Planet Earth (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Planet Earth
Planet Earth.png
Sigla del programma
PaeseRegno Unito
Anno2006-2016
Generenaturalistico
Edizioni2
Puntate18
Durata60 min (puntata)
Lingua originaleinglese
Crediti
ConduttoreDavid Attenborough
NarratoreAndrea Piovan (Italia)
RegiaAlastair Fothergill
MusicheGeorge Fenton, Gerry Moffett (ed. 1)
Hans Zimmer, Jasha Klebe, Jacob Shea (ed. 2)
Casa di produzioneBBC Natural History Unit, Discovery Channel, NHK (ed. 1)
BBC Natural History Unit, BBC America, ZDF, Tencent, France Télévisions (ed. 2)
Rete televisivaBBC One
BBC HD
Rete televisiva
(ed. italiana)
Discovery Channel
Rete 4

Planet Earth ("Pianeta Terra" in italiano) sono due serie di documentari pubblicati nel 2006 e nel 2016 dalla BBC e trasmessi sul canale BBC One (e sul corrispettivo in alta definizione), mentre in Italia su Discovery Channel e sulla piattaforma Mediaset Premium da BBC Knowledge.

Dal 23 marzo 2017 viene trasmessa in prima visione su Rete 4 la serie-evento Planet Earth II con tre appuntamenti in prima serata[1], con la voce narrante di Andrea Piovan.

Planet Earth[modifica | modifica wikitesto]

  • From Pole to Pole (Da Polo a Polo) - Questo episodio osserva il nostro pianeta come se fosse un'entità unica e considera i principali fattori che hanno modellato la sua storia naturale. Grazie all'applicazione delle tecniche di ripresa aerea, il team segue un milione di caribù durante la scalata delle desolate terre artiche, registra le trasformazioni in seguito alle alluvioni grazie alla tecnica fotografica di ripresa a rallentatore e riesce a catturare i momenti più intimi della vita dell'orso polare, restituendone il ritratto più completo mai ripreso su telecamera.[2]
  • Mountains (Montagne)
  • Ice Worlds (Mondi di ghiaccio)
  • Great Plains (Savane e praterie)
  • Jungles (Giungle)
  • Seasonal Forests (Foreste)
  • Fresh Water (Acque dolci)
  • Ocean Deep (Abissi)
  • Shallow Seas (Coste e barriere coralline)
  • Caves (Grotte e caverne) - In questo episodio viene mostrata la grotta di Villa Luz, dove un ambiente saturo di acido solforico crea un ecosistema diverso.
  • Deserts (Deserti)

Planet Earth: The Future[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla serie principale furono realizzati altri 3 episodi per trattare i problemi dell'inquinamento.

  • Saving Species (Salvando le specie)
  • Into the Wilderness (Dentro la natura incontaminata)
  • Living Together (Vivendo insieme)

Planet Earth II[modifica | modifica wikitesto]

La serie è composta da sei episodi più un episodio "compilation": A World of Wonder.[3]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il produttore della serie è Alastair Fothergill, mentre i vari produttori sono Andy Byatt, Vanessa Berlowitz, Mark Brownlow, Huw Cordey, Jonny Keeling e Mark Lienfield.

Il narratore della versione britannica è il celebre David Attenborough, autore di centinaia di documentari sulla natura, nella versione americana fu scelta l'attrice Sigourney Weaver. La musica è composta da George Fenton, per la sigla è stata scelta la canzone Hoppípolla dal gruppo musicale islandese Sigur Rós.

Per realizzare questa serie ci sono voluti ben quattro anni e un elevato budget, nonché macchine da presa ad alta definizione.[2] Ogni documentario dura circa un'ora, più i diari di produzione alla fine di ogni episodio.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Dieci anni dopo, nel 2016, la BBC ha annunciato un sequel intitolato Planet Earth II, prima serie televisiva prodotta dalla BBC in Ultra HD (4K)[13] e girata anche grazie all'aiuto di stabilizzatori d’immagine[14] e droni.[15] Oltre tre anni per la realizzazione, 117 spedizioni in 40 nazioni diverse e un totale di 2089 giorni di riprese.[16][17]

Sir David Attenborough ritorna come presentatore e narratore.[18][19] Hans Zimmer compone la principale colonna sonora.[20]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il primo episodio From Pole to Pole è stato visto più di ogni altro episodio di una serie televisiva di natura dalla precedente serie di Attenborough e Fothergill, The Blue Planet, nel 2001. I primi 5 episodi hanno attirato un'audience media di 11.4 milioni di spettatori nel Regno Unito.[21] Quando la serie tornò con i restanti episodi dopo una pausa di sei mesi non riuscì ad attirare lo stesso numero di ascolti: gli ultimi sei episodi hanno avuto una media di 6.8 milioni telespettatori ad episodio.

Il primo episodio della seconda serie ha raggiunto i 12.26 milioni di ascoltatori nel Regno Unito, facendolo diventare il documentario naturale più guardato.[22][23]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

«La storia naturale narrata nel modo più spettacolare che abbia mai riempito i nostri schermi»

(Daily Mail)

«Bello come lo vorresti ... Da elefanti marini a montagne di escrementi di pipistrello ad un leopardo in modalità attacco ... Pura classe»

(The Guardian)

«Indubbiamente il più grande documentario televisivo sulla natura mai realizzato finora, e molto probabilmente una delle più belle serie televisive della Storia.[24]»

(Christopher Hooton, The Independent)

L’unica critica che è stata fatta a Planet Earth II, da alcuni giornali come il New York Times e anche da persone che lavorano nel settore dei documentari sulla natura, è dare l’impressione che le specie selvatiche non siano in pericolo a causa dell’inquinamento e delle attività umane. Facendo credere agli spettatori che esista un «bellissimo, incantevole mondo di fantasia, un’utopia in cui le tigri vagano libere e indisturbate, un mondo in cui l’uomo non è mai esistito», come ha scritto il documentarista Martin Hughes-Games sul Guardian, Planet Earth II non sensibilizzerebbe le persone a preoccuparsi della sorte delle specie animali.[25][26]

Importanza conservativa[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio delle riprese, Planet Earth voleva concentrarsi sui quei luoghi del nostro pianeta ancora "selvaggi"; più tardi, però, divenne un ambasciatore della conservazione delle specie in pericolo. Infatti, tra le tante specie filmate sono presenti alcune delle creature più rare e minacciate dall'estinzione. Tra queste troviamo il leopardo dell'Amur, il leopardo delle nevi, il cinghiale nano, lo stambecco etiope, il kodkod e l'elefante delle foreste del Congo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mediaset, Planet earth II, in Mediaset. URL consultato il 16 luglio 2017.
  2. ^ a b (EN) Tom Shales, Wonders Never Cease On 'Planet Earth', in The Washington Post, 24 marzo 2007. URL consultato il 16 luglio 2017.
  3. ^ (EN) Planet Earth II - Episode guide - BBC One, su BBC. URL consultato il 16 luglio 2017.
  4. ^ a b Stasera le prime due puntate di "Planet Earth II" su Rete 4, su Il Post, 23 marzo 2017. URL consultato il 16 luglio 2017.
  5. ^ (EN) BBC - Islands - Media Centre, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2017.
  6. ^ Video: Mountains nel documentario BBC Planet Earth II, in PlanetMountain.com. URL consultato il 16 luglio 2017.
  7. ^ (EN) BBC - Mountains - Media Centre, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2017.
  8. ^ (EN) BBC - Jungles - Media Centre, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2017.
  9. ^ (EN) BBC - Deserts - Media Centre, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2017.
  10. ^ a b Il documentario Planet Earth II su Rete 4 – Dalle praterie alle città, su WastingLight92, 8 aprile 2017. URL consultato il 16 luglio 2017.
  11. ^ (EN) BBC - Grasslands - Media Centre, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2017.
  12. ^ (EN) BBC - Cities - Media Centre, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2017.
  13. ^ (EN) BBC captures nature in 4K for 'Planet Earth II', su Engadget. URL consultato il 16 luglio 2017.
  14. ^ Planet Earth 2, su Rete 4 l'ultima puntata del documentario dei record, su diregiovani.it, 6 aprile 2017. URL consultato il 16 luglio 2017.
  15. ^ (EN) BBC Academy - Production - Planet Earth II: What tech can TV producers use?. URL consultato il 16 luglio 2017.
  16. ^ (EN) BBC - Planet Earth II - Media Centre, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2017.
    «Over three years in the making, with 117 filming trips in 40 different countries and a total of 2089 shooting days, we’ve tested the limits of our intrepid crews.».
  17. ^ BBC Earth on Twitter, su twitter.com, 11 dicembre 2016. URL consultato il 17 luglio 2017.
    «22 cameramen. More than 40 production staff. 117 expeditions in 40 countries. 2089 shooting days filming more than 50 species. #PlanetEarth2».
  18. ^ (EN) BBC - Sir David Attenborough to present brand new landmark natural history series for BBC One - Media Centre, su www.bbc.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2017.
  19. ^ (EN) Leo Barraclough, David Attenborough to Narrate BBC Documentary Series ‘Planet Earth II’, in Variety, 22 febbraio 2016. URL consultato il 16 luglio 2017.
  20. ^ (EN) Hans Zimmer on making music for Planet Earth II - CBBC Newsround, 2 dicembre 2016. URL consultato il 16 luglio 2017.
  21. ^ (EN) By Hugh Davies, BBC's Planet Earth ends on natural high, in Telegraph.co.uk. URL consultato il 16 luglio 2017.
  22. ^ (EN) David Attenborough's Planet Earth II becomes most-watched nature show, in The Telegraph. URL consultato il 16 luglio 2017.
  23. ^ Planet Earth II: il documentario BBC più visto di sempre in UK arriva su Rete4. Racconterà anche il Bosco Verticale di Milano, su DavideMaggio.it. URL consultato il 16 luglio 2017.
  24. ^ (EN) We’ve published the names of everyone who worked on #PlanetEarth2 in recognition of a phenomenal achievement, in The Independent, 12 dicembre 2016. URL consultato il 16 luglio 2017.
  25. ^ Perché vorrete guardare "Planet Earth II", su Il Post, 16 marzo 2017. URL consultato il 16 luglio 2017.
  26. ^ I documentari sulla natura fanno male alla natura?, su Il Post, 7 gennaio 2017. URL consultato il 16 luglio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]