Piove (Ciao ciao bambina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Piove (Domenico Modugno))
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Ciao, ciao bambina!" rimanda qui. Se stai cercando il film di Sergio Grieco, vedi Ciao, ciao bambina! (Piove).
Piove (Ciao ciao bambina)
ArtistaDomenico Modugno
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1959
Dischi1
Tracce2
GenereMusica leggera
Pop
EtichettaFonit
Formati7"
Domenico Modugno - cronologia
Singolo successivo

Piove (Ciao ciao bambina) è un singolo del cantante italiano Domenico Modugno, pubblicato nel 1959.

La titletrack è stata scritta da Dino Verde e Domenico Modugno e presentata all'Eurovision Song Contest 1959, dopo aver vinto il Festival di Sanremo 1959. È una ballata drammatica, che racconta di un amante che chiede alla fidanzata un altro bacio e di non allontanarsi perché prova ancora amore per lei.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tornato in Italia dopo una serie di tour internazionali negli Stati Uniti e in America latina, Modugno cercò di coinvolgere Migliacci nella scrittura di una nuova canzone: mentre era in attesa che il suo treno partisse, alla stazione di Pittsburgh, in Pennsylvania, in un giorno di pioggia, osservò l'addio di due fidanzati sotto la pioggia, annotandosi questi versi: «Ciao ciao bambina, un bacio ancora / e poi per sempre ti perderò; / vorrei trovare parole nuove / ma piove, piove sul nostro amor».

Poiché il paroliere non fu interessato, Modugno coinvolse Dino Verde, con cui aveva già collaborato nella scrittura di Resta cu' mme, e compone questa canzone: per certi versi ripete lo schema di Nel blu dipinto di blu: un'introduzione lenta, accompagnata dall'organo hammond, suonato da Mario Migliardi, che poi si apre con un ritornello arioso. Inoltre un altro punto che accomuna i due brani è il fatto che entrambi siano conosciuti con la parola del ritornello, piuttosto che con il loro vero titolo.

La canzone vinse il Festival di Sanremo 1959, arriva in prima posizione nella classifica italiana per sei settimane, nei Paesi Bassi per nove settimane e nelle Fiandre in Belgio per due settimane divenendo così una delle più note del cantante, anche se non eguagliò il successo di Nel blu dipinto di blu. Nello stesso anno la canzone fu presentata da Joe Sentieri a Canzonissima, conquistando la vittoria.

Durante l'Eurofestival del 1959 la canzone fu eseguita dopo Uh, jeg ville ønske jeg var dig del danese Birthe Wilke e dopo Mon ami Pierrot di Jacques Pills, proveniente dal Monaco. Alla fine delle votazioni, il brano ricevette 9 punti, classificandosi 6º su un totale di 11 canzoni presentate. Ciò avvenne anche per la canzone italiana dell'Eurovision Song Contest 1960 Romantica di Renato Rascel.

Il singolo è stato pubblicato in numerose edizioni in vari paesi dalle etichette discografiche Fonit, Oriole, Karusell e Polydor.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Furono realizzate diverse versioni della canzone tra cui:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]