Ponte del non ritorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ponte del non ritorno
Bridge of no return.jpg
Il ponte del non ritorno
Localizzazione
StatoCorea del Nord Corea del Nord
Corea del Sud Corea del Sud
AttraversaLinea di demarcazione militare coreana
Coordinate37°57′21.9″N 126°40′13.35″E / 37.956083°N 126.670374°E37.956083; 126.670374Coordinate: 37°57′21.9″N 126°40′13.35″E / 37.956083°N 126.670374°E37.956083; 126.670374
Dati tecnici
TipoPonte strallato
MaterialeCalcestruzzo armato
Mappa di localizzazione

Il ponte del non ritorno (돌아올 수 없는 다리?, Doraol su eomneun dariLR, Toraol su ŏmnŭn tariMR; letteralmente "punto del non ritorno") è situato all'interno dell'Area di sicurezza congiunta (JSA) e attraversa la Linea di demarcazione militare coreana (MDL) tra Corea del Nord e Corea del Sud. Fu utilizzato per scambiare i prigionieri al termine della Guerra di Corea nel 1953.[1] Il nome deriva dal fatto che alcuni prigionieri di guerra catturati dall'esercito statunitense non desideravano ritornare, e quando venivano portati presso il ponte per essere consegnati, veniva fatto loro scegliere se rimanere nel paese dove erano stati fatti prigionieri o se attraversare il ponte per rientrare nel loro paese, nel qual caso non sarebbero mai più potuti tornare indietro.

Il ponte è stato utilizzato l'ultima volta nel 1968, quando il personale dell'USS Pueblo fu rilasciato dalle autorità nordcoreane. Il ponte fu utilizzato dai nordcoreani fino all'incidente del pioppo del 18 agosto 1976, quando il Comando delle Nazioni Unite in Corea chiese di rinforzare e segnalare chiaramente la linea di demarcazione militare coreana. Nelle successive 72 ore i nord coreani costruirono un nuovo ponte sul lato nord dell'Area di sicurezza congiunta e il ponte del non ritorno non fu più utilizzato.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A PANMUNJON DOVE E' IN PIEDI L'ULTIMO MURO - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 13 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]