Pirla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pirla è un termine in uso in molti dialetti di area lombarda, in particolare nel dialetto milanese, per indicare l'organo sessuale maschile, oppure come aggettivo o insulto con il significato di "stupido", "sciocco". In quest'ultimo significato, il termine è ormai conosciuto in tutta Italia e attestato sui dizionari senza essere considerato regionale.[1][2][3]

Di origine incerta, attestato dal 1920[1], deriva probabilmente da "pirlare", variante di "prillare", ovvero "girare su sé stesso"[2][3]; in milanese significa anche "trottola"[1].

Una sentenza della Cassazione ha stabilito che dare del pirla è lesivo dell'onore del destinatario[4].

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Un sinonimo di pirla, ma di uso meno comune, è pistola o pestola che ha un analogo significato ed assume questo nome forse per un richiamo itifallico. Fino a qualche tempo fa, in alcune zone più tradizionaliste della Lombardia, non era raro leggere negli annunci funebri di qualche deceduto, dopo i dati anagrafici e per una migliore intelligenza del soggetto, che era: detto ol pestola, testimoniandone, così, l'uso bonario.[senza fonte]

In Lombardia, soprattutto in provincia di Varese e in provincia di Como (ma anche in Emilia nel Piacentino dove è preponderante), esiste un altro vocabolo che è un vero e proprio sinonimo di pirla ossia bìgul, ma è molto meno usato (bìgol nella provincia di Bergamo, nella provincia di Brescia, nel Milanese e nella provincia di Lodi e nel Territorio Cremasco).[senza fonte]

Sempre in Lombardia e in alcune zone limitrofe è usato con lo stesso significato il termine ciùla, che nella forma verbale ciulare assume il significato di avere un rapporto sessuale.

Laddove nel suo significato più precipuo si avvicina molto al veneto e friulano móna (organo genitale femminile), al siciliano minchiuni, al piemontese picio, all'italiano coglione si distingue invece dal ligure belìn (identico significato assume invece il termine belinone) in quanto il significato di quest'ultimo è più espressamente riferito all'organo sessuale maschile e non alle caratteristiche psicologiche dell'interessato[senza fonte]. È invece identico il significato dei rispettivi derivati belinata e pirlata.

Nella lingua piemontese, il termine trova il suo corrispettivo in picio.[5]

Derivati[modifica | modifica wikitesto]

Il suo vezzeggiativo è pirlèta (in dialetto) o pirletta (italianizzato), un po' meno drastico, leggermente commiserevole con il significato più che altro di ingenuotto, per esempio di un uomo succube della moglie si dice che è un pirletta. Il suo maggiorativo, pirlone, ha un significato analogo a pirla ma meno incisivo e anche affettuoso.

Le locuzioni più comuni sono: dire o fare "pirlate" analogo a dire o fare cose poco intelligenti.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Pirla è una delle 26 frazioni del Comune di Monteggio, Ticino, nel sud della Svizzera. Il nome in questo caso deriva dal latino pirula, "piccola pietra"[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Pirla, in Dizionario De Mauro - il dizionario della lingua italiana.
  2. ^ a b Pirla, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ a b Pirla, in Grande Dizionario di Italiano, Garzanti Linguistica.
  4. ^ Guai a dire: sei un pirla Chi lo fa rischia la condanna, in la Repubblica.it, 15 febbraio 2006. URL consultato il 21 marzo 2017.
  5. ^ Ugo Revello, Balengo! - Imprecazioni, qualche parolaccia, contumelie, epiteti che fra un po' non saranno più detti, Priuli & Verlucca, 2021, p. 18.
  6. ^ Alessandro Dell’Orto, «Ho sputtanato una fortuna ma non datemi del pirla», in Libero quotidiano, 23 maggio 2011. URL consultato il 21 marzo 2017.
  7. ^ Da Usmate a Pirla, l'esperto ci spiega i nomi bizzarri, in Ticinonline, 26 marzo 2012. URL consultato il 21 marzo 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Accatino, Gli insulti hanno fatto la storia, Piemme, Milano, 2005
  • F. Angiolini, Vocabolario milanese italiano coi segni per la pronuncia, preceduto da una breve grammatica del dialetto e seguito dal repertorio italiano milanese, Sala Bolognese, Forni, 1978, SBN TO00367438.
  • C. Beretta, Grammatica del dialetto milanese, Milano, Libreria milanese, 1998.
  • C. Comoletti, La lengua de Milan: il dialetto milanese dalle origini ai giorni nostri, Pavia, Edizioni Selecta, 2002, SBN MIL0610170.
  • G. Marcato, F. Ursini, A. Politi, Dialetto e italiano: status socioeconomico e percezione sociale del fenomeno linguistico, Pisa, Pacini, 1974, SBN TO00103404.
  • F. Radice, R. Reati, G. Tizzoni, Le parole della memoria: il dialetto milanese negli anni Cinquanta, italiano-milanese, milanese-italiano, Milano, Nuove scritture, 1998.
  • P. Rossi, Si fa presto a dire pirla, Milano, Baldini & Castoldi, 1993, SBN REA0024306.
  • D. Rota, Il pirla del 2000, fenomenologia dell'italiota medio, Milano, Mondadori, 1997, SBN REA0040584.
  • Circolo filologico milanese, Dizionario milanese-italiano, italiano-milanese, Milano, A. Vallardi, 2001, SBN LO10757099

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]