Pirovalerone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pirovalerone
Pyrovalerone.svg
Pyrovalerone3d.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC16H23NO
Numero CAS3563-49-3
PubChem14373
SMILESCCCC(C(=O)C1=CC=C(C=C1)C)N2CCCC2
Indicazioni di sicurezza

Pirovalerone (Centroton, 4-metil-β-cheto-prolintane, Thymergix, O-2371), con formula di struttura C16H23NO, è un farmaco psicoattivo con effetti stimolanti che agisce come un inibitore di noradrenalina-ricaptazione della dopamina (NDRI), e viene utilizzato per il trattamento clinico di stanchezza cronica o letargia.[1]

È stato sviluppato alla fine degli anni '60 e da allora è stato utilizzato in Francia e in molti altri paesi europei, e sebbene il farmaco sia tuttora prescritto, viene usato raramente a causa di problemi di abuso dello stesso e della dipendenza che crea.[2]

È strettamente connessa a livello strutturale ad un certo numero di altri stimolanti, come MDPV e prolintane (Promotil, Katovit).

Gli effetti collaterali del pirovalerone includono anoressia o perdita di appetito, ansia, sonno frammentato o insonnia, tremori, scosse o tremori muscolari. La sospensione della somministrazione del farmaco causata da abuso o sovradosaggio spesso provoca depressione. La R-enantiomero di pirovalerone è privo di attività.[3]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia
  1. ^ G. Gardos e J. O. Cole, Evaluation of pyrovalerone in chronically fatigued volunteers, in Current Therapeutic Research, Clinical and Experimental, vol. 13, nº 10, October 1971, pp. 631–635. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  2. ^ P. Deniker, H. Lôo e H. Cuche, [Abuse of pyrovalerone by drug addicts], in Annales Medico-Psychologiques, vol. 2, nº 4, November 1975, pp. 745–748. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  3. ^ Peter C. Meltzer, David Butler e Jeffrey R. Deschamps, 1-(4-Methylphenyl)-2-pyrrolidin-1-yl-pentan-1-one (Pyrovalerone) analogs. A promising class of monoamine uptake inhibitors, in Journal of medicinal chemistry, vol. 49, nº 4, 23 febbraio 2006, pp. 1420–1432, DOI:10.1021/jm050797a. URL consultato il 19 ottobre 2017.