Polyglotta Africana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Polyglotta Africana[1] è uno studio scritto dal missionario tedesco Sigismund Wilhelm Koelle nel 1854 in cui compaiono 156 lingue africane[2]. Ad oggi, risulta essere il più grande studio comparativo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Koelle, S.W., 1854, Polyglotta Africana, or a comparative vocabulary of nearly three hundred words and phrases, in more than one hundred distinct African languages. 188p. London, Church Missionary House.
  2. ^ Classificazioni più recenti unificano alcune varietà che Koelle considerava lingue autonome, per cui il numero di lingue considerate da Koelle sarebbe di 120.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]