Ponte Cadore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ponte Cadore
Ponte Cadore 5.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàPieve di Cadore
AttraversaPiave
Coordinate46°24′19.92″N 12°22′10.59″E / 46.405533°N 12.369607°E46.405533; 12.369607Coordinate: 46°24′19.92″N 12°22′10.59″E / 46.405533°N 12.369607°E46.405533; 12.369607
Dati tecnici
TipoPonte ad arco
Materialeacciaio
Lunghezza535 m
Luce max.272 m
Altezza luce184 m
Larghezza13 m
Realizzazione
ProgettistiStudio Matildi
Costruzione1982-1985
Mappa di localizzazione
Panoramica dal ponte Cadore.

Il ponte Cadore è un ponte lungo 1150 m e alto 184 m. Situato tra il comune di Pieve di Cadore e di Perarolo di Cadore sopra la profonda gola del fiume Piave, che prima della costruzione dell'opera obbligava chi fosse diretto in Centro Cadore a percorrere la vecchia e tortuosa strada denominata Cavallera. Si compone di tre viadotti e di un ponte ad arco telaio lungo 535 m con una pendenza media del 5%.

È il secondo ponte su strada statale più alto d'Italia, preceduto dal viadotto Sente per un solo metro di differenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu completato e aperto al traffico nel 1985 ad opera della ditta Cimolai Costruzioni su progetto dello Studio Matildi e fa parte della serie di opere destinate a migliorare la viabilità sulla Strada statale 51 di Alemagna tra le zone montane del Cadore, Comelico e Cortina d'Ampezzo e la pianura veneta.

Controllo strumentale[modifica | modifica wikitesto]

In fase di costruzione e in esercizio, le misure di 15 trasduttori estesimetrici posti a differenti profondità (fino a 28 m dal riferimento esterno) e di 2 trasduttori di spostamento a risoluzione decimale autocompensate da un trasduttore di temperatura e trasmesse tramite ponte radio al CED posto a 30 km di distanza hanno consentito di verificare in tempo reale le sollecitazioni indotte sulle formazioni rocciose dalla costruzione della pila-spalla e di intervenire in corso d'opera per ovviare con il mezzo più consono ed economico (barbacani e demolizione con esplosivo) ai cedimenti misurati.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]