Polygonia c-album

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Polygonia c-album
Polygonia c-album qtl2.jpg
Polygonia c-album
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
Superfamiglia Papilionoidea
Famiglia Nymphalidae
Sottofamiglia Nymphalinae
Tribù Nymphalini
Genere Polygonia
Specie P. c-album
Nomenclatura binomiale
Polygonia c-album
(Linnaeus, 1758)

Polygonia c-album (Linnaeus, 1758) è un lepidottero diurno appartenente alla famiglia Nymphalidae, diffuso in Eurasia e Nordafrica.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le tacche angolari sui bordi delle ali anteriori sono caratteristiche del genere Polygonia, motivo per cui le specie del genere sono comunemente chiamate farfalle ad ala angolare. Esse possono essere identificate dalle loro ali dorsali arancioni e marrone scuro/nere prominenti.

Per ridurre la predazione, sia lo stadio larvale che quello adulto mostrano un camuffamento protettivo, imitando rispettivamente escrementi di uccelli e foglie cadute. Durante la fase successiva dello sviluppo, le larve sviluppano anche forti spine lungo il dorso.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie si trova comunemente in Europa, Nord Africa e Asia e include diverse sottospecie. Sebbene la specie non sia migratrice, le farfalle sono volatili forti, risultando in una struttura di popolazione aperta con un flusso genico elevato e una maggiore variazione genetica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Markku Savela, Polygonia c-album, su Funet. URL consultato il 20 dicembre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]