Pioggia gelata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Granelli di pioggia gelata

La pioggia gelata[1] è una forma di precipitazione solida formata da palline di ghiaccio omogeneo dure, che cadono da una nube (generalmente altostrati o nembostrati)[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le palline di pioggia gelata sono di solito sferoidali o di forma irregolare, raramente conica[3]. Il loro diametro è minore di 5 mm[4]. Non sono facilmente frantumabili e rimbalzano con un suono caratteristico[5].

A differenza della grandine e della gragnola le palline non hanno un nucleo. Le palline possono essere in parte liquide, la loro densità è di solito vicina o leggermente superiore a quella del ghiaccio (0,92 g/cm3)[6].

Le palline della pioggia gelata si formano dai fiocchi di neve che attraversano uno strato di aria con temperatura intorno a 0 °C, sciogliendosi in parte ma conservando tracce della struttura cristallina del fiocco. Queste gocce rimangono nello stato di sopraffusione ma, se incontrano uno strato d'aria con temperatura inferiore a 0 °C, possono ricongelare.

Questa precipitazione è spesso intermedia tra la pioggia e la pioggia congelantesi.

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il fenomeno della pioggia gelata è frequente in Pianura Padana quando correnti calde alle medie quote si insinuano sopra lo strato di aria fredda più pesante che resiste al suolo, noto come cuscino freddo, dove la temperatura resiste al di sotto dello 0 °C.

Nomenclatura[modifica | modifica wikitesto]

Non è sempre distinta dalla gragnola[7]. Ciro Chistoni e Alessandro Malladra notarono, durante una discesa nel Vesuvio il 26 aprile 1917, aiutandosi con una lente d'ingrandimento, una precipitazione costituita da corpuscoli di ghiaccio, faccettati e angolosi (non propriamente sferici o semisferici, com'è consueto nella pioggia gelata), di diametro compreso tra 0,25 mm e 0,5 mm, privi di nucleo interno, che rimanevano intatti per circa 25 secondi, mescolati a stelle di neve, esagonali, semplici e trasparenti e a nevischio minutissimo, di diametro inferiore a 1 mm; il fenomeno durò quattro minuti; lo scienziato lombardo ipotizzò che si trattasse di corpuscoli con un nucleo cristallino trasparente di sale sublimato, dapprima rivestito di ghiaccio e successivamente completamente disciolto nell'acqua di fusione[8].

METAR[modifica | modifica wikitesto]

Il codice METAR per la pioggia gelata è PL.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ciro Chistoni, Gelicidio, in Rendiconto dell'Accademia delle Scienze Fisiche e Matematiche. Società Reale di Napoli, s. III, v. XVI, 1910, pp. 238-239.
  2. ^ International Cloud Atlas 1975, p. 113.
  3. ^ International Cloud Atlas 1975, p. 113.
  4. ^ International Cloud Atlas 1975, p. 113.
  5. ^ International Cloud Atlas 1975, p. 113.
  6. ^ International Cloud Atlas 1975, p. 113.
  7. ^ Il McGraw-Hill Zanichelli small size. Dizionario enciclopedico scientifico e tecnico inglese-italiano italiano-inglese, Bologna, Zanichelli, 1986, ISBN 88-08-06170-1. 1ª ed. originale: (EN) McGraw-Hill Dictionary of Scientific and Technical Terms, New York, McGraw-Hill, 1974.
  8. ^ Singolare precipitazione acquea osservata al Vesuvio (PDF), in Atti della Reale Accademia dei Lincei. Rendiconti. Classe di scienze fisiche, matematiche e naturali, 5, vol. 26, nº 1, 1917, p. 606-607, SBN IT\ICCU\CUB\0187763.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Meteorologia Portale Meteorologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di meteorologia