Pisarei e faśö

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pisarei e fasö)
Jump to navigation Jump to search
Pisarei e fasö
Pisarei e Fasò 2.jpg
Un piatto di pisarei e fasö
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
Zona di produzioneProvincia di Piacenza
Dettagli
Categoriaprimo piatto
RiconoscimentoP.A.T.
SettorePasta
Ingredienti principali
  • farina
  • pan grattato
  • fagioli
[1]
Un piatto di pisarei e faśö

I pisarei e faśö[2] (pronuncia: [pisa'ʁe:i efa'zø] o [pisaʁ'e:i efa'zo]), detti anche pisarei cui faśö, sono un piatto di pasta tipico della provincia italiana di Piacenza, tra i più conosciuti della cucina piacentina[3] . Si tratta di gnocchetti di farina e pangrattato conditi con un sugo a base di fagioli, lardo, cipolla e pomodoro. Antica ricetta contadina povera ma completa, ancora oggi è molto diffusa tra la gente e nei ristoranti del Piacentino e non solo[4][5].

Il piatto è stato valorizzato e disciplinato con il marchio De.Co. dall'amministrazione comunale di Piacenza[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il piatto ha origini non confermate: alcune fonti ritengono che risalga al Medioevo, quando i monaci rifocillavano nei conventi del Piacentino i pellegrini in transito sulla Via Francigena e diretti a Roma[6]. Un tempo erano impiegati i fagioli dell'occhio anziché i borlotti e la ricetta non prevedeva la passata di pomodoro, in quanto i fagioli borlotti ed i pomodori furono introdotti in Europa solo successivamente, dopo la scoperta delle Americhe[6].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

È presumibile che a dare il nome allo gnocchetto sia la sua vaga somiglianza con un piccolo pene, che in dialetto piacentino è chiamato appunto pisarell [7][8]. Il termine deriva dal verbo onomatopeico pisä, cioè urinare[9].

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

I pisarei sono ottenuti da un impasto di farina, pane grattugiato e acqua, che viene arrotolato a formare dei lunghi cilindri, i quali a loro volta vengono tagliati in pezzetti delle dimensioni di un fagiolo. I pezzi, a loro volta, vengono schiacciati ed arrotolati leggermente su se stessi, perché assumano la forma caratteristica.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Su proposta della Regione Emilia-Romagna, i pisarei e faśö sono stati inseriti dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali come uno dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani tipici della provincia di Piacenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniela Guaiti, Emilia Romagna - La grande cucina regionale italiana, Edizioni Gribaudo, 2010, p. 61, ISBN 88-580-0333-0.
  2. ^ Così come da norme fissate nell'Ortografia piacentina unificata in: Prontuario ortografico piacentino, L. Paraboschi e A. Bergonzi, Ed. Banca di Piacenza, Piacenza, 2016; riprese in: Piaśintein da 0. Curs ad dialëtt piaśintein Vol. I, F. Doriali e F. Columella, Officine Gutenberg, Piacenza, 2021
  3. ^ Alla scoperta di Piacenza, su guide.michelin.com, Guide Michelin. URL consultato il 17 ottobre 2019.
  4. ^ a b Amparo Machado, Chiara Prete, 1001 specialità della cucina italiana da provare almeno una volta nella vita, Newton Compton Editori, 2015, p. 234, ISBN 88-541-8648-1.
  5. ^ AA. VV., 1000 ricette della cucina italiana Il più grande libro illustrato dedicato alla tavola del nostro paese, Rizzoli, 2010-12-10T16:55:22+01:00, ISBN 88-586-0966-2.
  6. ^ a b Valentina Bernardelli, Luigi Franchi, Atlante Alimentare Piacentino, Piacenza, Tip.Le.Co, 2007, pp. 55-56.
  7. ^ Mauro Sangermani, Le 4 stagioni del gusto [collegamento interrotto], su provincia.piacenza.it, Accademia della cucina piacentina. URL consultato il 20 novembre 2017.
  8. ^ Filmato audio (EN) Pasta Grannies, Pasta Grannies share Diego's pasta and beans recipe from Piacenza!, su YouTube, 21 febbraio 2020, a 0 min 43 s. URL consultato il 28 agosto 2022.
    «[...] and today I'm going to do a classic dish of our tradition, which is known as pisarei e faśö. I've translated it - correctly, I think - as 'little willies and beans'. [...]»
  9. ^ Luigi Paraboschi, Piasintinäda coi barbis. Barciacläda in piasintein, Editrice Sigem, Modena, 2000, pag. 70

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]