Pluteus murinus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pluteus murinus
Pluteus murinus.jpg
Pluteus murinus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Pluteaceae
Genere Pluteus
Specie P. murinus
Nomenclatura binomiale
Pluteus murinus
Bres., 1905
Caratteristiche morfologiche
Pluteus murinus
Cappello umbonato-ottuso disegno.png
Cappello umbonato-ottuso
Gills icon.png
Imenio lamelle
Adnate gills icon2.svg
Lamelle adnate
Pink spore print icon.png
Sporata rosa
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Nofoodlogo.svg
Non commestibile

Pluteus murinus Bres., Annales Mycologici 3: 160 (1905).

Il Pluteus murinus è un fungo saprofita non edule appartenente alla famiglia delle Pluteaceae.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

3-6 cm, prima convesso poi appianato, talvolta con umbone ottuso al centro

cuticola
colore grigio-brunastro, più scura al centro, vellutata al centro da dense fibrille o scaglie pelose che diradano verso il margine
margine
striato-solcato.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Fitte, libere, minute, panciute, biancastre, poi da rosa-salmone a bruno-rosa, con il filo più o meno irregolare.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

3-7 x 0,5-0,8 cm, compatto, sodo, pieno, cilindrico e leggermente ingrossato verso la base; concolore al cappello con strie verticali biancastre.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Bianca, compatta ma molle; odore e sapore insignificanti.

Microscopia[modifica | modifica wikitesto]

Spore
6,4-7,6 × 5,3-6,2 µm, subglobose od ovali, lisce, bruno-rosa in massa.
pleurocistidi
clavati o lageniformi
cheilocistidi
clavati o fusiformi-lageniformi, con collo corto
giunti a fibbia
assenti.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce in estate-autunno, su frammenti di legno o su ceppi, nelle zone ombreggiate dei boschi.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Scadente, non commestibile.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino murinus = di topo, per il colore grigio del suo cappello.

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Agaricus ephebeus Fr., Observationes mycologicae (Kjøbenhavn) 2: 87 (1818)
  • Pluteus lepiotoides A. Pearson, Trans. Br. mycol. Soc. 35(2): 109 (1952)
  • Pluteus ephebeus (Fr.) Gillet, Hyménomycètes (Alençon): 392 (1876)
  • Pluteus pearsonii P.D. Orton, Trans. Br. mycol. Soc. 43: 361 (1960)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia