Ponte di Yavuz Sultan Selim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ponte di Yavuz Sultan Selim
Yavuz sultan selim köprüsü (cropped).jpg
Localizzazione
StatoTurchia Turchia
CittàIstanbul
AttraversaBosforo
Coordinate41°12′10″N 29°06′41″E / 41.202778°N 29.111389°E41.202778; 29.111389
Dati tecnici
TipoIbrida ponte sospeso, strallato
Materialeacciaio
Lunghezza2 164 m
Luce max.1 408 m
Larghezza59 m
Altezza322 (torri) m
Carreggiate2
Corsie8 autostradali e 2 binari
Realizzazione
ProgettistiMichel Virlogeux
Ing. strutturaleMichel Virlogeux
Costruzione29 maggio 2013-agosto 2016
Inaugurazione26 agosto 2016
Costruttoreİçtaş, Astaldi
Intitolato aSelim I
Mappa di localizzazione

Il ponte di Yavuz Sultan Selim (in turco Yavuz Sultan Selim Köprüsü[1]), chiamato anche il "terzo ponte sul Bosforo", è uno dei tre ponti di Istanbul, in Turchia che attraversano lo stretto del Bosforo e che permettono di collegare l'Europa con l'Asia. È stato inaugurato il 26 agosto 2016[2]. Il ponte si trova tra Poyrazköy (sulla sponda asiatica) e Garipçe (sulla sponda europea).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un ponte sospeso di tipologia strallato. La sua lunghezza complessiva è di 2.164 m con una luce di 1.408 metri[3]. È il più largo del mondo, nella sua categoria, con 59 m di larghezza. L'altezza delle torri è di 322 m. Vi passano 8 corsie autostradali, 4 per senso di marcia, ed è predisposto per ospitare due binari ferroviari[2].

È stato costruito da un consorzio denominato ICA composto dall'impresa italiana Astaldi, che ha il 33,33%[4], e dalla turca Içtas[2] nel corso di un triennio in seguito ad una concessione ottenuta nel 2012 che comprende anche la costruzione di un'autostrada di 150 km,[5] la Northern Marmara Highway di collegamento tra le città di Odayeri e Pasakoy[6]. I lavori sono iniziati il 29 maggio 2013 (ricorrenza della conquista ottomana di Costantinopoli nel 1453). Il transito sul ponte prevede una velocità massima degli autoveicoli di 120 km/h, per i treni passeggeri di 160 km/h e per i treni merci di 80 km/h[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (TR) 2021 Yavuz Sultan Selim Köprüsü Geçiş Ücreti Ne Kadar? Güncel Köprü Geçiş Ücretleri, su Gazete Banka. URL consultato il 25 marzo 2021.
  2. ^ a b c Francesca Basso, Turchia, il terzo ponte sul Bosforo inaugurato dal presidente Erdogan, in Corriere della Sera, 27 agosto 2016. URL consultato il 27 agosto 2016.
  3. ^ a b Astaldi, Terzo ponte sul Bosforo, su astaldi.it. URL consultato il 27 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2016).
  4. ^ Secondo le informazioni presenti sul sito di Astaldi la Ic Ictas-Astaldi Insaat AS, è partecipata da Astaldi al 50%
  5. ^ Turchia, Astaldi inaugura il ponte dei record sul Bosforo: 8 corsie di autostrada e 2 linee ferroviarie, in La Repubblica, 25 agosto 2016. URL consultato il 27 agosto 2016.
  6. ^ Giovanni Vegezzi, Astaldi, via al maxi-ponte sul Bosforo, in Il Sole 24 ore, 26 agosto 2016. URL consultato il 27 agosto 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1875153289929632770007