, Eldiario.es, 15 ottobre 2014. URL consultato il 15 ottobre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]