Ponte San Francesco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ponte San Francesco
Ponte San Francesco Verona.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàVerona
Coordinate45°25′47.5″N 10°59′49.2″E / 45.429861°N 10.997°E45.429861; 10.997
Dati tecnici
TipoPonte ad arco
MaterialeCemento armato
Lunghezza112 m
Larghezza19,9 m
Mappa di localizzazione

Il ponte San Francesco è un'opera infrastrutturale situata a Verona lungo il fiume Adige.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo ponte, che prende il nome dal vicino bastione di San Francesco, opera difensiva realizzata nel Cinquecento dal celebre architetto veronese Michele Sanmicheli, è l'unico di Verona ad essere intitolato ad un santo. Venne costruito nel 1930 su progetto dell'architetto torinese Arturo Midana, che l'anno precedente aveva realizzato ponte Catena, tanto che il disegno e la struttura simili ne dimostrano la medesima paternità. Inaugurato il 28 ottobre 1930, venne minato e fatto esplodere dai tedeschi in fuga la notte tra il 24 e il 25 aprile 1945, insieme a tutti gli altri ponti di Verona. Un nuovo ponte venne pertanto ricostruito in forme simili nel dopoguerra e inaugurato il 26 gennaio 1950: il ponte, a tre arcate, era lungo 112 metri e largo 14.[1]

Divenuto uno degli attraversamenti più trafficati sul fiume Adige a Verona, indagini approfondite hanno rilevato notevoli carenze dal punto di vista strutturale oltre che la presenza di gravi danni localizzati, per questo motivo il ponte è stato oggetto di un intervento di ristrutturazione avvenuto tra il 2011 e il 2012. La soluzione adottata ha visto il rinnovamento completo delle strutture in calcestruzzo armato della sovrastruttura oltre che il ripristino delle arcate inferiori; è stato inoltre allargato il piano stradale, per cui la larghezza del ponte è stata portata a 19,9 metri, con quattro corsie dedicate al traffico automobilistico e ai lati due piste ciclopedonali che sono state realizzate a sbalzo sul fiume, ancorate alla struttura del ponte mediante due archi metallici inclinati che si innestano sulle spalle e sulle pile.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Patuzzo, pp. 224-226.
  2. ^ AA.VV., pp. 3-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Patuzzo, L'Adige: Verona e i suoi ponti, Vago di Lavagno, Gianni Bussinelli, 2015, ISBN 978-88-6947-129-2.
  • AA.VV., Il ponte di San Francesco a Verona, in Strade & Autostrade, n. 113, Vilminore di Scalve, GraphicScalve, settembre/ottobre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]