Pirates of the Caribbean (attrazione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pirates of the Caribbean (in italiano Pirati dei Caraibi) è un'attrazione del tipo dark ride acquatica presente nei parchi Disneyland, Magic Kingdom, Tokyo Disneyland, Disneyland Paris e al nuovo Disneyland Shanghai. Si tratta di una delle attrazioni più celebri dei succitati parchi, nonché una delle più longeve: il suo concept originale è dovuto a un'idea dello stesso Walt Disney. Il tema di questa attrazione è il mondo dei pirati, le cui avventure sono narrate per mezzo di grandiosi effetti speciali, in maniera epica ma non senza comicità e ironia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni '60, circa dieci dopo l'inaugurazione del suo primo parco, Walt Disney era alla ricerca di idee per nuove attrazioni da implementare in esso; in particolare desiderava un'attrazione più adulta e dark, in grado di richiamare non solo i bambini, ma anche gli adolescenti e i genitori. Nel 1963 iniziò a pianificare un museo delle cere dedicato ai più grandi cattivi della storia e della fantasia, impostato come attrazione walkthrough nella quale i visitatori avrebbero camminato nelle scenografie inerenti ai singoli personaggi: un'ampia sezione avrebbe dovuto essere dedicata ai pirati. Nel 1964, tuttavia, Disney creò un'attrazione per l'esposizione universale tenutasi nel 1965 a New York, dal titolo It's a Small World: si trattava di una dark ride acquatica i cui animatronic rappresentavano gli abitanti di tutti i paesi del mondo. L'attrazione ebbe molto successo e l'anno dopo fu rimontata a Disneyland, dove divenne una delle tappe più amate dai visitatori; Disney allora decise di impostare la nuova attrazione allo stesso modo, e per meglio sfruttare l'elemento acquatico si concentrò esclusivamente sulla sezione piratesca, che venne espansa fino alla totalità dell'attrazione. Disney supervisionò ogni singolo dettaglio della realizzazione dell'opera, ma sfortunatamente morì solo tre mesi prima di vederla completata: Pirates of the Caribbean aprì nel marzo del 1967 a Disneyland.

Nel 1973, nel 1983 e nel 1992 nuove versioni dell'attrazione furono installate per l'opening day rispettivamente di Magic Kingdom, Tokyo Disneyland e Disneyland Paris: esse sono quasi l'esatta replica della versione originale, con lievi modifiche negli effetti speciali e nelle scene. Nel corso degli anni le attrazioni vengono rinnovate mediante l'implementazione di nuovi effetti speciali, scene e restyling generali.

Nel 2003 esce La maledizione della prima luna, film ispirato alle atmosfere e ad alcune scene presenti nelle attrazioni: il successo mondiale di questo film fa sì che negli anni successivi siano prodotti altri quattro film. Il successo di questa serie cinematografica ha avuto una sua influenza anche sulle attrazioni, che vengono modificate con l'aggiunta di scene con protagonista Jack Sparrow, personaggio chiave dei film. Pirati dei Caraibi continua a riscuotere grandissimo successo, tanto che una versione più grande e ricca è stata realizzata nel nuovo Disneyland Shanghai, aperto nel 2016.

L'attrazione[modifica | modifica wikitesto]

Pirati dei Caraibi è un'attrazione della tipologia dark ride acquatica: i visitatori sono condotti nel percorso, costruito in un grande capannone sotterraneo, all'interno non di vagoncini come nelle classiche dark ride, ma di barconi da dieci posti ciascuno. Il percorso si compone di scene tipiche dell'iconografia dei pirati del XIX secolo: arrembaggi, battaglie navali, tesori nascosti ma anche avventure amorose e comiche. Le scene sono realizzate per mezzo di diorami, effetti speciali e animatronic. Il percorso viene movimentato dalla presenza di drops, ossia di improvvise e veloci discese che simulano delle cascate. Esse sono due a Disneyland e Disneyland Paris, una sola a Magic Kingdom e Tokyo Disneyland. Il capannone in cui si sviluppa l'attrazione è principalmente sotterraneo, e i visitatori possono vederne solo la facciata anteriore, scenografata per somigliare a una fortezza; solo a Disneyland è invece ispirata ad alcune costruzioni della New Orleans del XIX secolo. A Disneyland l'attrazione si trova a New Orleans Square, mentre negli altri parchi nella zona denominata Adventureland. La durata del giro varia notevolmente a seconda della attrazioni: si va dagli 8'30 di Tokyo ai 9'30 di Magic Kingdom ai 10'30 di Disneyland Paris; il percorso più lungo è quello di Disneyland, che dura ben 15'. Allo stato attuale, tutte le versioni dell'attrazione hanno implementato il personaggio cinematografico di Jack Sparrow.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • In tutte le versioni delle attrazioni è presente il Blue Bayou Restaurant, unico ristorante di tutti i parchi a essere ambientato all'interno di un'attrazione. Esso si colloca infatti adiacente alla stazione d'imbarco di Pirates of the Caribbean, e gli avventori possono veder passare le imbarcazioni dell'attrazione. Poiché sfrutta gli effetti speciali della giostra, il ristorante dà ai visitatori l'impressione di trovarsi in un'ambientazione marina e notturna. Si tratta di uno dei ristoranti più amati dei parchi, l'unico a richiedere una prenotazione con congruo anticipo; sia Magic Kingdom che a Disneyland Paris, esso si chiama Blue Lagoon.
  • La facciata dell'attrazione a Disneyland ha un secondo piano, all'interno del quale si trova un appartamento privato che Walt Disney intendeva usare assieme a suo fratello Roy per soggiornare all'interno del parco. Come sappiamo Walt morì prima del completamento dei lavori e Roy non volle mai usare l'appartamento, così esso fu dismesso o concesso saltuariamente a importanti ospiti. Nel 2007 questo spazio divenne il Disney Dream Suite, una suite lussuosa disponibile per l'affitto.
  • Inizialmente l'attrazione presentava degli elementi particolarmente adulti, come un linguaggio scurrile e riferimenti sessuali nelle scene; nel corso degli anni questi elementi sono stati modificati o eliminati.
  • Nello scenografare l'attrazione originale gli imagineers non erano soddisfatti dell'aspetto degli scheletri presenti in abbondanza durante il percorso; così si fecero prestare dei veri scheletri dalla UCLA Medical School, e li adoperarono all'interno dell'attrazione. In seguito essi furono sostituiti con gli animatronic tuttora presenti, ma un teschio umano è rimasto infisso nella testiera di un letto, ed è ancor oggi visibile.
  • Una leggenda metropolitana vuole che Walt Disney si sia fatto ibernare dopo la morte e che il suo corpo sia sepolto da qualche parte sotto Pirati dei Caraibi.
  • L'attrazione I Corsari di Gardaland si ispira a Pirates of the Caribbean.
Disney Portale Disney: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Disney