Police Station: Turno di notte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Police Station: Turno di notte
Police Station Turno di notte.jpg
La Hubley e Hauser in una scena del film
Titolo originaleVice Squad
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1982
Durata97 min
Rapporto1.85:1
Generepoliziesco, drammatico
RegiaGary Sherman
SceneggiaturaSandy Howard, Kenneth Peters, Robert Vincent O'Neil
ProduttoreBrian Frankish
Produttore esecutivoSandy Howard, Robert Rehme, Frank Capra Jr.
Casa di produzioneHemdale Leisure Corporation
Distribuzione (Italia)Medusa
FotografiaJohn Alcott
MusicheJoe Renzetti
Interpreti e personaggi

Police Station: Turno di notte (Vice Squad) è un film poliziesco del 1982, diretto dal regista Gary Sherman che firma questa pellicola come Gary A. Sherman. La storia trattata nel film è liberamente ispirata a fatti realmente accaduti per le strade di Hollywood, ricostruiti e rielaborati con la collaborazione delle forze dell'ordine locali.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Se rimani in vita sulla strada...sei veramente in gamba! »

(Tagline del film)

A Los Angeles una giovane prostituta, che nell'ambiente è conosciuta come Principessa, è ridotta a vendersi sui marciapiedi di Sunset Boulevard per mantenere se stessa e la figlia. Una sua amica e "collega", di nome Ginger, le confida per telefono di essere nuovamente vittima delle angherie del suo protettore un certo Ramrod. Quando Ginger viene brutalmente aggredita e in seguito perde la vita a causa delle percosse subite, il sergente Tom Walsh convince Principessa a fare da esca per catturare il pericoloso criminale. Tutto scorre perfettamente secondo i piani e Ramrod viene presto catturato ma subito dopo l'arresto (durante il trasporto in automobile alla stazione di polizia) riesce ad aggredire i due agenti che lo tengono in custodia e a fuggire. A questo punto l'obiettivo principale di Ramrod è quello di vendicare lo "sgarro" di Principessa.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Il cast è composto da attori pressoché sconosciuti al pubblico italiano dell'epoca. La bella Season Hubley era nota più per essere la moglie di Kurt Russel che per la sua carriera di attrice visto che, fino a quel momento, vedeva una parte ad un episodio dal titolo "La ragazza di Starsky" nella celebre serie Starsky & Hutch e una in quella di Niki nel film Hardcore i suoi due lavori più importanti. La Hubley nel 1981 prese parte, insieme al marito, anche al più celebre 1997: Fuga da New York interpretando però un ruolo del tutto marginale. Anche Wings Hauser era praticamente sconosciuto al pubblico italiano, fino a quel momento infatti, la sua carriera vedeva nel film I guerrieri dell'inferno e in una puntata dal titolo "Sulla cresta dell'onda" della serie Magnum, P.I. le sue partecipazioni più prestigiose. Nel cast è da segnalare anche la presenza di Pepe Serna che giusto un anno dopo avrebbe interpretato Angel Fernandez nel famosissimo Scarface di Brian De Palma.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono state effettuate nei pressi di Los Angeles in particolar modo in notturna e nella zona di Hollywood.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Nella colonna sonora spicca prepotentemente il brano "Neon Slime" interpretato dallo stesso Wings Hauser in due differenti versioni, una più "dura" nei titoli di testa e un'altra più "soft" in quelli di coda.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Neon Slime - Musica di Joe Renzetti e testo di Simon Stokes - Brano interpretato da Wings Hauser
  2. Red Light Lover - Musica e testo di Paul Sabu - Brano interpretato da Sabu
  3. Everybody Needs Somebody Sometimes - Musica e testo di Paul Sabu - Brano interpretato da Ann-Margret

Le restanti musiche presenti nel film sono state scritte, composte e arrangiate da Michael Montgomery e George Clinton e interpretate da Johnny Winter, Bob Kulick, Andy Newmark, Robbie Kondor, Jimmy Maelen e Claire Bathè.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale italiane nel mese di agosto del 1982.[1]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali nel corso del 1982 sono state:[2]

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la pellicola è stata vietata ad un pubblico minore di 18 anni.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Una versione VHS con il numero identificativo 35011 è stata distribuita in Italia dalla "Domovideo".

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Botteghino[modifica | modifica wikitesto]

Nelle sale italiane la pellicola non ha avuto un particolare riscontro al botteghino mentre in quelle statunitensi ha incassato 5,568,880 $.[5]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Quando uscì nelle sale il film ricevette delle critiche tutto sommato positive. In un articolo intitolato "Esca per un maniaco" apparso su Stampa Sera, nonostante la critica per il poco distacco con cui vengono rappresentati vizio e brutalità, vengono elogiati: il soggetto per essere tratto da un fatto di cronaca autentico, la recitazione che viene definita di "alta classe" sia per Season Hubley che per Wings Hauser e le azzeccatissime scelte tecniche del regista in particolare quella di John Alcott alla fotografia definendo quest'ultimo un mago per le riprese notturne e poco contrastate.[6]

Anche la celebre rivista Cineforum ha recensito positivamente la pellicola definendola: "Un film particolarmente crudo e sostenuto da una trama carpenteriana molto politica." [7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prime visioni a Roma, in L'Unita, nº 181, 1982, p. 16.
  2. ^ Police Station: Turno di notte Release Info, imdb.com. URL consultato il 5 agosto 2015.
  3. ^ Movies - Theather Guide, in New York Magazine, vol. 15, nº 4, 1982, p. 74.
  4. ^ I cinema in Piemonte - Alessandria, in Stampa Sera, nº 203, 1982, p. 12.
  5. ^ Vice Squad Business, imdb.com. URL consultato il 12 luglio 2015.
  6. ^ P. Per., Esca per un maniaco, in Stampa Sera, nº 212, 1982, p. 27.
  7. ^ Federazione italiana cineforum, Cineforum, in Volume 29, 7-12, 1989, p. 76.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema