Platybelone argalus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Platybelone argalus
Platybelone argalus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Beloniformes
Famiglia Belonidae
Genere Platybelone
Specie P. argalus
Nomenclatura binomiale
Platybelone argalus
(Lesueur, 1821)
Nomi comuni

Aguglia carenata

Platybelone argalus, conosciuto comunemente come aguglia carenata è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia Belonidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È presente nei mari tropicali di tutto il mondo, distinguendosi in numerose sottospecie da un areale all'altro. Le sottospecie riconosciute sono 7 e per alcune di loro è stato anche proposto l'elevamento a specie:

P. argalus range map, with each major sub-species highlighted.

Attualmente la validità di tale suddivisione è discussa dalla comunità scientifica.

Il suo habitat tipico si trova sul margine esterno del reef, ed è perciò molto comune vicino alla costa e nei pressi delle isole oceaniche; raramente lo si incontra in mare aperto. È molto superficiale e non si spinge oltre i 5 metri di profondità.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La fisionomia è simile a quella dell'aguglia comune, da cui però si distingue per la differente proporzione tra corpo e becco (quasi 1/3 della lunghezza totale), la maggiore lunghezza della mascella inferiore rispetto a quella superiore, e la presenza sul peduncolo caudale di larghi appiattimenti laterali che costituiscono la caratteristica "carenatura" della specie. La livrea è argentea molto brillante, attraversata dalla testa alla coda dalla vistosa linea laterale.

L'adulto raggiunge una lunghezza media di 35 cm, per un massimo di 50 cm.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre principalmente di piccoli pesci, per la cui cattura si avvale del lungo becco munito di decine di minuscoli denti appuntiti.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

È oviparo; depone le sue uova facendole aderire ad oggetti galleggianti grazie ai viticci adesivi di cui sono fornite.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

La specie è commestibile e pescata localmente per l'autoconsumo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci