Polo dell'inaccessibilità (base antartica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Polo dell'inaccessibilità
Полюс недоступности
Southern Pol of Inaccessibility Henry Cookson team n2i.JPG
StatoAntartide Antartide[1]
TerritorioTerritorio antartico australiano
RegioneTerra di Enderby
Coordinate82°06′S 54°58′E / 82.1°S 54.966667°E-82.1; 54.966667Coordinate: 82°06′S 54°58′E / 82.1°S 54.966667°E-82.1; 54.966667
Altitudine3 718 m s.l.m.
Gestita daURSS URSS
TipoBase estiva abbandonata
Fondazione1958
Popolazione4 (estate)
Mappa di localizzazione: Antartide
Polo dell'inaccessibilità
Polo dell'inaccessibilità

La base polo dell'inaccessibilità (in russo Полюс недоступности, Poljus nedostupnosti) era una base antartica estiva sovietica ubicata nei pressi del Polo dell'inaccessibilità nella Terra di Enderby, Territorio antartico australiano.

Localizzata ad una latitudine di 82°06' sud e ad una longitudine di 54°58' est a 3 718 metri di altezza, la base si trovava nel punto del continente antartico più lontano da qualsiasi oceano[2].

La stazione si trovava a 463 km dal Polo Sud ed approssivativamente a 600 km dalla base Sovetskaya. Installata durante la seconda spedizione antartica sovietica per l'anno internazionale della geofisica del 1958, la stazione ha operato come stazione meteorologica dal 14 dicembre 1958 al 26 dicembre 1958 con un codice WMO 89550.

Quello che resta della base polo dell'inaccessibilità. 19 gennaio 2007.

La stazione grande solo 24 ha ospitato 4 persone.

L'edificio della stazione, oggi quasi completamente coperto dalla neve con l'eccezione di un busto di Lenin posto in cima alla costruzione[3], è protetto come sito di interesse storico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'Antartide non appartiene ad alcuno stato, il suo utilizzo internazionale è regolato dal Trattato Antartico per soli scopi pacifici.
  2. ^ (EN) Historic Sites & Monuments in Antarctica, su polarheritage.com. URL consultato il 02 marzo 2008.
  3. ^ (EN) Articolo di un esploratore antartico che ha visitato recentemente il sito., su cnews.canoe.ca. URL consultato il 02 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2007).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]