Polignoto (ceramografo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


Polignoto (in greco antico: Πολύγνωτος, Polýgnotos; Attica, V secolo a.C.V secolo a.C.) è stato un ceramografo greco antico attivo tra il 450 e il 425 a.C. Fu allievo del Pittore dei Niobidi, la sua firma ci è giunta su cinque tra i circa settanta vasi di grandi dimensioni che gli sono stati attribuiti. I vasi firmati da Polignoto sono un'anfora, una pelike, due stamnoi e un cratere frammentario.

Achille. Vaso attico a figure rosse

Dal Pittore dei Niobidi, punto di riferimento tradizionale per questo autore e la sua cerchia, Polignoto si distanzia per l'influenza della contemporanea scultura fidiaca; il gruppo con Eracle e un centauro rappresentato sullo stamnos di Londra[1] rimanda con evidenza alle metope del Partenone,[2] ma lo stile del pittore resta eclettico e viene facilmente confuso con quello dei pittori che gravitavano attorno alla sua bottega: una dozzina di ceramografi ai quali sono stati assegnati circa 170 vasi, mentre un numero pari di lavori è stato assegnato da John Beazley ad un indistinto "Gruppo di Polignoto".[2]

Le opere di Polignoto e della sua bottega rivestono una indubbia importanza storica per i collegamenti che consentono sia in direzione della tradizione da cui discendono, sia nella trasmissione di quest'ultima verso i suoi sviluppi successivi.[2] Tra gli altri artisti della bottega, anch'essi formatisi presso l'officina del Pittore dei Niobidi (della quale l'officina di Polignoto forse non è che la continuazione), si distinguono tra i più noti e originali il Pittore di Peleo e il Pittore di Lykaon. Il Pittore di Christie, leggermente più giovane dei precedenti e contemporaneo del Pittore di Cleofonte, è riconosciuto come uno dei ceramografi più influenti nella formazione dei ceramografi a figure rosse del sud Italia.[3] Il Pittore del dinos, allievo del Pittore di Cleofone, ebbe a sua volta una grande influenza nello sviluppo delle figure rosse attiche del IV secolo a.C.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The British Museum, Stamnos (1898,0716.5), su britishmuseum.org. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  2. ^ a b c Robertson 1992, p. 210-211.
  3. ^ Matheson 1995, pp. 295-297.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Martin Robertson, The Art of Vase-Painting in Classical Athens, Cambridge, Cambridge University Press, 1992, ISBN 0-521-33881-6.
  • Susan B. Matheson, Polygnotos and vase painting in classical Athens, Madison, WI, The University of Wisconsin press, 1995, ISBN 0-299-13870-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96539987 · ULAN (EN500115802
Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia