Pio Brunone Lanteri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Se Verrò a Mancare , anche fosse mille volte, non mi perderò d'animo, non mi inquieterò, ma sempre pacificamente subito dirò nunc coepi, adesso ricomincio. »
(Manoscritto del Diacono Pio Bruno Lanteri oramai vicino alla sua ordinazione sacerdotale redatto tra il 1781 e il 1872[1])

Pio Brunone Lanteri (Cuneo, 12 maggio 1759Pinerolo, 5 agosto 1830) è stato un presbitero italiano, fondatore della congregazione degli Oblati di Maria Vergine. Fu proclamato venerabile da papa Paolo VI nel 1965.

Venerabile Pio Bruno Lanteri
Pio Bruno Lanteri ritratto di Michele Baretta
Pio Bruno Lanteri ritratto di Michele Baretta

Presbitero Fondatore degli Oblati di Maria Vergine

Nascita Cuneo, 12 maggio 1759
Morte Pinerolo, 05 agosto 1830
Venerato da Chiesa cattolica
Canonizzazione Proclamato venerabile nel 1965, da papa Paolo VI

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Venne ordinato sacerdote nel 1782. Membro di Amicizia cristiana, società segreta per diffusione della stampa cattolica, dopo la sua dispersione cercò invano di ricostituirla e nel 1817 fondò Amicizia cattolica, che conservò gli ideali della precedente associazione ma con un programma più adatto all'età della Restaurazione.

Organizzò l'assistenza a papa Pio VII durante la sua prigionia nel palazzo vescovile di Savona (1809-1812); venne poi costretto al confino nella sua casa di Bardassano della "La Grangia"[2] e nel 1814, caduto Napoleone, fece ritorno a Torino.

Nel 1815 fondò la congregazione degli Oblati di Maria Vergine, approvata nel 1826.

Scrittura di Schiavitudine[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 agosto 1781 Festa dell'assunzione di Maria, alla viglia della sua ordinazione diaconale avvenuta il seguente 22 settembre dello stesso anno, il giovane Lanteri decise di consacrarsi completamente alla Madonna con un atto di schiavitù, riflesso della speciale devozione che nutriva verso la madre di Dio alla quale era già stato consacrato nella sua prima infanzia dal padre Pietro Lanteri. È noto infatti che il Lanteri soleva ripetere spesso che:"non aveva altra madre, fuori di lei[3]", cioè la Madonna.

Ecco il testo della Scrittura di Schiavitudine:

« Cuneo, il 15 agosto 1781

Sappiano tutti coloro nelle mani delle quali capiterà questa mia Scrittura, che io sottoscritto B. [Bruno] mi vendo per schiavo perpetuo della Beata Vergine Maria Nostra Signora con donazione pura, libera, perfetta della mia persona, e di tutti i miei beni acciò ne disponga ella a suo beneplacito come vera, ed assoluta Signora mia. E siccome mi riconosco indegno di una tal grazia prego il mio S. Angelo Custode, S. Giuseppe, S. Teresa, S. Giovanni, S. Ignazio, S. Francesco Saverio, S. Pio, S. Bruno acciò mi ottengano da Maria Santissima che si degni ricevermi tra i suoi schiavi. A conferma di ciò mi sottoscrissi »

(Pio Bruno Lanteri[4])

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pio Bruno Lanteri, Direttorio e Altri Scritti, Siena, Edizioni Cantagalli, 1974.
  • Padre Armando Santoro OMV, Il cammino spirituale del Padre Pio Bruno Lanteri (1759 - 1830), Roma, Edizione a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 2007.
  • Padre Michele Babuin OMV, Dire Cristo al mondo piccola biografia del venerabile Pio Bruno Lanteri, Roma, Edizione a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 2007.
  • Padre Andrea Brustolon OMV, L'età della restaurazione, Fratture, Inganni, Ottusità mentali e religiosità, Torino, Edizioni Lanteri Foligno a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 1996.
  • Padre Andrea Brustolon OMV, Sacerdoti e Laici della Restaurazione, Intuizioni, condizionamenti ed eredità di un'epoca, Torino, Edizioni Lanteri Foligno a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 1996.
  • Padre Andrea Brustolon OMV, Alle origini della congregazione degli Oblati di Maria Vergine, Punti chiari e punti oscuri, Torino, Edizioni Lanteri Pisa a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 1995.
  • Padre Andrea Brustolon OMV, Diffusione della congregazione degli Oblati di Maria Vergine al di fuori dal Piemonte, traccia e Documenti dalla Restaurazione all'unità D'Italia, Torino, Edizioni Lanteri Pisa a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 1995.
  • Padre Andrea Brustolon OMV, Storiografia Lanteriana ed Archivio storico della congregazione degli Oblati di Maria Vergine, Torino, Edizioni Lanteri Pisa a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 1995.
  • Padre Timothy Gallagher OMV, Un'esperienza nello spirito, Pio Bruno Lanteri, il suo carisma nelle sue parole, Cuneo, Edizione a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 1989.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Padre Timothy Gallagher OMV, Un' esperienza nello spirito, Pio Bruno Lanteri, il suo carisma nelle sue parole, Cuneo, Edizione a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 1989, p. 66.
  2. ^ Fr. Pio Bruno Lanteri | Oblates of the Virgin Mary, su www.omvusa.org. URL consultato il 07 gennaio 2017.
  3. ^ Padre Armando Santoro OMV, Il cammino spirituale del Padre Pio Bruno Lanteri (1759 - 1830),, Roma, Edizione a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 2007.
  4. ^ Padre Timothy Gallagher OMV, Un' esperienza nello spirito, Pio Bruno Lanteri, il suo carisma nelle sue parole, Cuneo, Edizione a cura della provincia italiana degli Oblati di Maria Vergine, 1989, p. 59.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN13222203 · LCCN: (ENn80166781 · BNF: (FRcb12003889z (data)