Polivinilpirrolidone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Polivinilpirrolidone
Struttura dell'unità ripetitiva che costituisce il polimero.
Struttura dell'unità ripetitiva che costituisce il polimero.
PVP in polvere.
PVP in polvere.
Abbreviazioni
PVP
Nomi alternativi
N-vinilpirrolidone
Numero CAS 9003-39-8
Caratteristiche generali
Composizione Polimero dell'1-vinil-2-pirrolidone.
Sintesi del PVP

Il polivinilpirrolidone (PVP), o N-vinilpirrolidone, è un polimero idrosolubile di formula (C6H9NO)n, costituito da monomeri di 1-vinil-2-pirrolidone.

È solubile in acqua, alcool ed altri solventi polari.

Fu scoperto e sintetizzato da Walter Reppe. Inizialmente è stato utilizzato come succedaneo del plasma umano e successivamente usato per numerose applicazioni farmacologiche, mediche, cosmetiche ed industriali.

Questo tipo di monomero[non chiaro] è particolarmente velenoso per la vita acquatica[senza fonte]. Viene utilizzato anche come additivo alimentare, come stabilizzante, con numero E1201. Utilizzato anche per lo sbiancamento del vino bianco.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Luvitec Ultimo accesso: 1º agosto 2008
  • Kollidon Ultimo accesso: 26 novembre 2007
  • Plasdone Ultimo accesso: 25 gennaio 2007