Piyusti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Piyusti, o Piyušti (... – ...), è stato re di Ḫattuša nel corso del XVIII secolo a.C.; è l'unico sovrano pre-ittita di cui ci sia rimasto il nome ed alcuni cenni biografici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Notizie su questo sovrano ci giungono dal cosiddetto testo di Anitta re di Neša/Kaneš, che all'inizio del proprio regno proseguì la politica espansionistica intrapresa dal padre Pithana, e volgendo lo sguardo oltre il fiume Marassantiya, l'odierno Kızılırmak, si confrontò con un'alleanza militare di stati anatolici (1729)[1].

In quest'alleanza Piyusti, re di Hatti, e Huzziya, re di Zalpuwa, territorio sul mar Nero, giocarono il ruolo di leader[2], come alcuni decenni prima quando (1833) Zalpa ed Hatti sconfissero Kanesh e ne trafugarono gli idoli; ma stavolta l'esito fu opposto: l'alleanza del Nord venne pesantemente sconfitta, Hattusa fu assediata, bruciata e maledetta da Anitta, mentre Huzziya fu catturato e deportato.

La sorte di Piyušti è ignota, ma la sua dinastia regnante probabilmente finisce con lui dal momento che in nessuna delle liste regali dell'impero ittita compare il nome di questo re. Molte di questi elenchi rimandano come fondatore a Labarna[3], che regnò sugli ittiti circa un secolo più tardi; alcune liste delle offerte, invece, in particolare la "C" (Nome ufficiale del reperto Kub XXVII 77, ed il Sigillo Cruciforme, parrebbero rinviare come fondatore ad un certo Huzziya 0[4], figura la cui esistenza è molto dibattuta tra gli storici, che precederebbe Labarna di due o più generazioni; il legame parentale, se c'è, e come si sia passati da Piyusti a Huzziya e poi a Labarna è al momento ignoto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Datazione proposta da Kriszat e ribadita da Forlanini: The branches of the hittite royal family on the early kingdom period. Pag. 121.
  2. ^ Trevor Bryce, “The Kingdom of the Hittites”, Oxford University Press, 2005, p. 38.
  3. ^ Liverani, p. 428.
  4. ^ Wilhelm, Dinçol 1993, p. 106; si veda anche la nota 100 col rimando ad Otten che nel 1951 aveva già trovato tracce di un re Huzziya di primaria importanza.
Predecessore Re hatti Successore
Pamba XVIII secolo a.C.